Una vittoria in memoria di Imbriani

17.02.2019

 

 

Da ormai 6 anni, quello di metà febbraio è un appuntamento fisso per tutti coloro che amano i colori giallorossi: c'è da ricordare un uomo, prima ancora che un giocatore, esempio di alti valori umani e sportivi che con la sua prematura scomparsa avvenuta a soli 37 anni il 15 febbraio del 2013 ha lasciato un vuoto incolmabile in tutto il Sannio calcistico e non solo. Carmelo Imbriani anche ieri è stato celebrato degnamente: e il "suo" Benevento, in campo, non ha fallito l'appuntamento con la vittoria come da tradizione ogni qual volta che a cavallo di questo periodo la Strega gioca al "Vigorito". Era accaduto infatti già nel 2013, pochi giorni dopo la dipartita dell'ex capitano e allenatore, quando fu una doppietta di Marchi (proprio colui che indossava quel giorno la maglietta numero 7) a consentire al Benevento di superare il Gubbio per 2-1. Vittoria sempre contro il Gubbio l'anno successivo (3-0), e poi due volte contro il Melfi, nel 2015 (2-1) e nell'anno della storica promozione in B del 2016 (3-0). Perfino l'anno scorso, durante la difficile stagione in Serie A, Imbriani da lassù era riuscito in questi giorni a spingere i giallorossi alla vittoria, nell'emozionante 3-2 contro i rivali del Crotone il 18 febbraio. 

 

Ieri, il pomeriggio era iniziato con la coreografia, annunciata in settimana, messa in scena dalla Curva Sud: sulla balaustra dell'anello superiore già da prima della partita campeggiava un grande striscione recitante "Mai questa gente si dimenticherà di te. Per sempre tu sarai la stella che lassù da guida ci farà!". Poi, all'ingresso in campo delle due squadre, il settore si colorava di cartoncini bianchi subito dopo divenuti giallorossi, mentre al centro venivano esposte due gigantografie raffiguranti l'effige di Imbriani e il numero 7. Il tutto, accompagnato in sottofondo dalle note di "Sempre e per sempre" di Francesco De Gregori diffusa dagli altoparlanti dello stadio. Momenti toccanti che hanno scaldato i cuori dei 10mila presenti, con gli ultras del Primo Anello che a loro volta omaggiavano la figura dell'indimenticato campione esponendo lo striscione "Carmelo nel cuore" e intonando cori in suo onore che si sono protratti per i primi dieci minuti del match tra Benevento e Cittadella. 

 

Il gol di Coda, la prestazione granitica della difesa che ha resistito agli assalti dei veneti, la parata finale di Montipò, hanno poi permesso alla Strega di rispettare la tradizione e di regalare al popolo sannita un pomeriggio di festa, con la squadra di Bucchi adesso lanciatissima all'inseguimento delle prime due posizioni in classifica. 

 

E al termine della partita, anche alcuni degli attuali protagonisti in maglia giallorossa hanno voluto omaggiare il ricordo di Imbriani: "Dedichiamo questa vittoria a lui e alla sua famiglia", ha dichiarato infatti Christian Maggio ai microfoni di DAZN. Infine, ecco il sentito messaggio di Christian Puggioni pubblicato sul suo profilo Instagram: "Quelli che ci hanno lasciato non sono assenti, sono invisibili, tengono i loro occhi pieni di gloria fissi nei nostri pieni di lacrime. Grazie Carmelo, sappiamo che da lassù ci guardi e ci proteggi". 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - 
Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com