• Giuseppe Longo

QUOTIAMOCI | Per i 'bookmaker' Strega sfavorita, ma si vola al 'Barbera' con ritrova


Esame importante per la truppa di Bucchi, che sbarca in Trinacria per affrontare, nell'anticipo serale di venerdì 30, il Palermo di mister Stellone.

Si gioca fuori casa, quindi, e contro la capolista. A ciò si aggiunga che, nella sua storia, il Benevento non ha mai trionfato contro i rosanero nei 9 incontri precedenti, come accuratamente riportato nell'articolo di Tommaso Lombardi, e si comprende facilmente perché i bookmaker hanno deciso di fissare a 2,05 la quota dell'1 (probabilità del 46%), a 3,20 il pareggio (prob. 29%) e l'impresa del Benevento al Barbera a 3,75 (prob. 25%).

Che i sanniti non sarebbero stati favoriti era cosa nota, ma ciò che ci interesserebbe comprendere è il "quanto". Guardando le quote attuali e ricordando quelle di sabato scorso per la sfida al Vigorito tra Benevento e Perugia (1 a 2,00, X a 3,20 e 2 a 3,90), notiamo una sostanziale identità. Quanto rilevato è sufficiente per concludere che il Benevento a Palermo viene visto quasi esattamente come veniva valutato il Perugia al Vigorito, anzi in maniera appena percettibilmente più favorevole.

Niente male considerando poi l'equilibrio con cui si è evoluta la gara tra Strega e Grifo, ovviamente augurandoci un epilogo diverso a Palermo in cui il Benevento recita il ruolo di Perugia.

Per quanto riguarda la somma di reti durante il match, contrariamente a quanto visto a inizio stagione coi giallorossi, gli allibratori propendono per una gara equilibrata e avara di gol e preferiscono l'under 2.5 (massimo due reti totali) rispetto all'over (reti totali pari o maggiori di 3).

Molto indecise le agenzie di scommesse per quanto riguarda il gol/no-gol. La possibilità che entrambe le squadre vadano in rete almeno una volta (evento "gol") viene quotata a 1,80 (probabilità del 51,4%) e sopravanza di solo il 2,8% in termini probabilistici la possibilità che ciò non avvenga. Ricordando che i siciliani sono notevolmente favoriti e, in quanto tali, un loro gol è altamente atteso, l'evento gol/no-gol si traduce, essenzialmente anche se non esclusivamente, nella possibilità che i sanniti segnino o meno e, a quanto pare, i bookmaker si manifestano largamente indecisi in proposito con un sostanziale "50 e 50".

Il favore dei pronostici nei confronti del Palermo emerge anche dalla classifica dei risultati esatti più probabili, anche se non in maniera netta. Al primo e al terzo posto, in effetti, troviamo due pareggi: al primo quello per 1-1 (quota 6, prob. 11,9%) e al terzo quello a reti inviolate (quota 8,50, prob. 8,4%). In mezzo vi è la vittoria dei siciliani per 1-0 a quota 6,75, con probabilità del 10,6%. Al quarto posto un'altra vittoria dei rosanero, quella per 2-1 (la prima da over 2.5) pagata 8,75 volte la posta con l'8,2% di probabilità. Ci rincuora sapere che il 2-1 è più probabile del 2-0, essendo quest'ultimo quotato 9,50 e probabile al 7,5%. Da un punto di vista strettamente pragmatico, entrambi i risultati si risolverebbero con un "nulla di fatto", ma la prevalenza del primo punteggio è indicativo di un Benevento atteso come battagliero e poco incline a subire un raddoppio senza "dire la sua" e ciò non può che farci piacere.

Per trovare il primo score che veda la Strega uscire vittoriosa dal Barbera bisogna attendere la sesta posizione, con lo 0-1 a quota 9,75 e probabile al 7,3%. Segue il primo over 2.5 con vittoria sempre della Strega (1-2) a quota 13 (prob. 5,5%) e, infine, ritroviamo il terzo pareggio, quello con 2 reti a testa a quota 14 e probabile al 5,1%.

Avendo coperto il 64,5% dello spazio campione, passiamo oltre e ci dedichiamo alla "roulette" dei possibili marcatori.

Anche sui possibili marcatori torna il leit-motiv di giornata, che ci ricorda che si gioca sul campo della capolista. A conferma di ciò, i primi due possibili marcatori non possono che essere di matrice siciliana: un gol del capitano della nazionale macedone Nestorovski è quotato a 2,75 (quota tipica di Coda al Vigorito) e probabile al 26,7% e una marcatura dell'ex Puscas è pagata 3 volte la posta (prob. 25%).

Massimo Coda stavolta è relegato al terzo posto di questa speciale classifica, con un innalzamento della quota di una sua marcatura fino a 3,25 (prob. 23,5%).

Al quarto posto un altro rosanero quasi indispensabile per Stellone, Trajkovski, a quota 3,50 (prob. 22,2%). La prima sorpresa arriva da Cristian Buonaiuto, finora a secco di gol, che, in controtendenza rispetto al resto del plotone giallorosso, vede abbassarsi la quota di una sua possibile marcatura: si passa, infatti, dal 4 visto nelle ultime uscite a un incoraggiante 3,75 (prob. 21,1%), da non trascurare considerando l'innalzamento delle quote dei suoi compagni.

A seguire c'è Insigne, che passa, neanche a dirlo, dal suo solito 3,50 a 4 (prob. 20%). In sua compagnia troviamo Asencio: nel suo caso la sua permanenza a quota 4 è da vedersi come un incremento, date le premesse e il contesto della gara. Riteniamo che ciò sia dovuto all'utilizzo, ormai in pianta stabile, delle 2 punte da parte di mister Bucchi. Purtuttavia la quota di marcatura dello spagnolo rimane comunque distante da Coda, poiché l'ex Avellino si trova spesso impegnato nel lavoro "sporco" di trovare spazi piuttosto che di calciare in porta. Sempre a quota 4 anche l'ex Venezia Moreo.

Si allontana dalla porta anche Improta, che passa da quota 4 a 4,50 (prob. 18,2%), oltre che per le difficoltà insite nell'incontro anche per il suo abbassamento a esterno di centrocampo operato già nella partita contro il Perugia. Insieme a lui a quota 4,50 anche Ricci, l'unico altro sannita a vedere un avvicinamento alla zona gol (quota che passa da 5 a 4,50 e probabilità dal 16,7 al 18,2%). Per lui, forse, è ipotizzabile anche un inserimento da seconda punta.

A quota 5 (prob. 16,7%) si rintracciano altri due rosanero, Embalo e Falletti e, a quota 6,50 (prob. 13,3%) il primo centrocampista dei sanniti, Nocerino, di cui non si conoscono le condizioni e, al momento in cui si scrive, nemmeno di un'eventuale convocazione. Non è semplice motivare la sua quota di marcatura e perché sia più bassa di Viola, Tello e Bandinelli, tutti e tre a 7,50 (prob. 11,8%) e quindi molto lontani dalla porta nonostante la staffilata vincente dell'ultimo dei tre a fine partita contro il Perugia. Immaginiamo che la quota di marcatura del centrocampista napoletano sia legata alla "legge dell'ex", applicabile nel suo caso per i suoi trascorsi nell'isola a cavallo del 2010.

Concludiamo col ritorno in questa particolare classifica di Superbike Maggio, anch'egli rispolverato esterno di centrocampo nel caso in cui Bucchi dovesse confermare la disposizione tattica vista contro il Perugia e, di conseguenza, avente la stessa quota di marcatura dei centrocampisti, vale a dire 7,50.

Questi i numeri, impietosi come sempre, e secondo i quali la capitolazione della Strega costituirebbe un meccanismo inevitabile. Ma per fortuna il bello del calcio consiste nella sua imprevedibilità fatta di episodi e situazioni. I tifosi del Benevento ne hanno più volte avuto prova, sia in positivo che in negativo, e, speriamo, possano averne contezza anche venerdì sera, poiché il ritrovato entusiasmo post-Perugia e la bufera in cui la Procura di Caltanissetta ha gettato il Palermo Calcio nelle ultime ore sono e restano fattori "emozionali" poco quotabili e al di fuori di ogni controllo.


141 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com