• Tommaso Lombardi

Benevento, ad Udine (contro il Pordenone) per mantenere il primato


Senza un attimo di tregua. Il Benevento non ha praticamente avuto il tempo di godersi la sofferta e preziosa vittoria sul Cosenza e ne ha avuto pochissimo per preparare l'insidiosa nuova partita che lo attende: la squadra giallorossa è partita ieri per Trieste e poi alla volta di Udine, dove stasera - alle 21 - nel primo turno infrasettimanale della stagione farà visita al neopromosso Pordenone.

Si gioca in uno stadio da Serie A, la moderna “Dacia Arena”, in quanto il piccolo “Bottecchia” (3mila posti) di Pordenone non è omologato per la Serie B: un impianto, quello di proprietà dell'Udinese, che il Benevento conosce bene essendoci stato già due volte negli ultimi due anni - in campionato e in Coppa Italia, sempre contro i bianconeri -.

Venendo all'attualità e alle possibili scelte di formazione, Inzaghi ha più volte detto a chiare lettere di non amare il turnover, ma è chiaro che alcune valutazioni in vista di stasera e nell'ottica delle tre partite in otto giorni SuperPippo le avrà certamente fatte: Hetemaj ad esempio, che col Chievo ha sì svolto il ritiro ma senza giocare partite vere, dopo il grande impatto avuto a Salerno è apparso in "riserva" nel finale di gara contro il Cosenza e potrebbe godere di un turno di riposo; lo stesso discorso è applicabile a Sau, anche lui non brillante sabato scorso: probabile quindi che il sardo parta dalla panchina e che il tandem d'attacco torni ad essere quello della seconda parte dello scorso torneo composto da Coda e dal match winner della gara contro i calabresi Armenteros.

Obbligato invece, in difesa, sarà l'avvicendamento tra Volta e Antei: il centrale milanese non è stato nemmeno convocato dopo il problema al tendine d'Achille accusato contro i calabresi.

Risalendo il campo, sicuro l'impiego di Tello, in panchina per tutti i 90 minuti contro il Cosenza: da capire se il colombiano tornerà nel suo ruolo originale in mediana (al posto di Hetemaj) o si adatterà ancora come esterno sinistro (in questo caso prendendo il posto di Improta, con Del Pinto che a quel punto potrebbe avere una maglia da titolare al fianco di Viola). Ed occhio al possibile impiego per la prima volta nell'undici iniziale di Kragl: il tedesco non è ancora al top della forma ma è un'altra carta pronta ad essere pescata dal mazzo di qualità a disposizione del tecnico piacentino.

C'è poi da valutare se Montipò abbia recuperato completamente o meno, anche se l'ottimo Manfredini visto all'opera contro il Cosenza lascia dormire sonni tranquilli.

Insomma, un Benevento che ad Udine potrebbe presentare in partenza almeno 3-4 novità ma con la certezza rimarcata spesso da Inzaghi in questi giorni: nessun turnover massiccio e nessun condizionamento di sorta, in campo andrà la formazione migliore che darà sempre le adeguate garanzie di competitività.

La sfida col Pordenone è un inedito: mai Strega e ramarri si sono affrontati nella loro storia, con i neroverdi all'esordio assoluto in una Serie B raggiunta finalmente dopo anni di vani tentativi.

E la squadra di Tesser ha già dimostrato in questo avvio di campionato di non avere proprio l'intenzione di fare da semplice comparsa: due su due i centri finora tra le mura amiche (per modo di dire) della “Dacia Arena”, dove ha già battuto sonoramente il Frosinone e di misura lo Spezia, con la voglia stasera di riscattare subito la recente sconfitta di Livorno. L'esperto tecnico veneto punta sul suo collaudato 4-3-1-2 nel quale Chiaretti agisce tra le linee a supporto della coppia d'attacco che dovrebbe essere composta da Strizzolo e Monachello. In difesa c'è l'ex giallorosso Camporese, a centrocampo la rivelazione di questo scorcio di stagione Pobega oltre agli esperti Gavazzi e Burrai.

In Friuli la Strega sarà seguita da 175 tifosi, una vera e propria dichiarazione d'amore considerando il giorno, l'orario e soprattutto l'enorme distanza che separa Benevento da Udine: anche per loro i giallorossi vogliono regalarsi il poker di vittorie consecutive che significherebbe la conferma della vetta della classifica.

Le probabili formazioni in campo alla “Dacia Arena” - ore 21:00 - : PORDENONE (4-3-1-2): Di Gregorio; Almici, Barison, Camporese, De Agostini; Gavazzi, Burrai, Pobega; Chiaretti; Candellone, Strizzolo.

A disposizione: Jurczak, Bassoli, Semenzato, Stefani, Vogliacco, Zanon, Mazzocco, Misuraca, Pasa, Zammarini, Monachello, Churria. Allenatore: Tesser Indisponibili: Bindi Squalificati: -

BENEVENTO (4-4-2): Montipò; Maggio, Antei, Caldirola, Letizia; Insigne, Tello, Viola, Improta; Coda, Armenteros. A disposizione: Manfredini, Gori, Gyamfi, Tuia, Del Pinto, Basit, Sanogo, Hetemaj, Vokic, Kragl, Di Serio, Sau. Allenatore: Inzaghi Indisponibili: Volta, Rillo, Schiattarella Squalificati: -

Arbitro: Serra di Torino. Assistenti Pagliardini di Arezzo e Tardino di Milano. IV uomo Camplone di Pescara. Diretta Tv: DAZN




#PordenoneBenevento #matchday #probabiliformazioni #5agiornata #SerieB #DaciaArena

76 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com