Questi registi sono felici di tenere tutto in famiglia

Questi registi sono felici di tenere tutto in famiglia

Quando Lee Isaac Chung è entrato sul set del suo nuovo film, Minari – una visione “molto fantasiosa” della sua vita cresciuta in una roulotte in una fattoria in Arkansas – ha dovuto prendersi un momento. Sebbene abbia dato al suo scenografo Yong Ok Lee le foto della sua casa d’infanzia, non era preparato a come sarebbe stata ricreata.

“Sono riuscito a rendere questo posto quasi identico a quello che abbiamo”, dice. “Il primo giorno ero stordito. Ho aperto la porta sul retro e mi aspettavo di vedere la nostra fattoria. Era pazzesco. Mi ha insegnato una lezione, tuttavia: Ha detto: Questa non è casa tua, e questa non lo è. la tua famiglia. Ho quasi perso la testa. “

La vita familiare e i membri della famiglia hanno un modo fantastico per intrufolarsi nei progetti cinematografici personali. Molti degli scenari di questa stagione di premi utilizzano questa storia personale, o legami familiari diretti, per raccontare le loro storie: insieme a “Minari”, il film “The Father” di Florian Zeller utilizza la storia familiare; Mentre Eduardo Ponti ha diretto sua madre, Sophia Loren, in The Life Ahead, i fratelli Anthony e Joe Russo hanno diretto Cherry, scritto dalla sorella Angela Russo Outstut. Inoltre, “Mank” di David Fincher è basato su una sceneggiatura scritta dal suo defunto padre, Jack.

Ma qualunque sia il rapporto familiare, quelli che l’hanno fatto dicono che usare questa connessione intima per fare un film è una vera benedizione, in più di un modo.

“Veniamo da una grande famiglia italiana”, dice Joe Russo. “Avere persone di cui ti fidi intrinsecamente e avere decenni di stenografia con loro ha reso il nostro lavoro migliore. Due menti sono esponenzialmente meglio di una.”

READ  In crisi? I fan sono preoccupati

O, nel loro caso, tre. Russo-Outstut ha fatto parte dei progetti dei suoi fratelli sin dai loro primi giorni, passando dalla preparazione del cibo per la troupe all’essere ora un’attrice, produttrice e sceneggiatrice. È anche il direttore creativo della società di produzione AGBO.

“Ci sfidiamo a vicenda in modi che potremmo non essere in grado di sfidare gli altri”, dice. “C’è un’interazione in corso: puoi chiamare tuo fratello nel cuore della notte quando hai un’idea.”

Madre e figlio Lauren e Ponte hanno lavorato insieme a intermittenza da quando era adolescente – Ponte ha recitato nel film per la TV italiana del 1984, “Qualcosa di biondo”. Dice che indirizzarla a “Life Ahead” è diventato più facile, perché, come i russi, hanno un rapporto forte e intimo.

“So quando si arriva alla sua verità più autentica”, dice. “Tengo solo la mano di mia madre o la guardo, e lei sa esattamente cosa voglio. E so esattamente come ci si sente quando mi tocchi la mano. Nessuno di noi usa una relazione madre-figlio per ottenere qualcosa dall’altra persona. “

Lauren è d’accordo: “L’atmosfera è fantastica quando facciamo un film”. “È davvero come essere in chiesa. L’unica cosa a cui stiamo pensando è quello che dobbiamo fare e fare bene”.

Quando la famiglia non è davvero sul set ma sulla pagina, sceneggiatori e registi devono navigare in alcuni angoli difficili per raccontare i loro negozi. D’altra parte, lo scenario che nasce da un luogo personale ha più peso emotivo, ma l’immaginazione è fondamentale per dargli una risonanza narrativa, il che significa che ciò che finisce sullo schermo di fronte a milioni di persone è una potente miscela di puro realismo e pura integrità. inventato.

READ  Torre Branco - Domani giovedì 17 dicembre 2020 - Presentati tutti i cartelli

“Sono stato cresciuto da mia nonna e ho iniziato a soffrire di demenza quando avevo 15 anni, quindi ero direttamente interessato a questo problema”, dice Zeller, che concentra “il padre” su un uomo che sta perdendo il controllo della realtà . È adattato dalla sua opera teatrale con lo stesso nome (ha opere autobiografiche simili, “Il figlio” e “La madre”). “Quei ricordi mi hanno spinto. Ma non si trattava di raccontare la mia storia, semplicemente non ce n’è abbastanza per fare un film. [audiences] Sentendo che questa era la loro esperienza “.

Tuttavia, una volta che il film è basato su un pezzo di storia che cambia, c’è almeno un altro ostacolo da superare: cosa ne pensa la famiglia?

“La mia posizione è quella di cercare di non fare del male a nessuno”, dice Zeller delle sue commedie e dei suoi film. “Non lo farei se non fosse con le benedizioni delle persone coinvolte. La mia posizione non è quella di aggiungere dolore alle persone a cui tengo”.

Chung era altrettanto attento. “Avevo una grande paura di farlo, soprattutto quello che pensavano i miei genitori”, dice. “Non volevo che si offendessero. Ma in un modo strano, mi ha fatto capire un po ‘meglio i miei genitori.”

E quando ha mostrato Minary ai suoi genitori, è emersa questa nuova comprensione. “Lo hanno visto e sono rimasti molto commossi”, dice. “La nostra relazione ha avuto una svolta dopo che l’abbiamo vista insieme. Si sentivano come se avessi visto la loro storia in un modo in cui non l’avevano mai vista in passato.”

E alla fine, qualunque cosa possa dire un regista, incorporare la famiglia nel mix di solito ha un grande vantaggio: i genitori adorano quando i loro figli giocano bene insieme.

READ  Estrazioni Lotto, 10eLotto e SuperEnalotto Martedì 3 novembre: numeri vincenti

“Lo adorano”, dice Russo della reazione dei suoi genitori al lavoro di tre fratelli nella squadra di Hollywood. “È davvero un affare di famiglia.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega