• Michele Mandato

A Carpi non basta un super Coda | Le pagelle di Pianeta Strega


Come prendere tre punti e buttarli alle ortiche ecco il riassunto della partita del Benevento di oggi in quel di Carpi. Gli emiliani acciuffano per i capelli il risultato dopo che la Strega era sul doppio vantaggio e aveva sprecato più volte il colpo del ko per l'avversario. I giallorossi, che avevano assoluto bisogno di punti per migliorare la propria autostima e ripartire per la strada che quest'anno non può che prefigurare un campionato di vertice, si presentano dopo la sconfitta casalinga contro l'Ascoli con delle novità non solo di uomini ma anche di modulo. Davvero strana la decisione per la verità da parte di mister Bucchi di passare ad una difesa a tre, soprattutto in una gara da vincere a tutti i costi e contro un avversario che in pratica anche a causa delle assenze si presentava senza prime punte e con il solo Arrighini - che tra l'altro centravanti non è di sicuro - in avanti. Il tutto portava al sacrificio delle ali con Letizia e soprattutto Gyamfi a giocare in porzioni di campo nelle quali il primo non vedeva da tempo e il secondo in pratica non si è mai si cimentato. Nonostante tutto, quando sembrava che comunque si riuscisse a portare in porto la gara ancora una volta qualcosa è mancato e purtroppo sicuramente non solo per sfortuna (a causa dei numerosi infortuni che hanno flagellato la squadra di Bucchi fin dall'inizio). Si rompe quindi al Cabassi "l'incantesimo Carpi", purtroppo la Strega viene tradita stavolta anche dal suo principe azzurro preferito, che fin qui si era dimostrato prodigo di coccole e buone intenzioni nei suoi confronti.

E allora proviamo a vedere il rendimento dei singoli:

Montipò 6.5

Esordio a furor di popolo del giovane numero uno ex Novara e risposta positiva da parte sua con l'adrenalina che non gli ha fatto brutti scherzi e anzi lo ha aiutato in alcuni pregevoli interventi. Incolpevole sui gol.

Volta 5

È sicuramente quello che ha risentito di più, soprattutto nel primo tempo, del cambio dell'assetto difensivo; gioca sulla destra del trio e a volte legge male e viene scavalcato dai lanci a cui ricorreva spesso il Carpi come unica arma offensiva. Nella ripresa, proprio quando era salito di molto il suo rendimento, si addormenta nel recupero facendosi soffiare la palla da Arrighini che mette davanti la porta il suo compagno d'attacco Vano che non sbaglia.

Billong 6,5

Fa il centrale della difesa e ed quello che si adatta meglio alla novità del modulo: sempre reattivo ed è di sicuro il migliore del pacchetto arretrato. Ormai la maglia da titolare se l'è ampiamente meritata.

Costa s.v.

Gioca sette minuti in cui sventaglia lanci poi si deve arrendere al solito infortunio.

dall'8' Di Chiara s.v

Subentra al suo sfortunato compagno e regge solo fino al termine della prima frazione di gioco infortunandosi a sua volta, così da non presentarsi in campo nella ripresa.

dal 46' Sparandeo 5,5

Viene catapultato in campo per il doppio infortunio dei proprio compagno di squadra e fa il suo esordio in Serie B (dopo quello in A dello scorso torneo). A freddo rischia di causare un rigore e non è attentissimo nel concitato finale che porta ai due gol del Carpi. Andrà meglio alla prossima.

Gyamfi 6+

Gioca fuori ruolo come detto, è fa il possibile per adattarsi alla situazione riuscendoci peraltro discretamente, con la sola eccezione di alcuni cross in area avversaria che non sono proprio il suo piatto forte.

Tello 6

Macina il solito numero elevato di chilometri e fa il solito buon lavoro in interdizione ma nelle ripartenze quando ci sono le praterie, come frequentemente gli capita, non capitalizza mai le opportunità.

Viola 6

La palla la tratta bene come al solito e frequentemente la ripulisce distribuendo al meglio il gioco, ma mancano ancora le giocate di chi può e deve fare la differenza in cadetteria.

Bandinelli 5,5

L'apporto del centrocampista sannita nel corso della gara è sempre a singhiozzo, quando sembra aver preso le misure e la giusta posizione in campo sparisce dal gioco per lunghe fasi di gara e questo ovviamente non può andare bene in una squadra che ha un bisogno assoluto dei suoi giocatori dai piedi buoni.

Letizia 6,5

Ha giocato una buona gara contro la sua ex squadra segnando anche un gol rocambolesco. Il suo infortunio nel finale però avrà un ruolo negativo fondamentale favorendo la rimonta dei carpigiani.

Coda 7,5

Dovrebbe essere il più arrabbiato per come è andata a finire la partita dopo essersi praticamente caricato la squadra sulle spalle, aver creato azioni pericolose dal nulla e realizzato il rigore che doveva porre fine alla contesa. Il migliore in campo in assoluto!

Asencio 6,5

Ha dimostrato di poter benissimo coesistere con il suo ottimo compagno di reparto, anche se qualche volta si è intestardito in azioni personali, ha duettato spesso bene con i compagni e spizzato molte palle di testa. Meritava il gol personale.

dal 73' Buonaiuto 6

Subentrato nel finale ha parecchie occasioni per segnare il terzo e decisivo gol della Strega ma non è cinico e questo avrà come noto una ricaduta determinante sulla gara.

Bucchi 4

Come detto mette in campo una squadra con tre difensori centrali contro il nulla dell'attacco del Carpi, alcuni giocatori devono adattarsi a situazioni nuove e neanche la fortuna/sfortuna degli infortuni gli fa cambiare idea buttando in campo difensori come se piovesse! Ha la sola attenuante delle sostituzioni obbligate ma è evidente che la panchina giallorossa gli sta scoppiando tra le mani (ad essere gentile!).


271 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com