Insegnante di italiano sospeso dopo che gli studenti hanno denunciato l’uso di insulti razziali

Insegnante di italiano sospeso dopo che gli studenti hanno denunciato l’uso di insulti razziali

Un’insegnante di italiano a Toronto è stata sospesa dal lavoro dopo che una studentessa ha riferito di aver usato la parola N in classe il mese scorso.

Lulu Minh stava seguendo un corso virtuale all’Istituto Italiano di Cultura – un istituto di cultura legato al consolato italiano – quando è avvenuto l’incidente.

Minh ha detto alla CBC Toronto che l’insegnante ha usato l’insulto paragonandolo a una parola italiana dispregiativa usata per riferirsi alle persone nel sud Italia.

“Così l’insegnante ha detto: ‘Questa parola è brutta come se la stessi usando’ – poi ha detto la parola N, sia in italiano che in inglese”.

Minh si è detta sconvolta ed ha espresso il suo disagio sia in classe che in una mail all’insegnante, e, successivamente, in una mail al direttore dell’istituto di cultura.

“Semplicemente non penso che sia giustificato usarlo in un contesto educativo”, ha detto.

Entrambe le risposte via e-mail sono state brevi, ha detto Minh, l’insegnante “più o meno” [justifying] dicendo: ‘Oh, era solo per fare un confronto.'”

Minh dice che intende continuare a imparare l’italiano, ma non all’istituto. (Inviato da Lulu Minh)

Rispondendo a CBC News in una e-mail, la preside Veronica Manson ha affermato che dopo aver ricevuto la denuncia, l’istituto ha avviato un'”indagine completa”, che ha portato alla decisione di sospendere l’insegnante.

“Inoltre, in risposta a questa situazione, abbiamo programmato un corso di formazione sulla sensibilità obbligatorio per tutto il nostro personale per risolvere il problema”, ha scritto Manson.

Minh ha definito questo “un passo nella giusta direzione”, ma ha detto che si chiedeva ancora se all’insegnante sarebbe stato permesso di tornare e cosa avrebbe effettivamente realizzato la formazione.

“Che aspetto ha? Stanno portando una persona bianca a fare questo corso? Quali sono le qualifiche di quella persona?”

Ha detto che aveva intenzione di continuare a studiare l’italiano, ma non all’Istituto Italiano di Cultura, che ha detto che “ha reso la loro cultura un disservizio” nel modo in cui il personale ha risposto a quello che è successo.

“Ero molto riluttante a fare rumore perché non sono una persona di colore. Ma sono una persona di colore”, ha detto Minh.

“Quando penso, se fossi in questa classe e diciamo che l’insegnante ha usato insulti razzisti sugli asiatici… vorrei che qualcuno nella mia classe fosse mio alleato e mi difendesse.”

READ  30 Migliori Fucili Softair Cecchino Testato e Qualificato

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega