• Redazione

Vigorito: «Il Benevento è già in A, va riconosciuto il merito sportivo»

Lunga e interessante intervista rilasciata dal presidente del Benevento Oreste Vigorito al Corriere dello Sport di oggi. La riportiamo integralmente:


Presidente Vigorito, sgombriamo il campo da interpretazioni maldestre: Benevento in A?


«Io lavoro per tentare di raccogliere il frutto di un anno di sacrifici. Ma, purtroppo, non dipende dalla nostra volontà. Dico solo che se il Benevento non dovesse ripartire dalla A sarebbe un’ingiustizia enorme e intollerabile». La priorità resta battere il Covid-19. Ma se la pandemia non dovesse cessare, sarebbe corretto ripartire dal merito sportivo, nel vostro caso fuori discussione? «Il concetto di merito sportivo l’ho subito per 9 anni in C. Ogni volta che si creavano le condizioni per un ripescaggio, mi dicevano che c’era chi aveva più meriti. Penso al Gallipoli, al Crotone, al Vicenza. Quando avremmo potuto fare un salto di qualità, ci veniva negato. Ora è diverso. Il Benevento è già in A». Nell’ultima Assemblea di Lega, durata due giorni, la sua visione ha prevalso. La vita prima di tutto. Ma poi a cosa bisogna puntare? «Il calcio si è organizzato in Leghe e aderisce alla Figc. Ci sono interessi comuni, ma una divisione palese. E’ il tempo di superare questa frattura. Serve una concertazione oltre il Consiglio Federale. Auspicherei un tavolo dei presidenti al servizio di un sistema che tenga conto che il calcio, al di là delle categorie, muove le stesse passioni». C’è chi ha lanciato un grido d’allarme sulle conseguenze economiche devastanti della crisi? «Il nostro sistema è stato colto impreparato dall’emergenza sanitaria. Il calcio è in crisi anche perché raccoglie ricchezza e non la distribuisce in maniera equa. E si tratta di danaro privato. I grandi club attirano investitori, ma da soli non riescono a giocare. I piccoli non possono essere invitati solo a Natale per il panettone. C’è una disparità incredibile tra i 100 milioni di contributi alle grandi e i 10/11 di chi è più piccolo, ma funzionale al sistema. E’ come combattere un match di pugilato senza guantoni contro chi invece li ha. Davide contro Golia vince una sola volta nella storia». Se falliscono le aziende si trascinano dietro le società: cosa fare di concreto per evitare che l’emergenza diventi irreversibile? «Non capisco perché ci debba essere questa distinzione tra un’azienda calcistica e qualsiasi altra. Il Governo si sta impegnando affinché ci sia una ripresa del nostro sistema produttivo. Un’azienda che fallisce è un mondo che sparisce. Il calcio produce spettacolo e coinvolge tante attività: trasporti, alberghi, abbigliamento sportivo, turismo... Le società calcistiche contribuisco per oltre un miliardo di euro di tasse. Allora perché non bisogna aiutare i club? Solo perché ci sono campioni che guadagnano tanto? Si fallisce indipendentemente dall’attività primaria di un imprenditore. E’ ovvio che se debbo scegliere tra la mia azienda che produce lampade o il calcio dove ci sono perdite certe, sceglierò di produrre lampade. Qualcuna poi la venderò». Ritornare a giocare può aiutare. Ma prima c’è la sicurezza degli atleti da tutelare. «Anche questo è un assioma che mi lascia basito. Sempre bisogna pensare prima alla sicurezza. Si deve tornare a giocare con un’adesione totale alle norme che ci verrà chiesto di rispettare dalle autorità medico-scientifiche e dal Governo. E’ stato necessario essere drastici nell’affrontare il Covid-19. Ma abbiamo gli strumenti che possono attutire gli effetti della pandemia attraverso presidi sanitari e distanziamento sociale. Insistiamo. Ma non ci si può rassegnare ai domiciliari». Basterà una nuova idoneità all’attività agonistica come prescritto dal protocollo? «Un comportamento intelligente. Speriamo che ci siano le condizioni per giocare in massima sicurezza». Il calcio ha senso senza tifosi? «Ce lo saremmo dovuto chiedere anche quando abbiamo venduto tutto alle televisioni. Oggi portare la gente allo stadio è un problema. E non dipende solo dal fatto che le strutture sono obsolete. E’ evidente che lo spettacolo senza la gente non c’è. Il match Benevento-Pescara a porte chiuse è stato una tristezza. Come gli stadi vuoti. Si