• Tommaso Lombardi

Armenteros atto II: «Adesso sto bene, voglio fare la differenza. Credo in questa squadra»


È arrivato (o per meglio dire, è ritornato) a Benevento nel corso del mercato di gennaio accompagnato da un po' di scetticismo misto alla curiosità di rivederlo all'opera, in un'altra categoria e in un altro contesto di squadra, a distanza di un anno dalla precedente e non troppo fortunata esperienza maturata con i colori giallorossi in Serie A: Samuel Armenteros, dopo un inevitabile periodo di "rodaggio" per recuperare una condizione fisica adeguata, pian piano sta guadagnando sempre più spazio e minutaggio e nell'ultima gara casalinga contro lo Spezia è arrivato anche il primo gol (purtroppo inutile ai fini del risultato) di questa sua seconda avventura sannita.

Questa sera l'attaccante svedese di origini cubane ha rilasciato delle dichiarazioni nel corso della trasmissione tv OttoGol:

«Mancano nove partite che sono troppo importanti, le ultime tre sono state dure per noi ma questo fa parte della vita di un calciatore. Meglio che queste tre sconfitte siano avvenute adesso che alla fine del campionato, dobbiamo capire cosa è successo e non farlo accadere più. Nello spogliatoio dopo queste tre sconfitte ci siamo guardati negli occhi. Ci stiamo allenando bene, siamo un ottimo gruppo, vinciamo e perdiamo tutti insieme. Ci stiamo preparando bene per Ascoli, in settimana studieremo l'avversario. Crediamo nei playoff e di poterli vincere, se così non fosse non potremmo fare i calciatori...

La mia condizione? Sono arrivato a metà gennaio ed era tutto diverso rispetto all'anno scorso, ho avuto bisogno di tempo per conoscere i compagni e loro per conoscere me e i miei movimenti in campo. L'ultimo mese a Portland ho avuto un infortunio al ginocchio e in questi due mesi ho dovuto recuperare, ma adesso fisicamente sto bene e sono pronto per giocare una partita intera di novanta minuti. Sento la fiducia del presidente e del mister, voglio fare la differenza».

Sulle differenze riscontrate tra la Serie A e la B:

«Il calcio è uguale ovunque, cambia la qualità delle squadre avversarie. La A è un altro mondo ma la B non è facile, è un campionato molto fisico. Questa squadra ha le qualità per andare in Serie A, ne sono convinto al 100 %. Come preferisco giocare? In Olanda si privilegia il 4-3-3, ma ho giocato anche in un attacco a due e con un trequartista dietro. Posso giocare in tutti i modi, conta la squadra».

Infine un messaggio ai tifosi:

«Ai tifosi dico che abbiamo bisogno di loro, mancano nove partite e vogliamo ripartire vincendo ad Ascoli».

#Armenteros #BeneventoCalcio #SamuelArmenteros

201 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com