Le speranze dell’Irlanda per la Coppa del Mondo rivivono mentre la prestazione del virtuoso Beibhinn Parsons respinge l’Italia

Le speranze dell’Irlanda per la Coppa del Mondo rivivono mentre la prestazione del virtuoso Beibhinn Parsons respinge l’Italia

Arriva l’ora, arriva la ragazza di Galway.

La superba prestazione individuale di Eibhinn Parsons ha mantenuto vive le sue speranze per una trasferta inaugurale della Coppa del Mondo, una meta da rete e una spettacolare corsa di falce per crearne un’altra all’ora che porta l’instabile Irlanda alla linea contro l’Italia.

Una cosa è completare un Mondiale che non coinvolga gli irlandesi; ma negare l’attentato di Ballinasloe alla scena mondiale sarebbe una farsa. La competizione di livello mondiale richiede la presenza di un giocatore di livello mondiale.

La squadra di Adam Griggs ha dovuto vincere a Parma per evitare l’eliminazione da questo round robin e, sebbene le loro prestazioni fossero molto al di sotto della media, l’incompetenza italiana simile e gli sforzi notevoli di Parsons hanno salvato la sua squadra.

Battere la Scozia il prossimo fine settimana con un punto bonus, dopo aver rifiutato oggi gli italiani, potrebbe ancora offrire un posto automatico alla Coppa del Mondo per gli irlandesi senza ricorrere a un draft.

Le sfrenate celebrazioni a tempo pieno riflettevano l’importanza di questa vittoria; ora dovrebbero finire il lavoro contro gli scozzesi la prossima settimana, quando una prestazione e un risultato sarebbero i benvenuti.

È stata una vittoria basata sulla difesa; L’Irlanda ha sprecato molte occasioni e il suo lavoro sui calci piazzati è stato ancora una volta un disastro, ma il gioco dell’offloading dell’Italia non ha mai prosperato.

La meta di Parsons al 28′ ha calmato i nervi irlandesi, ma gli italiani erano in vantaggio al 51′ quando Beatrice Rigoni ha segnato una meta superba che è stata trasformata in 7-5.

READ  30 Migliori Body Pattinaggio Artistico Testato e Qualificato

Ma gli italiani non hanno potuto affrontare la forza impressionante e l’abilità di corsa di Parsons mentre ha battuto sette difensori lungo il percorso per creare la meta breakout di Amee-Leigh Murphy Crowe al 61 ° minuto, la conversione di Stacey Flood che si è aggiunta a un rigore in precedenza.

L’Italia, come avevano fatto tutto il giorno, sbuffava e sbuffava ma l’Irlanda, anche se gli errori si moltiplicavano, era fuori portata.

chiudere

La nazionale irlandese rappresenta l’inno nazionale nella partita del Torneo di qualificazione alla Coppa del mondo di rugby 2022 contro l’Italia allo Stadio Sergio Lanfranchi di Parma. Foto di Roberto Bregani / Sportsfile

Il ritorno di Eve Higgins era stato l’unico cambiamento alla linea di fondo, un’ammissione da parte della dirigenza che la decisione di paracadutare la giocatrice dei Sevens Lucy Mulhall per il suo debutto era fallita, e si è ritirata alla Giornata 23.

L’Irlanda ha anche rimescolato il proprio campo sottoperformante con tre cambi, portando Laura Feely per la veterana codarda Lindsay Peat per unirsi a Cliodhna Moloney e Linda Djougang in prima fila.

Sam Monaghan, che ha anche fatto il suo debutto la scorsa settimana prima di uscire prematuramente dopo aver fatto crollare illegalmente un maul, si è assicurato un primo inizio di test, con Nichola Fryday al secondo posto mentre anche Aoife McDermott è stato lasciato fuori dalla squadra.

Edel McMahon ha sostituito Brittany Hogan in panchina all’aperto in una seconda fila rimodellata, il che significa che il capitano Ciara Griffin è tornato al numero otto mentre Dorothy Wall è passato al numero sei.

Il ritorno di Clare Molloy dall’esilio è stato probabilmente il più importante invito alla selezione di tutti, un’ammissione di colpa da parte della direzione e un riflesso della situazione disperata che sta precipitando gli irlandesi.

Con l’Italia intenzionata a lanciare la palla in profondità, operando vicino alla leadership dominante del centurione Sara Barratin, l’Irlanda è stata in grado di difendere con relativa facilità nel territorio dell’avversario.

Alcune palle perse forzate sul campo hanno offerto un iniziale incoraggiamento alla loro difesa; una concessione di un rigore di mischia ha riacceso le preoccupazioni per l’implosione di un calcio piazzato contro la Spagna lunedì scorso con Feely visibilmente in difficoltà.

Un rombo maul di allineamento che ha causato un crollo illegale italiano era un presagio molto migliore; almeno lo sarebbe stato se gli irlandesi non avessero sputato fuori il jet di cinque metri.

Gli italiani hanno gestito felicemente la palla dalla loro linea di meta bianca delle 10 yard; la squadra di casa chiaramente non sarebbe morta di sorpresa mentre cercava di confermare il proprio posto per la Coppa del Mondo.

La difesa irlandese ha resistito – sembravano rallentare a piacimento il ruck ball – così come ha fatto il loro territorio mentre l’italiano evitava qualsiasi idea di calciare per il territorio.

Quando l’Irlanda lo fece, dopo una rara mischia offensiva funzionale sulla linea delle 10 yard italiane, fu una strana chiamata e il punt di Stacey Flood era morto; Come ci si potrebbe aspettare, gli italiani hanno ottenuto un rigore e l’azione di Feely ha attirato l’attenzione dell’arbitro Hollie Davidson.

