Questo è ciò che accade al veicolo spaziale quando rientra nell’atmosfera terrestre

Questo è ciò che accade al veicolo spaziale quando rientra nell’atmosfera terrestre

Quando una nave di rifornimento russa scarica la Stazione Spaziale Internazionale, il tempismo è tutto. La Progress ha bisogno di lanciare i suoi motori appena in tempo per indurre una bruciatura da deorbit in modo che la nave possa entrare nell’atmosfera nel posto giusto, in modo che il suo ingresso distruttivo avvenga sull’Oceano Pacifico. In questo modo, qualsiasi potenziale frammento che potrebbe toccare il suolo si scontrerà con qualsiasi massa terrestre, che ospita persone, edifici e altre cose che non vogliamo buttare via.

La scorsa settimana, il tempismo della nave cargo Progress MS-15 era giusto per gli astronauti / astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per vedere la nave che si spezzava e bruciava nell’atmosfera terrestre. L’astronauta della JAXA Soichi Noguchi ha condiviso la visione tramite i social media.

“Addio, Progress 76P MS-15!” Ha twittato Noguchi, condividendo un’immagine della morte infuocata di Progress, il # veicolo cargo russo che si è staccato da #IS e si è bruciato con successo.

Le navi cargo senza pilota Progress volano dal 1978, a sostegno delle ex stazioni spaziali dell’era sovietica come Salyut 6, Salyut 7 e Mir. Hanno portato rifornimenti alla Stazione Spaziale Internazionale dall’inizio delle operazioni.

Ma ora, ci sono molte navi di rifornimento robotiche per la stazione spaziale: il veicolo di trasporto automatizzato (ATV) dell’Agenzia spaziale europea, la nave di rifornimento HTV dell’Agenzia spaziale europea (JAXA) e la nave di rifornimento HTV di Northrop Grumman (precedentemente nota come Orbital) ATK ) Cygnus e Cargo Dragon di SpaceX.

Il veicolo cargo ISS Progress 60 è stato visto a pochi minuti dall’attracco con la Stazione Spaziale Internazionale il 5 luglio 2015. Crediti: NASA TV

Queste navi portano rifornimenti come cibo, acqua, pezzi di ricambio / pezzi di ricambio e prove all’equipaggio, oltre a carburante e ossigeno. Dopo aver svuotato tutto, navi come Progress diventano un bidone della spazzatura, un posto dove riporre la spazzatura e altre cose non necessarie. Le navi rimangono ancorate alla Stazione Spaziale Internazionale per circa 6 mesi e, dopo essere state caricate con rifiuti e immondizia, il portello del velivolo si chiude e Progress esce dalla stazione. Quindi inizia la procedura di rientro.

Il progresso è progettato per bruciare nell’atmosfera, ma non tutto è completamente combustibile. a Comunicato stampa, Roscosmos Ha detto che i componenti non combustibili provengono dalla terra letterale e affondano in “una regione ingestibile del Pacifico meridionale. Elementi strutturali non combustibili nella regione calcolata della regione non navigabile dell’Oceano Pacifico. La zona di rilascio degli shrapnel stimata è di circa 1680 km a est di Wellington (Nuova Zelanda). “Roscosmos ha completato tutte le procedure necessarie per contrassegnare quest’area come un pericolo temporaneo per la navigazione marittima e i voli aerei.

In questa foto del 23 ottobre 2016, il braccio robotico Canadarm2 della Stazione Spaziale Internazionale raccoglie il veicolo spaziale da carico Cygnus dell’ATK Orbital alla sua sesta missione verso la stazione. Crediti: NASA

Ma oltre alle navi da carico che tornano dalla Stazione Spaziale Internazionale, altri oggetti di fabbricazione umana subiscono regolarmente la loro scomparsa penetrando e bruciando l’atmosfera terrestre. Cose come vecchi satelliti inattivi, stadi di razzi e altri dispositivi scartati, così come piccoli frammenti di detriti spaziali – come frammenti di veicoli che sono esplosi o entrati in collisione e persino minuscoli pezzi di vernice che sono usciti da veicoli spaziali – bruciano regolarmente l’atmosfera terrestre.

Tutti questi elementi – grandi e piccoli – vengono tracciati dal radar per mezzo di Rete di sorveglianza spaziale (SSN), Che supervisiona i sensori radar e ottici in varie località del mondo. Il Joint Space Operations Center (CSpOC) si trova presso la base aerea di Vandenberg, che fa parte del Comando strategico degli Stati Uniti e di E.SA Space Debris Team. Rilevano, tracciano e identificano tutti gli oggetti nell’orbita terrestre, oltre a monitorare la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e altri satelliti della NASA per potenziali collisioni.

Oggetti tracciabili in orbita terrestre bassa. Credito immagine: ESA

È interessante notare che, in media, Circa un satellite si schianta sulla Terra ogni settimana. La maggior parte di loro sono voci non supervisionate, che sono una specie di fuoco incrociato su dove potrebbero cadere eventuali pezzi rimanenti. Ma questi ritorni infuocati si vedono raramente, perché la Terra è un luogo grande, principalmente coperto dall’acqua, e gran parte di ciò che cade negli oceani finisce. Un’altra cosa è che la maggior parte di noi non guarda il cielo notturno molto spesso.

La sonda Hayabusa è andata a fuoco al suo ritorno nell'atmosfera terrestre, ma la capsula contenente i campioni è sopravvissuta.  Il pezzo incandescente nella parte anteriore inferiore del flusso di detriti è la capsula del campione.  Foto: NASA Ames, dominio pubblico
La sonda Hayabusa è andata a fuoco al suo ritorno nell’atmosfera terrestre nel 2010, ma la capsula contenente i campioni è sopravvissuta. Il pezzo incandescente nella parte anteriore inferiore del flusso di detriti è la capsula del campione. Immagine: NASA Ames.

Ma questo rientro a volte può essere visto, a volte da telecamere di videosorveglianza o telecamere di sorveglianza. Se il satellite o il vecchio pezzo di razzo è abbastanza grande, i pezzi possono essere visti cadere mentre il veicolo di ritorno scende in un velo estremamente caldo di plasma incandescente. Il processo di ablazione inizia a un’altitudine di 100 km e di solito è completato quando il corpo scende a circa 20 km. (Ecco ulteriori informazioni sui detriti spaziali).

Ovviamente, corpi “naturali” cadono anche attraverso la nostra atmosfera, rocce spaziali di dimensioni variabili da granelli di polvere a piccoli asteroidi. Spesso, se vedi qualcosa di bistecca nel cielo notturno, è difficile distinguere tra un meteorite e un pezzo di detriti spaziali in decomposizione.

Hai visto qualcosa di grosso spezzarsi e cadere nel cielo? La nostra regione David Dickinson scrive spesso sul rientro di oggetti spaziali e potenziali avvistamenti sul suo account TwitterCosì come un astronomo Jonathan McDowell, che tiene traccia e segnala il rientro di oggetti su Twitter.

E, naturalmente, per i veicoli spaziali, non vogliamo che si disintegrino nell’atmosfera, come i veicoli spaziali con equipaggio, o anche piccole cose come La capsula di ritorno della navicella Hayabusa 2 – esistere Scudi termici Per proteggerli. Ma questa è un’altra storia per un altro giorno.

READ  Covid, la mutazione potrebbe aver reso il virus Corona più contagioso

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega