• Tommaso Lombardi

Entusiasmo, ambizione, umiltà, sogni, famiglia: Pippo Inzaghi si racconta a Sportweek


È interamente dedicata a Filippo Inzaghi, con lo sfondo dominato dai colori giallorossi dello stadio "Vigorito", la copertina di oggi di Sportweek, il noto magazine di approfondimento sportivo in uscita ogni sabato con "La Gazzetta dello Sport".

All'interno del settimanale, SuperPippo si è raccontato in una lunga intervista in cui esordisce parlando dell'impatto con la nuova realtà di Benevento, in quella che è la sua prima esperienza al Sud, e dei motivi che lo hanno spinto ad accettare la panchina sannita in Serie B:

«I primi giorni a Benevento sono stati emozionanti. Un'accoglienza eccezionale, vado al supermercato e si blocca tutto. Io mi nutro dell'amore della gente, è una sensazione appagante. Al Sud non ho mai vissuto, ma so che il calore dei tifosi e il senso di ospitalità sono incredibili», racconta. «Cercavo qualcosa che mi coinvolgesse e a Benevento ho trovato la scintilla: il presidente Vigorito è un appassionato e mi aveva già cercato in passato. Insomma questo è il posto giusto. A me piace lavorare dove c'è entusiasmo. Non guardo la categoria, ma ho bisogno di avvertire la fiducia. A Benevento la sfida è affascinante perché l'ambiente non è stato guastato da quanto accaduto alla fine della scorsa stagione, con l'eliminazione dai playoff. Hanno tutti una grande voglia di fare ed è la situazione ambientale in cui io e il mio staff rendiamo al meglio».

Sugli obiettivi per la stagione che sta per iniziare: «Il presidente mi ha chiesto solo di vedere una squadra che lo renda orgoglioso. Poi, ovviamente, vincere piace a tutti. Ma per riuscirci ci vogliono tante componenti. Saremo ambiziosi, con umiltà. Non sono preoccupato dal ruolo di favorito, sarebbe inutile nascondersi. Ma non basta essere favoriti. Ci sono altre squadre con le nostre potenzialità: Cremonese, Frosinone, Chievo, Empoli, Perugia, Crotone, Cittadella. E poi ci sarà la solita sorpresa. Io comunque ho quello che cercavo: società forte, squadra forte».

(...)

«L'etichetta di allenatore di categoria? Non mi interessa. Ho vinto in C, ho fatto bene in B, mi manca l'acuto in A, ma non ci sono problemi. In B sono considerato un tecnico importante, in A non ancora, ma c'è tempo. Siamo sempre sotto esame. Le etichette spesso dipendono dai risultati. A Venezia in C dicevano che ero troppo offensivo, poi abbiamo sfiorato la A giocando un calcio esaltante. A Bologna, in un momento difficile, ecco l'etichetta di difensivista che sarebbe stata cancellata in fretta se fossi rimasto con i giocatori acquistati a gennaio. Io devo trovare il vestito giusto per i giocatori che ho. Ma in generale voglio tanti giocatori nell'area avversaria, voglio che i centrocampisti s'inseriscano. Le etichette mi fanno ridere».

«Prenderò casa vicino al campo d'allenamento, anche se a Benevento è tutto vicino. Questa scelta fa parte del mio modo d'intendere il lavoro. Non concepisco l'idea di fare una o due ore di macchina ogni giorno per andare al campo. Questo è uno dei consigli che cerco sempre di dare ai ragazzi: organizzarsi bene, mai avere rimpianti, prepararsi con coscienza sotto ogni punto di vista».

Qualche passaggio dell'intervista è dedicato alla vita privata: «Ho conosciuto Angela a Venezia grazie al destino. Siamo felici, è una delle poche persone che mi sopporta, a settembre mi raggiungerà a Benevento. Un figlio? Mi piacerebbe molto. Speriamo che arrivi. Ho un rapporto molto forte con i figli di Simone, anche se li vedo poco purtroppo».

(...)

«Mi trovo cambiato? Se mi guardo allo specchio, purtroppo si: troppi capelli bianchi. Ma se mi guardo dentro, sono sempre io. Il tempo passa, qualcuno mi chiama ancora bomber, altri preferiscono mister. Ma io sono Pippo. Il Pippo di sempre. Innamorato del pallone».

(La copertina integrale di Sportweek - 17/08/2019)

#FilippoInzaghi #BeneventoCalcio #Sportweek #LaGazzettadelloSport

0 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com