La Casa Bianca valuta la chiusura del carcere di Guantanamo | Notizie dalla prigione

La Casa Bianca valuta la chiusura del carcere di Guantanamo |  Notizie dalla prigione

La prigione offshore simboleggia gli eccessi della “guerra al terrore” degli Stati Uniti a causa dei duri metodi di interrogatorio e della tortura.

L’amministrazione Biden ha avviato una revisione formale del futuro della prigione militare statunitense di Guantanamo Bay a Cuba, riaccendendo l’obiettivo dell’era Obama di chiudere la famigerata struttura, ha detto venerdì un funzionario della Casa Bianca.

Gli aiutanti coinvolti nei colloqui interni prevedono di firmare l’azione esecutiva del presidente Joe Biden nelle prossime settimane o mesi, hanno detto all’agenzia di stampa Reuters due persone che hanno familiarità con la questione, segnalando un nuovo sforzo per eliminare ciò che i difensori dei diritti umani hanno denunciato. L’immagine complessiva dell’America.

È improbabile che una tale mossa, tuttavia, possa abbassare presto il sipario sul carcere di massima sicurezza situato presso la stazione navale di Guantanamo, in gran parte a causa dei significativi ostacoli politici e legali che la nuova amministrazione dovrà affrontare.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama discute i piani dell’amministrazione per chiudere la prigione militare di Guantanamo mentre rilasciava una dichiarazione alla Casa Bianca a Washington il 23 febbraio 2016 [File: Carlos Barria/Reuters]

Progettata per trattenere i sospetti all’indomani degli attacchi dell’11 settembre 2001, la prigione offshore è diventata il simbolo degli eccessi della “guerra al terrore” americana a causa dei duri metodi di interrogatorio che secondo i critici sono andati male, simili alla tortura.

“Stiamo intraprendendo un processo NSC per valutare lo stato attuale delle cose che l’amministrazione Biden ha ereditato dalla precedente amministrazione, in linea con il nostro obiettivo più ampio di chiudere Guantanamo”, ha detto a Reuters il portavoce del Consiglio. Emily Horne, responsabile della sicurezza nazionale.

“L’NSC lavorerà a stretto contatto con i dipartimenti della difesa, dello stato e della giustizia per procedere verso la chiusura della struttura del GTMO e anche in stretta consultazione con il Congresso”, ha aggiunto.

READ  Nagorno: Putin, cessate il fuoco completo tra Azerbaigian e armeni - il mondo

L’impatto immediato di un nuovo approccio potrebbe essere quello di ripristinare, in una forma o nell’altra, la politica di chiusura di Guantanamo dell’ex capo di Biden, l’ex presidente Barack Obama, che è stata revocata da Donald Trump il prima possibile. È entrato in carica nel 2017.

Trump ha tenuto la prigione aperta durante i suoi quattro anni alla Casa Bianca, anche se non l’ha mai definita “cattivi”, come aveva giurato una volta. Oggi rimangono 40 prigionieri, la maggior parte detenuti per quasi due decenni senza essere accusati o processati.

L’amministrazione Biden non è riuscita a fare di Guantanamo una delle sue massime priorità mentre è alle prese con la pandemia e le sue ricadute economiche per il suo paese e altre sfide globali [File: John Moore/Getty Images]

L’amministrazione Biden non ha fatto di Guantanamo una delle sue massime priorità mentre è alle prese con la pandemia e le sue ricadute economiche nel paese e altre sfide globali. Al contrario, Obama ha fatto della chiusura di Guantanamo uno dei suoi primi ordini esecutivi nel 2009 ma non è riuscito a raggiungere questo obiettivo alla fine del suo secondo mandato.

La chiusura della struttura è una richiesta di lunga data dei Democratici Progressisti, il cui sostegno ha aiutato Biden a vincere la Casa Bianca a novembre.

La continua esistenza della prigione, dicono i critici, è un promemoria per il mondo delle dure pratiche di detenzione che hanno aperto gli Stati Uniti alle accuse di tortura. È anche un vivido esempio di come il sospetto razzista nei confronti di uomini neri e marroni porti a una sorveglianza sproporzionata e al sospetto di atti di terrorismo.

Più di 100 organizzazioni per i diritti umani hanno firmato il 2 febbraio lettera a Biden chiedendogli di chiudere la prigione e porre fine alla detenzione a tempo indeterminato dei sospettati ivi detenuti, dicendo che era giunto il momento per “una valutazione significativa dell’entità dei danni causati dall’approccio post-11 settembre”.

READ  "Scusa perché ridi ...?" Minniti insulta Jade Lerner in TV

“Guantanamo continua a causare escalation e profondi danni agli uomini che ancora languiscono lì, e l’approccio che incarna continua ad alimentare e giustificare il fanatismo, gli stereotipi e lo stigma”, diceva la lettera. “Guantanamo rafforza le divisioni razziali e il razzismo in modo più ampio e rischia di facilitare ulteriori violazioni dei diritti”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega