Il tribunale italiano valuta l’estradizione in Vaticano in un processo equo

Il tribunale italiano valuta l’estradizione in Vaticano in un processo equo

ROMA – Un tribunale di Milano inizia lunedì a valutare se estradare una donna italiana in Vaticano per affrontare le accuse di appropriazione indebita in un caso che potrebbe verificare se l’Italia vede il Vaticano come uno stato in cui qualcuno si può ottenere un giusto processo.

Già due tribunali italiani si sono pronunciati contro i pubblici ministeri vaticani nell’ambito della loro vasta indagine sulla corruzione, che ha evidenziato l’incompatibilità del sistema giudiziario vaticano con gli standard europei.

Nel caso davanti alla Corte d’Appello di Milano, gli avvocati di Cecilia Marogna, autoproclamata analista dell’intelligence, dovrebbero sostenere che non dovrebbe essere estradata in Vaticano perché non esiste un trattato per estradizione tra i due stati. Un altro possibile argomento è che senza un simile trattato, la legge italiana vieta l’invio di cittadini in un paese in cui il loro “diritto fondamentale” a un processo equo non è garantito.

Gli avvocati della difesa che hanno lavorato nel sistema di giustizia penale vaticano affermano che le sue procedure sono obsolete, non forniscono diritti adeguati agli imputati e sono soggetti a interferenze arbitrarie da parte del Papa, che come monarca assoluto esercita il potere legislativo, esecutivo e giudiziario esclusivo.

Nella più ampia indagine sulla corruzione, ad esempio, Papa Francesco ha autorizzato una procedura che impedisce la supervisione dei pubblici ministeri da parte di un giudice indipendente durante la fase investigativa. La difesa, inoltre, non ha la possibilità di impugnare le testimonianze ottenute durante le indagini o le prove sequestrate durante le perquisizioni, come sarebbe richiesto in Italia.

I procuratori vaticani insistono sul fatto che i diritti degli accusati siano salvaguardati e che il Papa ha dovuto ordinare il “rito sommario” in questo caso per tecnicismi dovuti al vecchio codice legale in vigore.

READ  Serie A: il tecnico della Juventus sospettato di aver sistemato il test di lingua italiana per Luis Suarez

Nel caso di estradizione spin-off, i pm vaticani hanno accusato Marogna di appropriazione indebita e appropriazione indebita della Santa Sede. Dicono che Marogna abbia ricevuto almeno 575.000 euro dalla Segreteria di Stato vaticana dal 2018 al 2019 per aiutare a liberare gli ostaggi cattolici, ma il denaro è stato utilizzato invece per acquistare Prada, Chanel e altri beni di lusso di fascia alta.

Marogna ha detto ai media italiani che il denaro trasferito alla sua società con sede in Slovenia Logsic era per il risarcimento e il rimborso delle spese sostenute per il suo lavoro di sicurezza. Ha ammesso, tuttavia, che alcuni acquisti, come un portafogli firmato, erano “forse per la moglie di un amico nigeriano che ha potuto parlare con il presidente del Burkina Faso”.

La polizia italiana ha arrestato Marogna a Milano il 13 ottobre sulla base di un mandato di cattura internazionale emesso dal Vaticano tramite Interpol. È stata incarcerata per due settimane prima che un tribunale italiano ne ordinasse il rilascio. Recentemente, la più alta corte italiana, la Corte di cassazione, ha affermato che non avrebbe mai dovuto essere arrestata prima che un tribunale valutasse se potesse essere estradata.

Questa valutazione è iniziata lunedì. Non ci sono indicazioni su quando si pronuncerà la corte d’appello di Milano.

La sentenza di cassazione che ribalta l’arresto di Marogna non è stato però il primo colpo per i pm vaticani. Recentemente, un tribunale di Roma ha escluso una perquisizione ordinata dal Vaticano di un appartamento di Roma illegale poiché i pubblici ministeri del Vaticano hanno aggirato i passaggi richiesti.

READ  viaggi, pranzi, seconde case, visite e multe. Cosa possiamo fare oggi - Corriere.it

La Corte di revisione ha rilevato che i pubblici ministeri vaticani hanno aggirato il ministero della Giustizia italiano modificando il mandato di perquisizione, inviando un’e-mail direttamente ai pubblici ministeri italiani chiedendo alla polizia italiana di sequestrare denaro, documenti e documenti. oro e altri beni presso l’abitazione di Onofrio Tirabassi, padre di uno degli indagati. nell’inchiesta vaticana. Il padre non è un sospetto.

La Corte di revisione ha affermato che la richiesta di sequestro era “radicalmente nulla e illegittima” perché ha privato il Dipartimento di Giustizia dell’opportunità di valutarla e ha ordinato la restituzione del denaro al padre.

Il ministero della Giustizia italiano ha rifiutato di commentare.

L’indagine Marogna è una ricaduta delle principali indagini del Vaticano sull’investimento di 350 milioni di euro del Segretario di Stato in una società immobiliare a Londra.

Il caso Marogna comporta altre decisioni discutibili da parte della segreteria dei funzionari. Marogna ha detto ai media italiani di aver contattato l’ufficio in quel momento, no. 2, il cardinale Angelo Becciu, nel 2015, preoccupato per la sicurezza delle ambasciate vaticane nei punti critici ed è stato rapidamente integrato nella cerchia ristretta di Becciu.

Caricamento in corso…

Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…Caricamento in corso…

Secondo gli sms riportati dalla Procura vaticana nella loro richiesta di estradizione, Becciu ha autorizzato il 20 dicembre 2018 uno dei suoi ex deputati a trasferire 75mila euro alla società Logsic de Marogna “perché sembra che qualcosa inizia a muoversi ”nel caso di un colombiano rapito. religioso. Un altro messaggio diceva che lo stesso Papa era consapevole degli sviluppi e voleva che tutto fosse tenuto “nella massima segretezza”. Altri quattro pagamenti sono stati effettuati a Logsic da gennaio a luglio 2019.

READ  I capelli di Donald Trump - Corriere.it

Francis ha licenziato Becciu il 24 settembre per ciò che Becciu ha detto erano accuse di appropriazione indebita non correlate che ha negato. Becciu ha detto che tutti i suoi rapporti con Marogna erano “esclusivamente per questioni istituzionali”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega