La più antica boutique italiana di produzione di campane si rivolge alla vendita online all’estero per mantenere vivo l’antico artigianato

La più antica boutique italiana di produzione di campane si rivolge alla vendita online all’estero per mantenere vivo l’antico artigianato

È difficile immaginare una città italiana senza uno skyline di campanili turriti o un clamore orario di campane che suonano e suonano nell’aria.

Con il Vaticano annidato nel cuore del paese, i grandi strumenti in bronzo hanno letteralmente echeggiato il cristianesimo in tutta Italia per secoli.

Ma come si sono quasi prosciugate le moltitudini chiamate alla messa quotidiana dal tribunale del campanile, così l’antica conoscenza usata per produrre i bronzi giganti rischia di scomparire.

E questo rende la sopravvivenza della più antica fonderia di campane d’Italia, situata nel piccolo comune di Agnone, nella regione collinare e desolata del Molise meridionale, quasi un miracolo.

“È una professione complessa che implica una comprensione precisa della matematica, della fisica, della geometria e della musica”, ha detto il campanaio Antonio Delli Quadri, 83 anni, tra i cui clienti Nazioni Unite a New York e in Vaticano.

“Dal rigore dei numeri all’armonia del suono.”

ASCOLTA | La storia di una fonderia di campane in un piccolo paese del sud Italia:

Il flusso0:00La più antica bottega artigiana italiana lavora per mantenere vivo l’artigianato antico

Le campane possono essere un simbolo del periodo natalizio, ma i tradizionali artigiani delle campane stanno diminuendo. Megan Williams ci racconta la storia di una fonderia di campane in un piccolo paese del sud Italia, gestita dalla stessa famiglia da mille anni. Sono determinati a mantenere in vita l’imbarcazione. 0:00

Niente macchine, niente stampi prodotti in serie

Delli Quadri iniziò ad aiutare a suonare le campane all’età di 15 anni, iniziando con “i lavori più umili” all’interno della vivace e screziata bottega di luci gestita dalla famiglia Marinelli almeno dal 1339. Fino agli anni ’50 erano attive in tutta Italia una ventina di fonderie di campane, tutte a conduzione familiare.

READ  Il piano alternativo di Renzi sul fondo di stimolo

Oggi la Fonderia Marinelli è una delle cinque sopravvissute ed è il fornitore ufficiale di campane per il Vaticano.

“Si potrebbe dire che, attenendosi a questi metodi secolari, siamo ora lungimiranti”, ha detto Pasquale, 50 anni, il più giovane dei due fratelli Marinelli che ora gestisce la fonderia.

“Non abbiamo introdotto macchine. Siamo rimasti nella stessa officina tradizionale invece di trasferirci in una fabbrica più grande. Ci rifiutiamo di lavorare con stampi senza anima e prodotti in serie”.

L’artigiano 28enne Ettore Marinelli fa parte dell’ultima generazione di Marinelli per mantenere l’antica fonderia di campane di famiglia. La Pontificia Fonderia Marinelli è la più antica fonderia di campane d’Italia e una delle poche rimaste nel Paese. (Chris Ward-Jones)

In effetti, i materiali sparsi per il laboratorio – argilla, legno, cera, mattoni e bronzo – sono gli stessi usati dagli artigiani medievali. I Marinelli usano anche le stesse tecniche per progettare e fondere le campane, inclusa una formula geometrica che coinvolge l’altezza, il diametro della base e la distanza dalla base alla sommità della campana, con la parte più spessa della campana ancora. un 14 ° del diametro.

Mentre le campane sono parte integrante delle chiese cattoliche in Italia e altrove, gli strumenti in bronzo hanno svolto un ruolo vitale nella vita della comunità fino al Medioevo, quando gradualmente cessarono di essere appesi sulle porte. della città e cominciò a risuonare sui campanili delle chiese. .

I “ primi mass media ” al mondo

Paola Patriarca, fonderia artigiana che gestisce il piccolo museo delle campane sopra la bottega Marinelli, dove sono esposte più di 1.000 campane, definisce le campane “i mass media più importanti del mondo”.

“Il suono delle campane è ora considerato nostalgico, ma ricorda, solo 50 anni fa, non tutti avevano un orologio”, ha detto Patriarca. “Le campane sono servite [as] servizi essenziali, come l’avvertimento quando pioverà o un’ora prima del tramonto, che sono di particolare importanza per i lavoratori in zone remote o nei boschi sotto una pesante tettoia.

“Anche per chi pescava all’aperto, quando il cielo era coperto, il suono era un messaggio per tornare a riva. Le campane tenevano le persone al sicuro.

Le intricate decorazioni delle campane sono scolpite nella cera. (Chris Warde-Jones)

Le campane stanno esplodendo online

Mentre i mass media originali del mondo stanno scomparendo in Italia, l’avvento dei nuovi mezzi di comunicazione digitali ha permesso alla fonderia Marinelli di continuare ad operare.

Gli ordini online dalle chiese in espansione in Africa, Asia e Sud America, per non parlare dei templi e dei musicisti buddisti, hanno contribuito a compensare il calo degli ordini delle chiese cattoliche in Italia e in Europa.

Eppure l’influenza cattolica è profondamente radicata nelle campane quanto gli anelli d’oro che i credenti un tempo fondevano nel bronzo bollente, sia nella loro nomenclatura che nella loro produzione.

Campane benedette dal sacerdote

I Marinelli chiamano le campane “bronzi sacri” e le descrivono non come formate ma “nate”, con la struttura iniziale di legno e mattoni che dà forma agli interni chiamata “anima”, o anima. Ancora oggi un sacerdote è chiamato in fonderia per benedire la campana, emettendo uno scoppio di Ave Maria al momento della fusione, quando il liquido di bronzo viene versato nello stampo.

“Ho visto nascere questa campana”, dice Delli Quadri della campana del Giubileo in Vaticano. (Chris Warde-Jones)

“Le campane contenevano parti della comunità su cui stavano suonando”, ha detto il fratello maggiore di Marinelli Armando. “Come atto di fede, le persone gettano i loro anelli d’oro o le loro collane nel bronzo quando inizia a tramontare. Quindi, in un modo molto materiale, molte campane contengono frammenti del nostro passato. le campane suonano, la gente sente suonare le vecchie generazioni. “

La produzione dell’anello desiderato rimane una sfida. Un piccolo errore può portare a dover tornare all’inizio di un processo che può richiedere fino a tre mesi. Con campane grandi, alcune che pesano fino a 600 chilogrammi e costano decine di migliaia di dollari, la precisione è fondamentale.

Delli Quadri ha detto che qualsiasi campanaio che si vanta di non sbagliare mai mente. Ha detto che i suoi stessi passi falsi sono stati fortunatamente su campane più piccole e meno importanti.

Spero che la tradizione continui

Delli Quadri, che ha passato tutta la vita all’interno della fonderia e si è pericolosamente appollaiato sui campanili per montare i giganteschi bronzi, preferisce ricordare i suoi trionfi: il più grande, dice, è la Campana del Giubileo Vaticano. nel 2000.

“Ho visto questa campana nascere”, ricorda orgoglioso, “e l’ho seguita fino al completamento. Dal primo mattone qui in officina al montaggio del bronzo su una struttura che ho. io stesso costruito nei Giardini Vaticani “.

Ha detto che sperava che con la prossima generazione di Marinelli impegnata a mantenere la fonderia in attività, i segreti secolari rimarranno vivi, almeno per il prossimo futuro.

“Queste sono imprese intergenerazionali”, ha detto Delli Quadri. “E se non hai una nuova generazione pronta per iniziare a fare campane, questa è la fine.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega