• Tommaso Lombardi

Benevento, via al dopo-Lucioni: con una difesa da ricostruire


Un fulmine a ciel sereno, un fulmine che si è abbattuto sui tifosi del Benevento in un caldissimo pomeriggio di luglio. Verso la 16.30 inizia a circolare la notizia, diffusa da Sky e da Gianluca Di Marzio e ripresa man mano dai vari organi d'informazione locali, della cessione di Fabio Lucioni al Lecce. Il tam tam mediatico, in tempi di web, è velocissimo, fin quando a sgomberare il campo da ogni equivoco poco prima delle 18 arrivano quasi congiuntamente i comunicati ufficiali del club sannita e di quello salentino, che confermano l'avvenuta operazione: l'ormai ex capitano del Benevento ha firmato un contratto quadriennale col club di Sticchi Damiani (curiosamente, o forse no, l'avvocato che lo ha assistito nel processo per doping nei mesi scorsi). Sui social esplode la rabbia, mista ad incredulità, da parte dei tifosi sanniti, che si sentono traditi, abbandonati, dal capitano e condottiero di tante battaglie, anima e leader indiscusso del Benevento nella clamorosa scalata dalla C alla A. Un rapporto solido che nemmeno la triste vicenda della squalifica per doping aveva scalfito: i tifosi in quell'occasione si erano schierati compatti a difesa del giocatore ternano, non nutrendo mai alcun dubbio sulla sua innocenza e buonafede. Ci si interroga subito sui motivi che hanno portato a questa dolorosa separazione: un rapporto con la dirigenza incrinato da tempo, l'ingaggio, la perdita progressiva della leadership dello spogliatoio per la squalifica e per l'arrivo di altri giocatori esperti e di personalità. Voci, supposizioni, teorie, ma solo i protagonisti possono sapere la verità. Il tempo, forse, scioglierà i dubbi.

E ora? È già tempo di voltare pagina: il calcio, come la vita, va avanti, e se da un lato sicuramente resteranno nella memoria i ricordi indelebili dei successi costruiti insieme in questi quattro anni, dall'altro l'attualità impone di riassestarsi e di andare rapidamente oltre. C'è una squadra da completare, a due settimane dall'esordio ufficiale in Coppa Italia e a poco più di un mese dall'inizio del campionato. Soprattutto, adesso, c'è una difesa da ricostruire, stante anche il lento recupero di Antei; e se prima si diceva che in quel settore, che ha visto finora le scontate perdite di Djimsiti e Tosca e il solo arrivo di Tuia, mancasse un unico tassello, adesso ne occorrono sicuramente due. Due giocatori forti, con doti tecniche ma anche con provata esperienza e capacità di guidare il reparto. Uno potrebbe essere Capuano, col quale si è in trattativa ormai da settimane. L'altro? Al DS Foggia e al mister Bucchi il compito di individuarlo...


514 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com