potrebbe, tuttavia, provare a riempirli parzialmente osservando anche sugli spalti il distanziamento sociale». Ipotizziamo che l’emergenza non venga superata. Secondo lei la teoria della cristallizzazione delle classifiche può essere una via d’uscita nonostante il rischio di contenziosi giudiziari? «Io credo che ci sarà sempre il rischio di contenziosi. Sia che si cristallizzi sia che non venga riconosciuto il merito sportivo. Ma le poltrone diventano scomode proprio quando c’è da prendersi delle responsabilità. Chi guida il calcio deve riconoscere il risultato del campo e, per colpe non proprie, si è dovuto fermare. Questa assunzione di responsabilità è un’ottima via d’uscita». C’è chi ha avanzato la strampalata idea di annullare i campionati e di bloccare promozioni e retrocessioni. Vigorito come valuta questa bizzarra teoria? «Perché annullare il campionato? C’è chi avrebbe potuto recuperare punti in classifica, ma anche chi i punti li ha guadagnati già. Io, comunque, ho molta fiducia nella giustizia sportiva. Il merito sportivo è un metro di giudizio infallibile». La cassa integrazione per i calciatori che non arrivano ai 50 mila euro è giusta? «Deve essere data ai soggetti che non hanno reddito e che non hanno da vivere. Principio che vale per ogni essere umano. Chi guadagna al di sotto di una certa cifra va aiutato al di là del mestiere che svolge. Noi dobbiamo sostenere anche i club in difficoltà. Nel calcio non ci sono solo i Ronaldo e i Messi. In C ci sono atleti e società in evidente disagio. Questa gente va sostenuta». Contenere le perdite della categoria attraverso accordi sui tagli agli emolumenti ai calciatori potrebbe aiutare? «La B deve darsi delle regole più stringenti. Che non sono solo quelle del taglio agli stipendi. Togliere soldi ai tesserati non è la panacea di tutti i mali. Se non avremo dato un’impostazione al sistema e non ripartiremo meglio costi e ricavi non usciremo da questo tunnel. Il sistema è fragile. Bisogna dividere più equamente le risorse. L’Italia è l’unico Paese in cui tra A e B c’è un abisso evidente. Poi le poche risorse che riceviamo dovremmo spenderle meglio. Questo torneo coinvolge 20 tra le città più belle d’Italia e un territorio incredibile. La B è una fucina per il sistema. Ecco cosa intendo quando parlo di logiche d’insieme». Si è anche discusso di una maggiore sintonia con le altre Leghe professionistiche e con i Dilettanti. Qual è la sua idea? «E’ tutto il calcio in difficoltà. Dunque c’è bisogno di superare questi frammentazioni. Le Leghe debbono tornare a parlarsi. Coinvolgendo la Serie D, il cuore del calcio. I Dilettanti hanno un dirigente competente e di grande spessore umano a capo. Il calcio è un corpo, non si possono tagliare i vasi capillari del sistema che ci mantiene in vita. La D è il calcio polveroso animato dalla passione e dal cuore di milioni di persone. Sono lì le radici dell’albero della vita del nostro movimento». Immaginare una diversa ripartizione delle risorse che il sistema genera è dunque una necessità? «Una necessità inderogabile. Non è ipotizzabile un treno che viaggia ad alta velocità con vagoni allentati. La locomotrice prima o poi li perderà tutti. Magari c’è chi lo spera. Ma non sarebbe un bene per il calcio italiano». Sviluppare il sistema significa emanciparlo dai diritti televisivi, primaria fonte di entrate? «Lo spettacolo deve tenere tutto insieme. Noi amiamo i salotti, ma anche gli spalti. Invece si passa dall’overdose di calcio all’astinenza. C’è bisogno di misura e di poter scegliere, tra poltroncine e palinsesti. Con orari compatibili alle due opzioni». Ai tifosi giallorossi cosa sente di promettere in questo momento drammatico per il Paese? «Siamo partiti 14 anni fa nel Sannio affermando che io e mio fratello Ciro avremmo sempre lavorato per la maglia giallorossa con trasparenza, onestà e passione. Il Benevento per la famiglia Vigorito sarà sempre una questione di cuore oltre che di testa. Se non sarà più possibile lavorare così, vorrà dire che qualcuno ci avrà impedito di continuare ad amare questa maglia, questa città e la gente del Sannio».

#OresteVigorito #BeneventoCalcio #CorrieredelloSport #SerieB #Coronavirus


163 visualizzazioni

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com