Il capitano Ciara Griffin e Moloney hanno dominato il terreno, scuotendo la marea italiana mentre affondava brevemente nella 22 irlandese.

Il gioco era scivolato nel secondo quarto prima che Beibhinn Parsons avesse il suo primo tocco di palla e ha immediatamente battuto due difensori prima che il movimento si interrompesse.

E poi un superbo trasferimento est-ovest, tra cui un abile centrocampo che avvolge Flood, ha segnalato il crescente benessere irlandese e il disagio italiano.

Il rigore di Flood al 25′ è stato il risultato diretto, ma da lontano il suo tiro è decollato dal palo, a ricordo delle continue lotte dell’Irlanda in semifinale.

L’Irlanda era, tuttavia, ora dominante e poneva questioni difensive, con Parsons che diventava anche più importante e quasi inevitabilmente la stella emergente avrebbe sbloccato la situazione.

Dopo che un maul ringhiante è stato fermato poco prima della linea, i mediani hanno spostato economicamente la palla sull’ala dove, stranamente, la mediana di mischia Sara Barrattini stava segnando il Galwegian; nessuna delle sue 100 prese l’ha preparata per questo gioco.

Flood ha mancato la trasformazione e Parsons ha subito messo sotto pressione la sua squadra, concedendo un rigore per un colpo deliberato mentre affrontava Maria Magatti.

Ora che l’Italia è andata al suo maul, Griffin ha fatto un placcaggio di prova sul pilastro Gaia Maris mentre gli italiani hanno dato il via al loro primo periodo di pressione sostenuta vicino alla linea e vicino all’intervallo.

Erano momenti cruciali e il risultato si sarebbe rivelato decisivo per l’umore di entrambe le parti.

Che l’Irlanda potesse spingere il prossimo maul in contatto sosteneva il loro; ancora di più quando l’audace top model di Flood e la sua corsa fulminea vicino alla sua linea hanno completamente sollevato il sedile prima che le squadre si prendessero la pausa dell’intervallo.

L’Irlanda ha iniziato il secondo tempo come un treno, Linda Djougang, collegata a Clermont, ha superato confusi difensori vestiti di blu prima di essere abbassata di cinque metri.

Ancora una volta l’Irlanda ha faticato a essere clinica e anche quando alla fine ha vinto una mischia, la gestione degli errori ha rovinato il loro lavoro di approccio.

Hanno avuto tutte le possibilità poiché gli italiani si sono rifiutati in modo sconcertante di eliminare i loro 22 con lo stivale mentre persistevano con un gioco di corsa che l’Irlanda ha soffocato con competenza.

Quando prendono il controllo, Eimear Considine viene eliminato per un tiro alto su Michela Sillari al 47′; lavoro più notevole sul pavimento, ora da Eve Higgins, ancora una volta sventato gli italiani.

Ma non sono riusciti a tenere un superbo tentativo di contropiede al 51′, un punteggio superbo spostato in un affare turgido.

Ciò derivava dal punt senza meta di Amee-Leigh Murphy Crowe e da un pallido inseguimento; Barratin ha corso senza intoppi per circa 40 metri prima di raggiungere il suo capitano Manuela Furlan.

Si trova Beatrice Rogoni che le ribolle sull’esterno e brucia la copertura disperata, insieme a un tentativo di placcaggio di Griffin, per reclamare la meta e, grazie a una strabiliante trasformazione di Michela Signoli, il colpo di testa.

Tuttavia, Rogoni è stato gettato nella spazzatura pochi istanti dopo per un deliberato botto mentre l’Irlanda rinnovava i propri sforzi, proprio mentre Considine tornava dalla sua passeggiata birichina.

Sorprendentemente, o forse no, l’Irlanda ha perso un altro tiro da cinque yard con la linea alla sua mercé.

Hanno vinto un rigore che Flood ha quasi colpito; un altro promemoria del blocco cerebrale collettivo di lunedì scorso.

Fortunatamente Griffin l’ha incoraggiata a tirare ea differenza del primo tempo ha avuto ragione e l’Irlanda ha riguadagnato il vantaggio, 18-7, mentre si avvicinava il giro di boa. .

Molloy è arrivato mentre l’Irlanda cercava di negoziare con calma la finale.

E poi, dalla sua posizione di ala sinistra, Parsons è esploso nella vita con una superba corsa da slalom dalla propria metà campo, battendo sei difensori e creando spazio sufficiente sull’altra fascia per un’enorme sovrapposizione che nemmeno un’Irlanda irrequieta potrebbe rovinare.

Murphy Crowe ha espiato il suo precedente fallimento completando un saggio, ma Parsons era davvero l’autore; Gli extra di Flood hanno permesso all’Irlanda di respirare un po’ nel caldo soffocante, 15-7 avanti a 18 minuti dalla fine.

Italia: V Ostuni Minuzzi (A Muzzi 73); Capt M Furlan, M Sillari, B Rigoni, M Magatti; V Madia, S Barattin (S Stefan 77); G Maris, M Bettoni (V Vecchini 66), L Gai, V Fedrighi, G Duca, I Arrighetti, F Sgorbini (I Locatelli 77), E Giordano.

Irlanda: E Considin; AL Murphy Crowe, E Higgins, S Naoupu, B Parsons; S Flood (E Breen 78), K Dane (E Dane 80); L Feely (L Peat 53), C Moloney, L Djougang, N Fryday, S Monaghan, D Wall, E McMahon (C Molloy 58), C Griffin (C) (B Hogan 73).

Sostituti: N Jones, L Peat, L Lyons, B Hogan, C Molloy, E Lane, E Breen, L Delany

Rif: H Davidson (Scozia)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega