Il Venezuela espelle il capo delegazione UE dopo nuove sanzioni | Notizie dall’Unione europea

Il Venezuela espelle il capo delegazione UE dopo nuove sanzioni |  Notizie dall’Unione europea

Il Venezuela ha espulso il capo della delegazione dell’Unione europea a Caracas, ha detto mercoledì il ministro degli Esteri Jorge Arreaza in risposta alle nuove sanzioni imposte dall’UE.

Parlando alla televisione nazionale venezuelana, Arreaza ha detto che Isabel Brilhante aveva 72 ore per lasciare il paese.

“Oggi, con decisione del presidente Nicolas Maduro, abbiamo consegnato a Isabel Brilhante, che negli ultimi anni era a capo della delegazione dell’Unione Europea in Venezuela, la dichiarazione di“ persona non grata ””, ha dichiarato.

“Secondo la Convenzione di Vienna, per quanto riguarda le relazioni diplomatiche, le è stato concesso un periodo di 72 ore per lasciare il territorio venezuelano”.

Le immagini mostrate dalla televisione di stato venezuelana hanno mostrato il ministro degli Esteri Jorge Arreaza che presenta Isabel – una cittadina portoghese – con un documento che, secondo lui, dichiara ufficialmente la decisione che non è più la benvenuta in Venezuela. [Manaure Quintero/Reuters]

Lunedì, l’UE ha imposto sanzioni a 19 funzionari venezuelani accusati di “indebolire i diritti elettorali dell’opposizione” e “gravi violazioni dei diritti umani” nel paese, dopo che gli alleati de Maduro hanno vinto le elezioni legislative a dicembre che l’opposizione venezuelana, insieme a diversi altri paesi, hanno affermato di essere fraudolenti.

L’UE ha affermato che le misure sono reversibili e non hanno lo scopo di influenzare la popolazione venezuelana.

“Queste misure mirate sono progettate per non avere effetti umanitari negativi o conseguenze non intenzionali per la popolazione venezuelana e possono essere revocate”, ha affermato il Consiglio dell’UE in una dichiarazione.

Le sanzioni hanno congelato i beni e imposto divieti di viaggio ai 19 funzionari “in considerazione del deterioramento della situazione in Venezuela dopo le elezioni di dicembre 2020”, si legge nel comunicato.

L’UE ha dichiarato di mantenere le sanzioni contro un totale di 55 persone in Venezuela.

Il leader dell’opposizione Juan Guaido, che ha cercato di rovesciare Maduro, ha boicottato le elezioni parlamentari, dicendo che non ci sarebbe mai stata una corsa libera ed equa [Matias Delacroix/AP Photo]

Le immagini trasmesse dalla televisione di stato venezuelana hanno mostrato Arreaza che presenta Brilhante – una cittadina portoghese – con un documento che, secondo lui, dichiara ufficialmente la decisione che non è più la benvenuta in Venezuela.

READ  L'assurda storia di Leo, morto all'età di 9 anni dopo essere caduto da un armadio

“Lo abbiamo fatto perché ci sono 55 decisioni, quelle che chiamano nell’Unione europea o nel sistema americano, sanzioni, come se avessero autorità morale”, ha detto Arreaza.

“Non hanno nemmeno uno status legale. [authority] imporre punizioni di qualsiasi tipo ai cittadini di qualsiasi altra nazione che non faccia parte dell’Unione Europea, e ancor meno in Venezuela ”, ha dichiarato.

L’UE ha affermato che la mossa mina gli sforzi dell’Unione per sostenere i negoziati e il dialogo nel paese in crisi.

“L’UE si rammarica profondamente della decisione delle autorità venezuelane di dichiarare persona non grata il capo della delegazione dell’UE nel paese”, ha affermato Nabila Massrali, portavoce dell’UE per gli affari esteri e la sicurezza politica in un dichiarazione. “Questo porterà solo a un ulteriore isolamento internazionale del Venezuela”.

“Chiediamo che questa decisione venga ribaltata”, ha detto.

Il leader dell’opposizione Juan Guaido, che si è dichiarato presidente ad interim del Venezuela nel 2019, ha boicottato le elezioni parlamentari, dicendo che non sarebbero mai state una razza libera ed equa. I risultati finali hanno mostrato che gli alleati di Maduro hanno vinto con un margine schiacciante, dando loro il controllo della maggioranza dell’Assemblea nazionale del paese.

Gli Stati Uniti, sotto l’amministrazione Trump, hanno riconosciuto Guaido come il leader legittimo del Venezuela. Il presidente Joe Biden, entrato in carica il 20 gennaio, ha ribadito questo riconoscimento. Ma l’UE, all’inizio di gennaio, ha abbandonato il riconoscimento di Guaido come presidente ad interim dopo il voto, che ha portato Guaido a perdere il suo posto di capo dell’Assemblea nazionale.

READ  Corona virus, chiusura parziale a Madrid. In Gran Bretagna ci sono 7mila casi, 12mila in Francia

Diversi altri paesi occidentali continuano a riconoscere Guaido come il leader legittimo della nazione che soffre di una crisi politica ed economica di lunga data. Il Venezuela è anche afflitto da iperinflazione e mancanza di forniture essenziali, come acqua pulita, cibo ed energia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega