Scrivendo in italiano, Jhumpa Lahiri ha trovato una nuova voce

Scrivendo in italiano, Jhumpa Lahiri ha trovato una nuova voce

“Whereabouts”, d’altra parte, è un libro austero, praticamente senza trama. Il suo narratore anonimo è una donna romana solitaria – anche se Roma non viene mai menzionata – che racconta le sue poche escursioni in brevi capitoli. Lahiri offre ai lettori uno scorcio della donna alla piscina (“In questa nave di acqua limpida senza vita né corrente, vedo le stesse persone con cui, per qualche motivo, sento un legame”), inaspettatamente riunite in una visita guidata ( “Sono preso dalla mascherata, recito un ruolo, anche se è un extra”), mangiando un panino in un parco giochi (“Mentre lo mangio, il mio corpo si cuoce al sole che si riversa sul mio quartiere, ad ogni morso, sentendomi sacro, mi ricorda che non sono abbandonato”).

Appaiono altri personaggi – la sua terapeuta, sua madre, un’amica – ma le interazioni rafforzano l’isolamento del narratore. “La solitudine: è diventato il mio lavoro”, si diceva.

Alessandro Giammei, assistente professore di italiano al Bryn Mawr ed ex collega di Lahiri, è stato uno dei primi lettori delle versioni italiana e inglese. In “Dove Mi Trovo” è rimasto colpito dall’eleganza del linguaggio e dalla precisione delle scelte verbali di Lahiri. “Non puoi leggere questo libro senza muovere la bocca in italiano”, ha detto.

“L’incredibile dettaglio della sua scrittura osservativa che è il classico Jhumpa Lahiri non è in ‘Whereabouts'”, ha detto Giammei. Se, in inglese, Lahiri è un occhio, ha aggiunto, “in italiano, lei è un orecchio”.

Lahiri ha iniziato a scrivere “Whereabouts” nel 2015, dopo l’uscita della versione italiana di “In Other Words”. È iniziato come una serie di schizzi, scene che ha annotato su un taccuino. Quando riuscì a vederli riunirsi in un libro, si era trasferita negli Stati Uniti per lavorare a Princeton, ma tornava spesso a Roma, scrivendo più filmati ad ogni visita.

READ  Limita il movimento per evitare la terza ondata

“All’epoca l’italiano era come un rubinetto”, ha detto. “Funzionava solo quando ero lì. “

A parte i suoi scritti – “Whereabouts” è il terzo libro che ha composto in italiano, dopo “In Other Words” e “L’abbigliamento dei libri”, Pubblicato nel 2016 – Lahiri si è occupata di altri progetti di traduzione e editing. Ha tradotto due romanzi del noto scrittore contemporaneo Domenico Starnone, uno dei quali finalista per un National Book Award, e ha un terzo pronto per il rilascio in autunno. Inorridita dalla mancanza di traduzioni di qualità da parte di alcuni dei suoi scrittori italiani preferiti, ha curato e contribuito alle traduzioni di un volume di racconti raccolti. Molte di queste selezioni, comprese le storie di Elsa Morante e Fabrizia Ramondino, non erano mai state pubblicate prima in inglese.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega