Bucchi: «Partita dominata, non vincere sarebbe stato assurdo. I tifosi ci hanno spinto»

27.02.2019

 

 

Grande entusiasmo e soddisfazione in casa giallorossa per una vittoria meritata, convincente e pesantissima in ottica classifica, ma al tempo stesso piedi ben saldi a terra per continuare su questa strada. Ne è consapevole Cristian Bucchi, che nella sala stampa del "Vigorito" ha così commentato il successo ottenuto dalla sua squadra contro il Pescara:

 

«Pareggiare questa partita sarebbe stato assurdo. E' stata una partita dominata in lungo e in largo, con tante occasioni da gol. Abbiamo subìto una sola occasione, quella del gol, peraltro nata da un rimpallo fortuito. Ci siamo ritrovati sull'1-1 contro una squadra che non aveva mai calciato in porta, noi solo nei primi venti minuti abbiamo tirato sei volte, poi abbiamo sbagliato un rigore, preso un palo, una traversa... A un certo punto ho pensato che fosse una giornata storta, il gol di Volta è stato una risposta anche alla sfortuna. Siamo stati più forti e più bravi di tutto, oggi la mia squadra mi è proprio piaciuta. Il rigore di Coda? Io l'avrei segnato... a parte gli scherzi, Massimo ha calciato bene, forte e angolato; chi va sul dischetto sa che può sbagliare, ma è un errore diverso rispetto a quello col Verona. Sono episodi che fanno parte di una gara. La mia espulsione? Dopo il loro gol ho avuto un gesto di stizza e ho dato un calcio ad una borsa medica, ma non ce l'avevo con nessuno se non con la situazione che si era venuta a creare per aver subito un gol nel momento in cui eravamo padroni della garaAbbiamo vinto uno scontro diretto - prosegue l'analisi del tecnico della Strega ma era fondamentale soprattutto continuare a far punti e a vincere. Questa squadra ha avuto delle battute a vuoto ma ha capito le difficoltà della categoria e oggi non molla, il nostro pubblico lo sa e insieme possiamo fare qualcosa di bello. Stasera l'ho visto, i ragazzi ci hanno creduto fino alla fine e i tifosi ci hanno spinto facendoci tirare fuori la rabbia e la voglia di cui abbiamo bisogno. Di martedì questo pubblico è tanta roba, i nostri tifosi sono troppo importanti per noi».

 

Bucchi motiva così il cambio Buonaiuto-Viola:

 

«Nicolas lo stiamo recuperando, Buonaiuto aveva alternato cose buone a cose meno buone. Volevo continuare a fare la partita con un giocatore di qualità che anche palla al piede potesse puntare l'avversario e che potesse rifinire, perché arrivavamo facilmente sulla trequarti di campo loro. Non volevo mettere sostanza e magari perdere il possesso del gioco, ma continuare a palleggiare e a trovare gli spazi. Tello ha preso un colpo sul polpaccio a Foggia e non era il caso di rischiarlo. Il gruppo si è cementato, e si vede. Ormai sono tre mesi che giochiamo con continuità, oggi tutti si devono sentire indispensabili perché lo sono. Abbiamo recuperato giocatori importanti. Antei? Sta meglio, a differenza di Volta per lui era un discorso muscolare ed era più pericoloso rischiarlo. Abbiamo preferito recuperarlo in vista di lunedì».

 

Ed è proprio sul prossimo impegno che Bucchi concentra le sue dichiarazioni finali:

 

«Andiamo avanti con grande umiltà perché non abbiamo fatto ancora nulla. Lunedì sera sarà una battaglia contro una squadra che ha bisogno di punti ed è difficile da affrontare. Siamo già orientati sul Livorno, stasera ci rilassiamo ma domani bisogna ripartire con questa umiltà».

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - 
Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com