• Redazione

L'ANALISI | Problema difesa? Inglese: «Errori più individuali che di reparto, ma col recupero di


Una vittoria importante su un campo difficile per dimenticare l'esordio balbettante contro il Lecce e per guardare con ottimismo al futuro del torneo. Certo, non tutto è luccicante nel Benevento che ha espugnato Venezia e, volendo soffermarsi sui difetti emersi nel viaggio della Strega in Laguna, il dato che immediatamente balza all'occhio è quello che riguarda il numero dei gol subiti dalla squadra di Bucchi in questo avvio da stagione. Ed è proprio su questo tema, ed in generale sulle caratteristiche della retroguardia giallorossa, che Nicola Inglese, opinionista di Pianeta Strega, si sofferma nella sua consueta analisi del giorno dopo:

«Di sicuro il numero dei gol al passivo non è rassicurante per il futuro di una squadra che punta al salto di categoria. Anche se poi analizzando le tre partite ufficiali ci accorgiamo che nella peggiore disputata, con il Lecce, la squadra, pur soffrendo per un'ora, ha concesso solo un tiro e mezzo in porta agli avversari. Oltre a Mancosu, si è subito un autogol e... un traversone dalla trequarti.

La difesa, volendo essere ipercritici, ha diversi problemi strutturali. Dei quattro difensori laterali in rosa - ha spiegato - il più propenso alla fase propriamente difensiva è Di Chiara: De Zerbi infatti spesso lo scorso anno lo propose da centrale, ed ho detto tutto. Maggio, Letizia e Gyamfi sono molto propositivi, danno il meglio di loro come laterali di centrocampo a supporto di una difesa con tre centrali, quando si tratta di difendere e scalare hanno qualche problemino. I centrali a disposizione, ad eccezione del giovane Sparandeo ed aspettando il completo recupero di Antei, hanno tutti lo stesso passo, poco rapido nel breve, ed in considerazione che Puggioni non è un fulmine nelle uscite fuori dall'area, e dato che Bucchi predilige una linea difensiva abbastanza alta, possono andare in difficoltà se attaccati frontalmente in velocità, e ciò lo si è visto finanche con l'Imolese. Nella gara di ieri - continua - il Venezia è venuto su nel secondo tempo, sulle fasce, non avendo nulla da perdere, con una disposizione ultra offensiva. I problemi li ha creati appunto dalle parti di Maggio e Letizia, dove spesso la squadra si è trovata disposta non benissimo e i due hanno sofferto, probabilmente anche per una tenuta fisica non adeguata, visti i problemini fisici che li hanno attanagliati.

Se vogliamo - ha poi concluso Inglese - per il futuro c'è da essere fiduciosi in quanto fino ad ora gli errori sonno stati più individuali che di reparto, Bucchi sa il fatto suo e limando alcuni meccanismi, con una condizione fisica migliore, penso saprà trovare il giusto equilibrio».


0 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com