Loose Pass: Knock-on, disgrazie italiane e lezioni di francese

Loose Pass: Knock-on, disgrazie italiane e lezioni di francese

Questa settimana ci concentreremo principalmente su altri elementi della contraffazione, il lavoro italiano, la lingua degli arbitri e la fragilità esposta della Francia …

Un colpo o non un colpo

Domanda: quando un knock-on non è un knock-on? La risposta, ovviamente, è quando la palla viene buttata fuori dalla tua mano da un giocatore avversario.

Questa è stata la decisione dell’arbitro James Doleman, abilmente assistito dal suo TMO, in Sabato match tra i Crusaders e i Chiefs, come Brad Weber ha affrontato Richie Mo’unga. Secondo la Legge 11.5 (b), non è un colpo se un giocatore colpisce la palla di un avversario e la palla avanza con la mano o il braccio dell’avversario.

Fin qui tutto bene. Il problema, come hanno sottolineato tutti i commentatori televisivi, è che Weber non ha effettivamente toccato la palla, è solo scoppiato nella mano di Mo’unga mentre stava effettuando il contrasto. E quindi, come hanno affermato tutti i commentatori, avrebbe dovuto essere un successo, poiché Weber non ha colpito la palla da solo e l’unica persona che ha toccato la palla è stata Mo’unga.

Un’anomalia interessante, soprattutto sulla scia di Gauzere-gate qualche settimana fa. Ma in questo caso, diremmo effettivamente che i funzionari hanno definito questo diritto nel contesto. Non è solo che Weber ha colpito Mo’unga, è che Weber ha oscillato il peso del suo braccio sul dorso della mano di Mo’unga mentre quest’ultimo stava effettuando un buon passaggio posteriore – o laterale -.

È davvero importante che Weber abbia toccato la palla o no? Non era come se Mo’unga avesse la palla staccata dalla sua presa per contatto di Weber, né che ci fosse alcuna apparenza di Mo’unga in difficoltà per il controllo della palla. L’intero slancio del movimento della palla mentre usciva dalla mano di Mo’unga è stato generato da Weber, anche se Weber non l’ha colpito da solo.

READ  30 Migliori Organizer Cassetti Biancheria Testato e Qualificato

Ascolta il buon senso o la lettera della legge. Arbitrato eh? Chi vorrebbe.

Come risolverlo?

Finora abbiamo resistito stoicamente al coro di appelli all’allontanamento dell’Italia dal Sei Nazioni, e continueremo a farlo, ma qualcosa deve cambiare, o almeno essere considerato nel contesto del cambiamento.

Gli Azzurri sono stati colpiti dalla Francia nella prima partita, ma in partite contro l’Inghilterra e Irlanda erano competitivi per lunghi tratti e spesso sembravano essere anche a uno o due di distanza dalla competizione sul tabellone.

Sabato non è stato così. Il Galles ha navigato per la maggior parte della seconda metà e l’Italia non ha mostrato nulla. E questo ha sicuramente sollevato la domanda: questa squadra italiana può essere giovane, capace e desiderosa di imparare, ma quanto è utile una serie di sconfitte da 50 punti su cinque partite per il loro sviluppo? Soprattutto quando c’è poco o nessun test di rugby successivo per salvarlo e / o provare gli apprendimenti?

Il problema non è che l’Italia sia nel Sei Nazioni di per sé, il problema ora è diventare davvero uno dei distaccamenti alle squadre di livello inferiore, alle quali, sicuramente nel caso della Georgia e forse anche dalla Romania e dalla Russia, dall’Italia. sono ora più vicini del Sei Nazioni.

Non c’è dubbio che cacciare l’Italia dal Sei Nazioni porterebbe il rugby italiano alla rovina finanziaria e annullerebbe tutti i progressi che sono stati fatti – e sono stati molti. Non è possibile farlo a una nazione solo perché non soddisfa lo standard. Tuttavia, il fatto che il divario non si restringa, insieme al fatto che si chiude dal basso, inizia a sembrare molto scarso.

READ  Lazio-tamponi, il laboratorio: "Noi, come la Uefa, abbiamo riportato positività"

Forse deve esserci una soluzione in cui la retrocessione non sia così catastrofica e dove, invece di gettare alla deriva l’Italia, spinge le altre nazioni verso i Big Five?

Lo status quo sta diventando imbarazzante: quando arriveremo in Francia 2023, potrebbe essere un grosso problema.

Problemi di comunicazione

Abbiamo ritenuto che questo fosse un problema in Partita Galles-Inghilterra, una sensazione ora supportata dalle comunicazioni in Partita Scozia-Irlanda: Perché due funzionari francesi comunicano in inglese?

A Cardiff questo potrebbe aver portato a una decisione sbagliata riguardo al knock-on Louis Rees-Zammit. Anche se questo non ha influenzato così tanto il gioco a Edimburgo, era chiaro che né Romain Poite né Alex Ruiz sono completamente a loro agio nel comunicare in inglese, e soprattutto non quando potevano ordinare le loro domande in francese, impiegando la metà del tempo. e con doppia precisione.

Se davvero vogliamo davvero sentire i funzionari, sicuramente dovremmo essere noi ad imparare il francese piuttosto che loro? Sono sicuro che siano più sotto pressione …

Essere coinvolto

Il signor Poite ha portato il suo coinvolgimento nei giochi a nuovi livelli domenica. Due volte abbattuto e un bel posizionamento difensivo del maul per assicurarsi che l’Irlanda abbia segnato la meta. Saresti andato dove è andato lui per assicurarti che rispondesse alla chiamata?

Il fitness lo dirà per il Galles?

Per quanto fortunati siano nella posizione in cui si trovano, i gallesi hanno dimostrato in questo campionato di non essere nulla se non in forma. Ora in piedi tra loro e un improbabile Grande Slam c’è la Francia che, nonostante tutto il loro gusto e il gusto per la vita e il bel gioco e simili, sembrava decisamente stanca quando la partita è entrata nell’ultimo quarto sabato.

READ  30 Migliori Stufa A Gas Con Bombola Testato e Qualificato

I francesi cercheranno senza dubbio di battere il Galles in anticipo, dato che hanno la maggior parte delle squadre in questo campionato, ma se i gallesi possono entrare e rimanere in contatto a fine partita, l’idoneità potrebbe rivelarsi il fattore decisivo.

Loose Pass compilato da Lawrence Nolan

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega