• Tommaso Lombardi

Bucchi: «Col Palermo è importante, ma non decisiva. Dovremo attaccare con intelligenza»


Sereno e ottimista. Si presenta così Cristian Bucchi alla vigilia dell'impegno che attende il suo Benevento domani sera, contro il Palermo al "Vigorito". Il tecnico giallorosso, nella consueta conferenza stampa pre gara, "ridimensiona" però l'importanza della sfida ai siciliani:

«È una sfida sicuramente molto importante, perché mancano poche partite e si affrontano due squadre forti, però non è fondamentale. Sarebbe sbagliato pensare che sia una partita decisiva, perché fare bene in questa partita e poi toppare le altre significherebbe non aver fatto niente.. Tutto è ancora in discussione, questo campionato ce lo dimostra. Eravamo in un periodo straordinario e poi in quindici giorni abbiamo perso tre partite, viceversa in otto giorni adesso abbiamo fatto sette punti e siamo risaliti. È la giostra di questo campionato, ci vuole equilibrio. È una gara importante che tutti vorrebbero giocare, sono quelle gare per cui vale la pena fare il calciatore. Scelte? La squadra di Perugia mi è piaciuta molto e ha fatto bene, in settimana l'impegno con l'Under è stato orientato a dividere la partita in due fasi, una di trenta minuti per quelli che avevano giocato di più in questo periodo e l'altra per dare minutaggio agli altri. Ripeto, in larga parte la squadra che ha giocato a Perugia mi ha soddisfatto in pieno e ci saranno molte conferme.

Come ho detto l'altra volta, voglio vedere una squadra sbarazzina, aggressiva e che giochi un calcio propositivo, quello che avevamo in mente dall'inizio, che abbiamo messo da parte in un periodo in cui ci serviva solidità e praticità ma che è nelle corde mie e di questa squadra. Voglio che la squadra giochi queste partite attaccando, creando tante occasioni da gol, anche prendendosi qualche rischio perché se si vuole essere offensivi e spregiudicati bisogna mettere in conto qualche errore, come successo a Perugia. Se facciamo le cose per bene, possiamo divertirci. Dobbiamo divertirci giocando, cercando di imporre sempre il nostro gioco con qualità, con la voglia di superare l'avversario ad ogni costo, ora più che mai visto che le partite sono sempre di meno. Da qui alla fine ci saranno partite difficilissime, abbiamo un calendario complicato ma come tutte, non ci sono partite facili per nessuno perché tutti i verdetti sono ancora in ballo. Dipende da noi, e questa è la cosa più bella».

Capitolo Viola, il giocatore-chiave di questo periodo:

«Nicolas è un giocatore determinante. Il suo percorso purtroppo è stato caratterizzato da un brutto infortunio, sembrava una cosa di poco conto che abbiamo sottovalutato invece è stato fastidioso ed ha penalizzato lui e la squadra, noi per tre mesi non abbiamo avuto il giocatore che doveva raccordare i reparti e darci quell'equilibrio tecnico di cui abbiamo bisogno. Abbiamo sopperito, poi a gennaio è arrivato Crisetig che ha avuto un ottimo impatto e ha fatto molto bene. Quando si hanno diversi giocatori di qualità bisogna cercare di farli giocare insieme, e trovare anche un equilibrio di squadra. Ecco perché c'è stata la possibilità di provarli contemporaneamente, uno play e l'altro mezzala. Poi nelle ultime partite Nicolas davanti alla difesa ha fatto veramente bene e ci dà tante soluzioni, lui come Crisetig che non dobbiamo accantonare ma dobbiamo tenere in considerazione e cercare di sfruttare».

Sul Palermo e il tipo di partita da fare domani:

«Se si vuol vincere bisogna attaccare e con continuità, è quello che dovremo fare. Il Palermo è una squadra solida, strutturata, con grandi individualità e bravissimi nelle ripartenze. Ha giocatori veloci che se hanno possibilità di giocare a campo aperto possono spezzare gli equilibri. Dovremo essere bravi ad attaccare ma facendolo di squadra, rimanendo compatti e corti, non facendoci prendere dalla foga. Attaccare si, ma con intelligenza. L'equilibrio ce lo darà il nostro atteggiamento».

Infine, qualche battuta su alcuni singoli e le loro condizioni:

«Improta di nuovo terzino? È molto probabile. Montipò aveva preso un colpo col Carpi e in questo momento particolare della stagione l'abbiamo gestito nei primi giorni della settimana. Da venerdì però si è allenato regolarmente con la squadra ed è pienamente recuperato. Letizia? Ha recuperato al 100%. Stanno tutti bene ed in buona condizione, ma arrivati a questo punto credo che sia un discorso non tanto fisico quanto nervoso. Metterò in campo la squadra che credo possa esprimere al meglio dall'inizio le mie idee».

#Bucchi #conferenzastampa #prepartita #BeneventoPalermo

0 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com