Il giudice statunitense blocca le regole di asilo dell’amministrazione Trump

Il giudice statunitense blocca le regole di asilo dell’amministrazione Trump

PHOENIX – Un giudice federale ha bloccato la serie più radicale di restrizioni in materia di asilo dell’amministrazione Trump meno di due settimane prima che il presidente eletto Joe Biden si insediasse.

Le nuove regole sarebbero entrate in vigore lunedì. La sentenza del giudice distrettuale degli Stati Uniti James Donato a San Francisco venerdì ha un impatto immediato limitato poiché il governo ha in gran parte sospeso l’asilo al confine tra Stati Uniti e Messico durante la pandemia di coronavirus, citando preoccupazioni per la salute pubblica.

Tuttavia, lasciare che le regole entrassero in vigore sarebbe stato sentito da alcuni che potrebbero ancora richiedere asilo e rendere molto più difficile per tutti i richiedenti asilo una volta che le misure di pandemia saranno state revocate.

L’amministrazione del presidente Donald Trump ha sostenuto che le misure erano una risposta adeguata a un sistema afflitto da abusi e sopraffatto da richieste oltraggiose. Ma Donato si è schierato con i gruppi di difesa che hanno continuato le restrizioni, dicendo che il segretario alla Sicurezza Nazionale ad interim non aveva autorità.

Non è stato immediatamente chiaro se l’amministrazione Trump avrebbe effettuato una chiamata di emergenza.

QUESTO È UN BREVE AGGIORNAMENTO. La storia precedente di AP segue di seguito.

L’amministrazione Trump venerdì ha perso la chiamata a concedere a Stati ed enti locali il diritto di escludere i rifugiati.

Il gruppo di tre giudici della Corte d’appello del 4 ° circuito degli Stati Uniti ha affermato che l’ordine esecutivo che richiedeva agli enti statali e locali di dare il consenso prima di consentire il posizionamento dei rifugiati nella loro area “avrebbe comportato un trattamento ingiusto dei rifugiati e minare la coerenza nazionale che la legge sui rifugiati mira a proteggere “.

READ  Frasi di Natale 2020 - Tutto il meglio per Covid, Bambini, Papa Francesco e Amore

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Peter Messitte del Maryland ha bloccato l’ordine esecutivo nel gennaio 2020, sei mesi prima che entrasse in vigore. Messitte ha detto che il processo di reinsediamento dei rifugiati dovrebbe continuare come ha fatto per quasi 40 anni, con le agenzie di reinsediamento che decidono dove una persona potrebbe prosperare meglio.

Church World Service, Lutheran Immigration and Refugee Service e HIAS – un’organizzazione ebraica senza scopo di lucro – hanno intentato una causa nel novembre 2019 per bloccare il decreto. Le agenzie hanno affermato che il decreto è un tentativo di vietare i rifugiati Stato per Stato.

Krish O’Mara Vignarajah, amministratore delegato del Lutheran Immigration and Refugee Service, ha detto che le agenzie erano pronte ad andare alla Corte Suprema se avessero perso l’appello.

Solo uno stato, il Texas, aveva detto che avrebbe usato il nuovo potere per fermare il reinsediamento dei rifugiati.

“Quello che mi preoccupava del decreto era che rifletteva il desiderio di rendere questo programma vulnerabile a sfruttamento politico quando si parla di vite in gioco”, ha detto. “E ‘stato profondamente inquietante.”

Ora O’Mara Vignarajah ha detto che le agenzie possono concentrarsi sulla ricostruzione del programma che era stato paralizzato dall’amministrazione Trump negli ultimi quattro anni e che dovrebbe essere ripristinato dal presidente eletto Joe Biden.

Trump ha abbassato in modo significativo il limite di ammissione dei rifugiati al numero di rifugiati autorizzati a entrare negli Stati Uniti ogni anno. Quest’anno ha fissato il limite a 15.000, un record.

Biden si è impegnato a fissare il tetto annuale di ammissioni di rifugiati a 125.000.

READ  Dettaglio imbarazzante - Libero Quotidiano

“Rende più facile quella che sarebbe stata già una grande impresa per accelerare le cose”, ha detto O’Mara Vignarajah della decisione di venerdì.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega