Il tribunale italiano blocca i piani relativi a Bannon per l’accademia populista

Il tribunale italiano blocca i piani relativi a Bannon per l’accademia populista

ROMA – Il più alto tribunale amministrativo italiano si è pronunciato contro un think tank conservatore affiliato all’ex consigliere della Casa Bianca Steve Bannon per aver utilizzato un monastero del XIII secolo in cima a una collina per addestrare i futuri leader populisti, una decisione che Bannon ha denunciato martedì come uno “scherzo” politicamente motivato.

Il Consiglio di Stato ha stabilito che il Ministero della Cultura aveva ragione ad annullare la concessione che aveva concesso all’Institut Dignitatis Humanae, o Institute of Human Dignity. La corte ha concluso che l’istituto ha mentito quando ha presentato un’offerta per l’affitto del monastero nel 2017, sostenendo di avere le qualifiche per gestirlo che “si sono successivamente dimostrate false”.

La decisione ha annullato una precedente decisione di un tribunale amministrativo regionale che si è schierato con l’istituto.

Spinti dalla vittoria di Donald Trump nel 2016 e dall’aumento del sentimento nazionalista in Europa, Bannon e l’istituto avevano lanciato piani per creare un’accademia per formare populisti e nazionalisti nel monastero di Trisulti del XIII secolo, un’abbazia circondata da una foresta nel provincia di Frosinone a sud. Da Roma.

Bannon aveva detto che avrebbe portato insegnanti e raccolto fondi per l’accademia, che era stata soprannominata una “scuola di gladiatori” per il diritto alternativo.

Ma i residenti locali si sono opposti e alla fine il Ministero della Cultura, sotto la guida del politico di centro sinistra Dario Franceschini, ha cercato di revocare il contratto di locazione, adducendo una serie di irregolarità che l’istituto ha negato e che i tribunali inferiori hanno respinto.

Tuttavia, il Consiglio di Stato ha ritenuto che l’istituto avesse snaturato la propria personalità giuridica e la propria esperienza nel campo della promozione dei beni culturali durante la sua domanda iniziale di concessione, snaturando i requisiti dei termini del bando del Ministero dei Beni Culturali.

READ  L'inarrestabile Gut-Behrami raddoppia la velocità in Italia

Nella sua decisione di 40 pagine, il tribunale ha affermato che l’istituto ha “ottenuto un vantaggio economico (ottenendo la concessione di un bene culturalmente rilevante attraverso un processo di screening) sulla base di dichiarazioni rese al momento dell’offerta. Che sono state successivamente dimostrate. sbagliarsi. “

Ha stabilito che il Ministero della Cultura ha fatto bene a revocare l’affitto dato che il monastero fa parte del patrimonio culturale italiano, e che questo era di “interesse pubblico” dato che l’istituto “non ha mai dimostrato di possedere davvero tutte le condizioni richiesto ”per mantenere il monastero.

Il leader del centrosinistra della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha salutato la decisione.

“Steve Bannon ei sovranisti devono lasciare il Trisulti”, ha detto Zingaretti su Facebook, promettendo di collaborare con il Ministero della Cultura per “restituire questo posto meraviglioso alla gente”.

Anche il vescovo cattolico locale ha accolto con favore la decisione, affermando che il Consiglio di Stato ha fatto la cosa giusta restituendo il monastero “al popolo di Dio e all’intera comunità”.

In una dichiarazione riportata dal quotidiano Avvenire della Conferenza episcopale italiana, il vescovo Lorenzo Loppa ha detto che la diocesi ora lavorerà con la comunità per trovare nuova vita a questo “gioiello monastico”, suggerendo che potrebbe essere utilizzato come sede di ‘a fondazione.

Bannon ha detto martedì che la sentenza della corte era uno “scherzo” politicamente motivato che si adattava a un paese in via di sviluppo. Ha definito il governo italiano “corrotto, incompetente e al verde” e incapace di prendersi cura del monastero, che ha promesso di combattere per mantenerlo.

READ  30 Migliori Natale Regali Originali Testato e Qualificato

“Ci rifiutiamo di essere fermati dalla burocrazia corrotta che infesta il governo italiano e ferisce il popolo italiano”, ha detto Bannon in una nota, aggiungendo che la sentenza della corte “mette ancora più vergogna al sistema giudiziario italiano già macchiato agli occhi del governo. mondo intero “.

Non si sa, tuttavia, quali altri rimedi legali abbia.

Benjamin Harnwell, fondatore e presidente dell’istituto, aveva precedentemente affermato che l’istituto era stato preso di mira a causa della sua affiliazione a Bannon e del suo sostegno al leader italiano di destra Matteo Salvini e al suo “eroico blocco dell’immigrazione illegale in Italia”.

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…

Dignitatis Humanae, che afferma che il suo scopo è difendere le fondamenta giudaico-cristiane della civiltà occidentale, aveva contato sull’importante sostegno del cardinale conservatore americano Raymond Burke, che è stato nominato presidente onorario dell’istituto nel febbraio 2019. Ma Burke si è dimesso a febbraio. 2019. Giugno di quell’anno, dicendo in una dichiarazione che si dimetteva perché l’istituto si era “identificato maggiormente con l’agenda politica del signor Bannon”.

Questa è l’ultima battuta d’arresto negli sforzi di Bannon per radunare la destra europea, dopo che i suoi precedenti sforzi per corteggiare persone come Salvini e il francese Marine Le Pen si sono conclusi con gli europei che hanno ampiamente spazzato via Bannon.

L’ex presidente Donald Trump ha perdonato Bannon, il suo ex capo stratega, nelle sue ultime ore in carica dopo che Bannon è stato incriminato con l’accusa di aver frodato migliaia di donatori che pensavano che i loro soldi avrebbero aiutato a costruire un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico. I pubblici ministeri di New York affermano che il denaro è stato utilizzato invece per pagare lo stipendio e le spese personali di un funzionario della campagna.

READ  30 Migliori Pellicola Huawei P Smart Testato e Qualificato

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega