Meteo: la Stazione Spaziale Internazionale rileva “getti” blu di fulmini che si alzano dai temporali

Meteo: la Stazione Spaziale Internazionale rileva “getti” blu di fulmini che si alzano dai temporali

La Stazione Spaziale Internazionale rileva i fulmini blu ‘getti’ dalle nuvole temporalesche che potrebbero influenzare le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera terrestre

  • Questo fenomeno è stato rilevato dallo strumento ASIM dell’Agenzia spaziale europea
  • Questa è una combinazione di fotocamere, fotometri e un rilevatore di raggi X / raggi gamma
  • L’aereo blu è stato visto provenire da una nuvola sull’isola di Nauru nel Pacifico
  • Ha raggiunto la stratosfera, accompagnata da “elfi”
  • La comprensione di questi fenomeni può far luce su come si sono formati i fulmini

Uno studio riporta che i “ getti ” blu di fulmini che esplodono verso l’alto dalle nuvole temporalesche sono stati rilevati da uno strumento sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Questo fenomeno è stato misurato dall’Agenzia spaziale europea’s Atmospheric and Space Interactions Monitor (ASIM) e ha avuto origine in una nuvola sopra l’isola di Nauru nell’Oceano Pacifico.

Ha raggiunto la stratosfera – gli esperti ritengono che i blue jet possano coprire distanze fino a 50 km – ed è durato meno di un secondo.

Poiché i getti blu si formano sopra lo strato di nuvole, sono molto difficili da vedere – e studiare – dal basso sulla superficie terrestre.

Orbita a circa 249 miglia (400 km) attorno alle nuvole, tuttavia, la Stazione Spaziale Internazionale ha una visione senza ostacoli.

Comprendere la formazione del getto blu – e altri fenomeni energetici dentro e sopra la stratosfera – può rivelare indizi su come si verificano i fulmini.

Gli esperti ritengono inoltre che i blue jet possano svolgere un ruolo nell’influenzare le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera, cosa che gli studi devono approfondire.

ASIM, un set di telecamere ottiche e fotometri, più un rilevatore di raggi X e raggi gamma, è stato installato sulla Stazione Spaziale Internazionale nel 2018.

Lo schermo è progettato per cercare le scariche elettriche che si verificano in condizioni meteorologiche avverse e si estendono durante i temporali nell’atmosfera superiore.

I ricercatori riferiscono che il getto blu recentemente scoperto da ASIM ha innescato un’intensa serie di cinque lampi da 10 microsecondi.

Il flash ha anche prodotto i cosiddetti “elfi” – anelli di luce ed emissioni ultraviolette in espansione che appaiono sul fondo della ionosfera, a 50 miglia (80 km) sopra la superficie terrestre.

Sono formati da elettroni e onde radio che interagiscono con l’atmosfera.

I ricercatori scrivono nel loro articolo: “ I getti blu sono come i fulmini, che sono scariche elettriche nell’atmosfera per un periodo di diverse centinaia di millesimi di secondo, e si trasformano in coni mentre si propagano dalla cima dei temporali alla stratosfera ”.

E hanno continuato: “Si ritiene che abbiano iniziato un collasso elettrico tra la regione superiore caricata positivamente della nuvola e uno strato di carica negativa al confine della nuvola e nell’aria sopra di essa”.

La valanga forma un leader che si muove verso i segni quando si diffonde verso l’alto. Tuttavia, le caratteristiche del leader e l’altezza alla quale si estende sopra le nuvole non sono ben segnalate.

Questo fenomeno è stato misurato dall'osservatore delle interazioni atmosferiche e spaziali dell'Agenzia spaziale europea (nella foto), e questo fenomeno ha avuto origine in una nuvola sopra l'isola di Nauru nell'Oceano Pacifico.

Questo fenomeno è stato misurato dall’osservatore delle interazioni atmosferiche e spaziali dell’Agenzia spaziale europea (nella foto), e questo fenomeno ha avuto origine in una nuvola sopra l’isola di Nauru nell’Oceano Pacifico.

“Questo documento fa luce su molti dei nuovi fenomeni che ASIM rileva al di sopra dei temporali”, ha affermato Astrid Orr, coordinatore delle scienze fisiche dell’Agenzia spaziale europea (ESA) per il volo spaziale umano e la robotica.

“[It] Mostra che abbiamo ancora molto da scoprire e imparare sul nostro universo.

“Congratulazioni a tutti gli scienziati e ai team universitari che hanno realizzato tutto ciò, nonché agli ingegneri che hanno costruito l’osservatorio e ai team di supporto sul campo che operano ASIM”, ha detto.

Ha concluso che lo sforzo era “una vera cooperazione internazionale che ha portato a scoperte sorprendenti”.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati sulla rivista natura.

Cosa sono gli “spiriti rossi”?

Gli sprite rossi sono lampi elettrici di luce che si verificano durante i temporali iperattivi.

Possono essere visti nella regione D della ionosfera, la regione sopra la densa atmosfera inferiore, da 37 a 56 miglia sopra la Terra.

Appaiono rossi ad altitudini maggiori e diventano blu ad altitudini inferiori.

Gli sprite atmosferici sono noti da quasi un secolo, ma le loro origini sono rimaste un mistero.

Dura solo pochi millisecondi ed è relativamente debole rispetto ad altri fulmini.

Il defunto fisico sperimentale John Winkler ha scoperto gli sprite per caso mentre aiutava a testare una nuova videocamera in condizioni di scarsa illuminazione nel 1989.

READ  Un paziente COVID-19 critico nel supporto ventilatorio: pronazione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega