Sanzioni statunitensi tre “hacker a noleggio” che lavorano per la società degli Emirati Arabi Uniti | Notizie sulla sicurezza informatica

Sanzioni statunitensi tre “hacker a noleggio” che lavorano per la società degli Emirati Arabi Uniti |  Notizie sulla sicurezza informatica

Tre imputati accettano di pagare 1,68 milioni di dollari di sanzioni dopo un’indagine penale da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

Tre “hacker on demand” che lavorano per un’azienda negli Emirati Arabi Uniti “a beneficio” del governo di Abu Dhabi hanno accettato di pagare 1,68 milioni di dollari di sanzioni nell’ambito di un accordo legale negli Stati Uniti, negli USA Il Dipartimento di Giustizia ha detto.

I sospetti, due cittadini statunitensi e un ex cittadino statunitense, hanno fornito servizi di hacking “zero click” alla società degli Emirati Arabi Uniti “che potrebbero compromettere un dispositivo senza alcuna azione da parte dell’obiettivo”, ha dichiarato martedì il Dipartimento di Giustizia.

Ha identificato le persone come Marc Baier, 49 anni, Ryan Adams, 34 e Daniel Gericke, ex cittadino americano, 40. La legge statunitense consente agli americani di rinunciare alla propria cittadinanza.

Tutti e tre in precedenza hanno lavorato per la comunità dell’intelligence statunitense o per l’esercito americano, secondo il Dipartimento di Giustizia.

L’accordo, noto come “accordo di procura differita”, consentirà agli imputati di sfuggire alle accuse penali se rispettano i termini.

“Gli hacker e coloro che altrimenti sostengono tali attività in violazione della legge statunitense dovrebbero aspettarsi di essere perseguiti per la loro condotta criminale”, ha affermato nella dichiarazione il vice procuratore generale Mark Lesko.

“Lasciata non regolamentata, la proliferazione di capacità informatiche offensive mina la privacy e la sicurezza in tutto il mondo. “

L’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Washington, DC, non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Al Jazeera martedì sera.

Il Dipartimento di Giustizia ha affermato di aver ripetutamente avvertito il trio che il loro lavoro rientra nei servizi di difesa che richiedono una licenza speciale del governo degli Stati Uniti. Da parte sua, l’FBI ha promesso di reprimere gli americani che forniscono illegalmente servizi di hacking.

READ  Coronavirus, il medico cinese infetto si è svegliato in ospedale con la pelle nera. Ecco com'è adesso - Libero Quotidiano

“L’FBI indagherà a fondo su individui e aziende che traggono profitto da attività informatica criminale illegale”, ha affermato Bryan Vorndran, vicedirettore della divisione informatica dell’FBI.

“Questo è un messaggio chiaro per chiunque, compresi gli ex dipendenti del governo degli Stati Uniti, che avesse preso in considerazione l’utilizzo del cyberspazio per estrarre informazioni sulle esportazioni controllate a beneficio di un governo straniero o di una società commerciale. estero: c’è un rischio e ci saranno conseguenze. “

L’agenzia di stampa Reuters ha riferito che Baier, Adams e Gericke stavano lavorando come parte di un’unità segreta chiamata Project Raven che ha aiutato gli Emirati Arabi Uniti a spiare i nemici in tutto il mondo.

Baier, un ex funzionario della National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti, era il direttore del Progetto Raven, secondo un Sondaggio Reuters 2019 che per primo ha rivelato l’esistenza dell’unità di hacking.

Baier pagherà la quota maggiore della multa – $ 750.000, secondo il Dipartimento di Giustizia – mentre Adams e Gericke pagheranno rispettivamente $ 600.000 e $ 335.000. Tutti e tre hanno anche accettato di rinunciare a qualsiasi nulla osta di sicurezza statunitense o straniero e di cooperare pienamente con l’FBI.

Gli Emirati Arabi Uniti sono stati criticati da gruppi per i diritti umani per aver fatto ricorso all’hacking contro i suoi presunti oppositori, inclusi giornalisti e attivisti per i diritti umani.

Un’indagine congiunta di più media ha rivelato all’inizio di quest’anno che molti numeri di telefono potenzialmente presi di mira da Pegasus, spyware creato dalla società privata israeliana NSO Group, erano collegati agli Emirati Arabi Uniti.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno negato le affermazioni sull’uso di Pegasus in quel momento, affermando che non avevano “base probatoria”.

READ  Il castoro è tornato in Italia dopo 400 anni. Una seconda visione due anni dopo: "Ma come farà a costruire dighe con fiumi solidi?"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega