QUOTIAMOCI | Benevento, i conti ora non tornano: con lo Spezia match delicato ma da vincere

15.03.2019

 

 

CON I CONTI IN (GIALLO)ROSSO. È un Benevento a cui non tornano i conti quello che rientra al Vigorito dopo due trasferte consecutive e col paniere completamente vuoto. Per fortuna i risultati altalenanti delle dirette concorrenti hanno mitigato l'impatto sulla classifica del prolungato stop, ma non bisogna affatto abbassare la guardia perché il perdurare di un simile stallo produrrebbe effetti deleteri e via via sempre meno recuperabili. Per questo, oltre ai tifosi della Strega, sono altrettanto preoccupati anche i bookmaker in questo graduale avvicinamento a Benevento-Spezia.

Da un lato, infatti, si ritrova un avversario che "gioca davvero a calcio", come si usa dire, e che dovrebbe differire rispetto alle ultime due compagini affrontate proprio perché non piazza il cosiddetto pullman davanti alla propria porta, ma dall'altra si va a incontrare un competitor quasi di pari classifica, che per giunta ci riporta alla mente i fantasmi dell'amara gara d'andata.

 

SEGNO DEL MATCH. La preoccupazione degli allibratori si misura dalle quote sul segno del match, che vedono comunque i giallorossi favoriti, ma che ridimensionano la probabilità di vittoria dei casalinghi ben al di sotto del 50%, precisamente al 46%. La quota corrispondente alla vittoria dei sanniti è 2,05 e ciò che allarma è che, nel corso dell'attuale campionato, soltanto in un caso il Benevento si è visto assegnare una quota-vittoria più alta fra le mura amiche e si è trattato della partita contro il Brescia del 30 dicembre (vittoria giallorossa a 2,10). L'unica altra circostanza in cui la quota-vittoria ha sfiorato il valore di 2, eguagliandolo in maniera esatta, è rappresentata dalla sfida contro il Perugia (scontro che arrivava in un momento difficile, proprio dopo lo Spezia nemmeno a farlo apposta); poi sempre quote al di sotto di 2, contro qualsiasi avversario. E già questo dovrebbe costituire un "alert" di tutto rispetto per gli uomini di Bucchi.

Proseguendo col segno del match, il pareggio torna a quote usuali come il 3,05, dopo il picco minimo di Cremona, che corrisponde a una probabilità del 31%. La vittoria della formazione allenata da Pasquale Marino, invece, viene pagata il quadruplo della posta e risponde al 23% di probabilità.

Il paragone con partite precedenti dalle quote simili lo abbiamo già fatto e possiamo dire, quindi, che agli occhi delle agenzie di scommesse la partita di domani appare leggermente più complicata di quella col Perugia (tenuta in parità fino alla fine e risolta da un gol di Bandinelli sullo scadere) e appena meno complessa di quella contro il Brescia (finita in parità con un gol a testa), risultando, al momento, la seconda più delicata della stagione.

 

LE ALTRE DI GIORNATA. Per quanto riguarda, invece, gli altri incontri di giornata, saranno soltanto due le compagini che, in base a quanto riportato in lavagna dai bookmaker, dovrebbero avere vita più facile della Strega: si tratterà del Palermo (ultra-favorito a 1,38), che ospita il Carpi, e del Verona, che attende l'Ascoli (vittoria degli scaligeri a 1,80). Poi sarà un'impresa leggermente più difficile dei giallorossi quella del Pescara che affronta in casa il Cosenza (vittoria degli adriatici a 2,15).

Infine può stupire, ma nemmeno più di tanto, sapere che una quota-vittoria simile alle precedenti è quella del Livorno che incontra la Salernitana (labronici vittoriosi a 2,20). Con rammarico e con una punta di orgoglio, possiamo dire che anche questi sono gli effetti di una vittoria contro il Benevento.

 

 

OVER 2.5 E GOL. Sul fronte under 2.5 assistiamo alla conferma della predisposizione dell'avversario a un calcio propositivo. Si allontana, infatti, il picco minimo dell'under 2.5 di Cremona (sceso a 1,60) e si torna a valori accettabili come 1,70 (prob. 54,7%). Di conseguenza, l'over 2.5 è quotato 2,05 e corrisponde al 45,3% di probabilità.

Riguardo alla capacità di entrambe le formazioni di andare in gol, ci si allontana dalla profonda indecisione vista nelle partite precedenti in favore di una appena tangibile propensione al gol (quota 1,77; prob. 52,4%) rispetto al no-gol (quota 1,95; prob. 47,6%).

 

 

 

RISULTATI ESATTI. La ritrovata prevalenza del "gol" e la conferma dell'under 2.5 mettono in pole position l'1-1 come risultato esatto favorito (a quota 5,75 e col 12,4% di probabilità).

In seconda posizione la vittoria di misura per 1-0 da parte dei sanniti a quota 7 (prob. 10,2%). Un altro pareggio, quello a reti inviolate, a quota 8 (prob. 8,9%) e, a quota 9 (prob. 7,9%) il 2-1 in favore dei locali. Poco distante, in termini di probabilità, il 2-0 sempre dei giallorossi (a quota 9,50 e col 7,5% di probabilità).

Solo in sesta posizione il primo successo degli ospiti, quello per 1-0, a quota 10 e col 7,1% di probabilità. Si procede col pareggio per 2-2 e la vittoria ancora dei bianchi per 2-1, entrambi a quota 13 (prob. 5,5%) e si chiude con il 3-1 e il 3-0, rispettivamente a quota 16 (prob. 4,4%) e a quota 18 (prob. 3,9%).

 

 

PROBABILI MARCATORI. Questa volta riportiamo immediatamente la classifica dei probabili marcatori in ordine di probabilità, a cui alleghiamo, a margine, qualche breve considerazione.

 

 

La prima riflessione che viene da fare riguarda il primo in graduatoria, Massimo Coda, che pur dominando la scena, rimane alla stessa quota di marcatura che ha avuto in trasferta, ossia 2,75. Tale cifra costituisce un valore interessante per le trasferte appunto, ma non per le partite al Vigorito (in cui il minimo è 2,50). Ciononostante si tratta comunque del valore più frequente fatto registrare in casa e, data la difficoltà dell'incontro, tutto sommato non ci dispiace.

La seconda considerazione riguarda i comprimari dell'attacco sannita: Asencio e Armenteros ce li aspettavamo a una quota di marcatura superiore (3,75) rispetto a Coda, perché in un certo senso rincalzi del centro-boa cavese. Ciò che non ci attendevamo è un'equivalenza fra le quote di marcatura di Insigne e Improta (sempre 3,75): il folletto partenopeo si "allontana" addirittura dalla porta rispetto a Cremona, dove una sua rete era quotata a 3,50, mentre Improta si avvicina (la sua quota era 4 nell'ultima fuori casa), immaginiamo per una maggiore propensione degli avversari a subire il contropiede e, di conseguenza, anche la velocità dell'esterno puteolano. Un'altra possibile spiegazione di questa equivalenza Improta-Insigne potrebbe ricondurre ad un ritorno al 4-3-3 (peraltro speculare agli ospiti) che, ad un simmetrico posizionamento in campo dei calciatori in questione da esterni d'attacco, farebbe corrispondere un'identica probabilità di andare in gol. Quest'ultima ipotesi, però, è stata riportata più per dovere di cronaca (perché numericamente plausibile) che per altro. Al momento, infatti, la suddetta soluzione appare alquanto improbabile.

Sempre a 3,75 figura il più imprevedibile e dinamico degli attaccanti dei liguri, Okereke, sul quale si sta combattendo una guerra a suon di ricorsi e carte bollate per questioni che esulano dal campo.

Poi per tutti i centrocampisti (includendo Buonaiuto ormai fra questi) non si osservano particolari variazioni rispetto alle quote di marcatura lette a Cremona. Forse, però, la brutta notizia è proprio che vengano confermate in casa le probabilità di segnare fatte registrare in trasferta. In realtà l'unico di questi ad allontanarsi, addirittura, dalla porta avversaria è Bandinelli, che passa da 6,50 a 7.

 

STREGA, STAI ATTENTA. Abbiamo visto, quindi, che molti sono i segnali preoccupanti che arrivano dagli allibratori e che invitano i sanniti alla prudenza. Ciononostante, la probabilità di vittoria del Benevento (46%) resta il doppio di quella dello Spezia (23%), a testimonianza del fatto che se i giallorossi interpretano al meglio la gara (insieme al loro tecnico) non ce n'è per nessuno. Bisognerà evitare, quindi, oltre che i recenti crolli motivazionali, anche le pericolose perdite di lucidità a gara in corso che hanno, fin qui troppo spesso, portato a non saper mai riprendere una contesa che, per vicissitudini ed episodi vari, può sfortunatamente incamminarsi sul binario sbagliato. Al gruppo giallorosso toccherà dimostrare che, almeno in tal senso, qualcosa è finalmente cambiato.

 

 

(foto tratta da www.calcioweb.eu)

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - 
Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com