• Michele Mandato

Apre il mercato, pronta una rivoluzione


Siamo solo all'inizio della sessione estiva del calciomercato (in realtà inizierebbe ufficialmente proprio oggi) e già svariate società tra serie A e B hanno messo a segno un buon numero di colpi nel tentativo di rafforzare, in base alle diverse aspirazioni, le proprie rose. Non fa eccezione di sicuro il Benevento del presidente Vigorito che, facendo anche tesoro della partenza a rilento dello scorso anno in massima serie, si è fatto questa volta (anche se purtroppo solo in cadetteria) trovare pronto, e che, stando solo a quelli ufficiali, ha fin da ora piazzato un buon numero di acquisti di calciatori che andranno fondamentalmente a sostituire un organico che sarà gioco forza stravolto rispetto a quello dello scorso anno. Pur essendo solo all'inizio, come abbiamo detto, dato però il tourbillon di entrate ed uscite di calciatori, è forse già il momento di fare un piccolo punto, ovviamente allo stato attuale molto limitato, della situazione in casa Strega. Proviamo allora, stando il più possibile entro i confini dell'ufficialità ma concedendo anche qualcosa ai rumors, di inquadrare la situazione. Come era preventivabile, nonostante i buoni propositi espressi da più parti prima della fine dello torneo scorso, con il materializzarsi della retrocessione c'è stato un fuggi fuggi generale di quasi tutti i calciatori che avevano cambiato positivamente il volto della squadra giallorossa nel girone di ritorno. E così sono andati via i vari Djuricic approdato alla corte di De Zerbi, anch’egli scappato via in quel di Sassuolo, Diabaté tornato in Turchia - ma destinato probabilmente ad un ritorno nel campionato francese - dopo il prestito dall'Osmanlispor, così come il difensore rumeno Tosca (fine prestito dal Betis Siviglia) e lo stesso Sandro, che è stato dapprima riscattato dai turchi dell' Antalyaspor, e poi girato in A al Genoa, per finire con l'ex Arsenal Sagna che proprio qualche giorno fa ha maturato la decisione di non voler più continuare la sua avventura nel Sannio. Sono tornati alle rispettive squadre anche i giocatori della prima ora come il bravo difensore albanese Djimsiti all' Atalanta e l' ottima ala (pur non avendo giocato tantissimo) D’Alessandro, anch'egli di proprietà della società orobica. Via anche Parigini al Torino e la coppia laziale Cataldi e Lombardi, tutti e tre deludenti e non poco ai piedi della Dormiente. Non rientrano più nei piani della società giallorossa e quindi del nuovo allenatore Bucchi, nonché del riconfermato (rispetto al mercato di gennaio) ds Pasquale Foggia, anche il portiere Brignoli, protagonista dell' indimenticabile gol di testa al Milan che ha portato il primo storico punto in serie A, che è tornato alla Juventus, così come non dovrebbero far parte della rosa che partirà per il ritiro di Cascia il prossimo 9 luglio né il centrocampista ex Pescara Memushaj né il difensore Costa, i quali, ci sentiamo di dire, non lasceranno rimpianti tra la tifoseria della Strega. Da questo quadro si evince la necessità di una vera e propria rifondazione della compagine cara al presidente Vigorito, ecco allora che sono stati centrati già diversi acquisti, come dicevamo in precedenza, che rispondono ai nomi dell'esperto ma ancora in forma difensore di fascia Christian Maggio, in scadenza di contratto con il Napoli, e Alessandro Tuia difensore centrale proveniente dalla Salernitana, con l'intento di rafforzare il reparto difensivo. Per innervare il centrocampo invece sono arrivati oltre al centrocampista slovacco Martin Bukata due prospetti diversi, uno giovane come Tello acquistato con formula definitiva (anche qui finalmente si nota un cambio di paradigma, puntando a valorizzare giocatori di proprietà) dalla Juventus, ma con già alle spalle qualche campionato di A e B tra Cagliari, Empoli e Bari, e un altro invece di provata esperienza e carisma come Antonio Nocerino che tutti ricordiamo ottimo giocatore fino ad un paio di stagioni fa con Juventus e Milan. In attacco, nell'ambito della cessione di Sandro a Genova sponda grifone, è approdato (con formula anche qui definitiva) in maglia giallorossa l'esterno d'attacco Improta reduce da un ottimo campionato di B con il Bari. Dicevamo dei rumors che nel calciomercato non mancano mai e il Benevento non fa certo eccezione. Stando alle evoluzioni di mercato e ai "si dice" sembra stia maturando una cessione eccellente che priverebbe la Strega di una pedina importante del centrocampo come Nicolas Viola, appetito da diverse squadre di massima serie tra le quali sembrerebbe la stia spuntando il Cagliari, che comunque darebbe ai sanniti valide contropartite tecniche come il difensore Marco Capuano, classe 1991, autore di diversi buoni campionati con Pescara e Cagliari e aggiungendo, forse, sul piatto della bilancia anche il giovane centrocampista argentino, di piede mancino, Santiago Colombatto, che si è messo in luce nell' ultimo campionato B con la maglia del Perugia. Tra gli altri giocatori che hanno diverse richieste e di cui non è certa la permanenza agli ordini di mister Bucchi ci sono Enrico Brignola, il giovane talento telesino lanciato da De Zerbi esploso nell'ultimo torneo di A e che proprio il tecnico bresciano vorrebbe portare con sé a Sassuolo: su di lui è piombata anche l' Atalanta ma fortunatamente la solidità economica del Benevento permette di respingere gli assalti di queste società che potranno spuntarla solo in presenza di una valida offerta economica, che Vigorito ha già fissato intorno ai 10 milioni di euro. Anche Guilherme ha diversi pretendenti dalla A (Torino e Sampdoria su tutti) ma al momento la Strega sembra intenzionata a trattenerlo anche se deve sottostare ad una clausola capestro: a causa della retrocessione, il Legia Varsavia può riscattarlo in qualsiasi momento prima della fine del calciomercato. Tra i nomi degli eventuali sostituti spicca quello di Roberto Insigne (fratello del più famoso Lorenzo), fresco di promozione in massima serie con il Parma. Tra gli altri nomi che ricorrono più frequentemente ci sono quelli di Laribi (Cesena), Capone e Valzania (Atalanta) - che però sembrano essere ormai sfumati - e l'ex Avellino Asencio (Genoa). C'è da dire che, al momento, il reparto più quadrato e sostanzialmente pronto sembra essere la difesa che si avvarrà anche del rientro di capitan Lucioni da ottobre dopo aver scontato la squalifica e di Antei dopo il grave infortunio di qualche mese fa al tendine d'achille. Sicuramente avrà bisogno di nuovi innesti invece il reparto di centrocampo soprattutto se dovesse andar via come sembra Viola. Qualcosa c' è da fare anche sulle fasce per quel che riguarda le ali, non prima di sapere però il destino di Brignola e Guilherme. In avanti invece la presenza di Coda e del (si spera) recuperato Iemmello dovrebbero garantire un reparto avanzato di tutto rispetto per la categoria. Insomma le indiscrezioni non mancano, bisogna solo attendere le evoluzioni di mercato con la certezza però che il presidente Vigorito e la sua creatura la faranno sicuramente da protagonista.


679 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com