La corte saudita conferma la condanna dell’attivista al-Hathloul in udienza | Notizie sui diritti delle donne

La corte saudita conferma la condanna dell’attivista al-Hathloul in udienza |  Notizie sui diritti delle donne

L’attivista per i diritti umani al-Hathloul, rilasciato a febbraio dopo tre anni di carcere, è comparso in un’udienza d’appello.

Un tribunale saudita ha confermato la sentenza iniziale dell’attivista per i diritti delle donne Loujain al-Hathloul, che aveva difeso il diritto delle donne di guidare e di porre fine al sistema di tutela maschile dell’Arabia Saudita.

Al-Hathloul è stato condannato a dicembre a quasi sei anni di carcere in base alle leggi generali sulla criminalità informatica e contro il terrorismo dopo un lungo processo che ha suscitato una diffusa condanna internazionale, ma è stato rilasciato il mese scorso dopo aver scontato metà della sua pena detentiva.

Andando in tribunale mercoledì mattina prima dell’udienza d’appello, al-Hathloul, 31 anni, ha detto ai giornalisti che sperava che il tribunale penale speciale di Riyadh cambiasse la sua sentenza – i suoi primi commenti pubblici dal suo arresto nel 2018. La corte, tuttavia, ha stabilito che lui sarebbe rimasto.

Al-Hathloul è stato arrestato nel maggio 2018 e condannato a dicembre a quasi sei anni di carcere con accuse che gli esperti dei diritti delle Nazioni Unite hanno definito false.

Il tribunale ha sospeso due anni e 10 mesi della sua condanna, la maggior parte dei quali era già stata scontata. Al-Hathloul, il cui rilascio è sulla parola, rimane soggetto a un divieto di viaggio di cinque anni.

Al-Hathloul è salita alla ribalta nel 2013 quando ha iniziato a fare una campagna pubblicitaria per il diritto delle donne a guidare in Arabia Saudita, una monarchia assoluta.

La legge saudita in precedenza vietava alle donne di guidare, ma è stata modificata nel giugno 2018, consentendo loro di farlo.

READ  Due uomini accusati di una rivolta a Capitol Hill

Arrestato per la prima volta nel 2014

È stata arrestata per la prima volta nel 2014 mentre tentava di attraversare il confine dagli Emirati Arabi Uniti – dove aveva una patente di guida valida – in Arabia Saudita.

Ha trascorso 73 giorni in un centro di detenzione femminile, un’esperienza che dice ha contribuito a plasmare la sua campagna contro il sistema di tutela maschile del regno conservatore.

Negli ultimi anni, il regno ha scosso il tanto criticato sistema di tutela, che assegnava a ogni donna un parente maschio – un padre, un fratello, un marito o un figlio – la cui approvazione è necessaria per varie decisioni importanti in tutto il mondo. .

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha preso una posizione ferma sulla situazione dei diritti umani dell’Arabia Saudita, ha esortato Riyadh a rilasciare i prigionieri politici, comprese le attiviste per i diritti delle donne.

Washington ha detto all’inizio di questo mese di essere stato incoraggiato a vedere alcuni attivisti – tra cui al-Hathloul – essere rilasciati. Ma ha esortato l’Arabia Saudita a revocare i divieti di viaggio, commutare pene e risolvere casi, compresi quelli di attiviste per i diritti delle donne.

Le autorità saudite hanno liberato su cauzione due attivisti di nazionalità americana a febbraio in attesa del processo per terrorismo.

A gennaio, una corte d’appello saudita ha quasi dimezzato una condanna a sei anni di reclusione per un medico saudita-americano e ha sospeso il resto, il che significa che non doveva tornare in prigione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega