Inzaghi: «L'obiettivo è arrivare al 100% per il campionato, ma domani è una partita vera. Lo stadio la nostra arma in più»

10.08.2019

 

 

Prima conferenza stampa stagionale per Pippo Inzaghi, alla vigilia del debutto ufficiale del suo Benevento impegnato domani sera - ore 20.30 - al "Vigorito" nel secondo turno di Coppa Italia contro il Monza. Queste le dichiarazioni e i tanti temi affrontati dal tecnico giallorosso in vista del match contro i brianzoli:

 

«Il bilancio finora è positivo, la squadra ha lavorato bene. Da domani si inizia a fare sul serio e conteranno i risultati. Ho trovato un gruppo vero che si allena bene e segue le direttive dell'allenatore. Sono molto felice di questo, i presupposti sono buoni. 

 

Il lavoro che si è fatto in passato è ben visibile, questa è una squadra che ha lottato fino all'ultimo per andare in Serie A e ha dei valori importanti. Abbiamo una squadra forte come altre 6-7. La società ha fatto degli investimenti importanti, poi penso che se ci sarà un'occasione giusta non ci faremo trovare impreparati. Se arriverà qualcuno però dovrà essere un giocatore come quelli che sono arrivati che ci cambia il valore della squadra, altrimenti siamo già a posto così e siamo molto competitivi.

 

Il mio obiettivo è far arrivare i giocatori all'inizio del campionato tutti sullo stesso livello dal punto di vista fisico. E' chiaro che ci sono dei giocatori che sono arrivati dopo e non sono al pari degli altri. Domani sicuramente ne terrò conto, per questo l'altro giorno ho voluto dare minutaggio a giocatori come Kragl, Schiattarella e Sau che erano arrivati dopo. In questo momento farò giocare quelli che si sono allenati meglio.

Domani è una partita importante che vogliamo vincere, ma io voglio che la squadra arrivi al 23 agosto al 100%, quello è il nostro obiettivo.

 

Affrontiamo una squadra molto forte che vuole farci lo scherzetto, noi giochiamo in casa, c'è grande entusiasmo e vogliamo vincere. Sono curioso anch'io di vedere la risposta di domani della squadra.

 

E' la mia prima esperienza al Sud e sono felice, ogni volta che andavo al Sud c'era un affetto incredibile intorno a me. Qui già mi hanno dato troppo per quello che ho fatto, è un ulteriore stimolo a dare sempre di più. Io e il mio staff abbiamo trovato una piazza fantastica e persone che lavorano per il Benevento di altra categoria. E' quello che cercavo, adesso sta a me rendere tutte queste persone orgogliose di me, del mio staff e della squadra.

 

Centrocampo a due? Le scelte me le fanno fare i giocatori. Adesso pensiamo di poter giocare così, chiaro che con quattro giocatori offensivi tutti si devono sacrificare e dare qualcosa in più. Tutto dipenderà da come la squadra interpreterà le mie idee. Il centrocampo a due non è un problema, tutti possono giocare in questo centrocampo, compreso Sanogo che è un giovane che sta lavorando bene, dovrà attendere il proprio spazio ma mi piace molto.

 

Vedo miglioramenti ogni giorno ma ci vorrà del tempo. Domani non possiamo pensare di essere al 100%, cresceremo anche con i nostri errori. I ragazzi hanno molta voglia di fare e questo voglio da loro, vedo un gruppo che recepisce. Quello che ho visto in questo mese di precampionato penso che sia sufficiente per fare una grande partita domani. Dovremo cercare di essere aggressivi e capire i momenti della partita, i nuovi che sono arrivati hanno quella personalità che ci potrà far crescere. 

 

Abbiamo ancora un allenamento, ma domani dovremmo avere la rosa al completo e questo è molto importante, non abbiamo avuto grossi intoppi finora, auguriamoci di continuare su questa squadra. 

 

Calendario? Ci faccio poco caso, sto pensando unicamente al Monza. E' chiaro che nelle prime tre partite abbiamo due trasferte insidiose e la partita in casa contro un avversario difficile come il Cittadella. Ma ora pensiamo a domani, il Monza è un avversario che ha già giocato una partita di Coppa Italia, è allenato da un mio ex compagno di squadra e ha giocatori di medio-alta Serie B. E' una partita vera che ci preparerà al meglio per la prima di campionato. Mi sento spesso sia con Brocchi che con Galliani, tutti sanno quello che è stato il Milan per me. Domani per una giornata saremo avversari. Auguro al Monza di arrivare presto in Serie A.

 

Vorrei far diventare questo stadio un qualcosa in più. Ho già visto cose impensabili come affetto e presenza. Lo stadio è bellissimo e attaccato a noi, potrebbe essere la nostra arma in più. Dovremo essere bravi noi a trascinare la gente dalla nostra parte.

 

Ci vuole equilibrio in tutto, penso che questa squadra per i giocatori offensivi che ha possa sempre fare un gol in più dell'avversario. Questa deve essere la nostra mentalità. Ho sempre pensato però negli anni che anche le migliori difese vincono i campionati, per cui con il giusto equilibrio dobbiamo trovare la chiave giusta. Ho quattro centrali tra cui scegliere ad occhi chiusi.

 

Vokic può giocare in tutti e quattro i ruoli dell'attacco. Mi piace l'idea di avere un attaccante esterno di piede opposto, lo sta interpretando bene ma lasciamolo crescere con calma. Del Pinto? Giocatori come lui sono la fortuna di ogni allenatore, per attaccamento e voglia.  

 

Il Benevento mi ha sempre voluto in questi anni, sia quando le cose sono andate bene che meno bene. Questo per me fa la differenza, credo ancora in questi valori. So cosa il Direttore pensava di me. Ero curioso di conoscere il Presidente, dopo un mese posso dire che è merce rara nel mondo del calcio. E' una persona straordinaria che dice "grazie", in questo mondo è raro. Mi auguro di regalargli le soddisfazioni che merita. Sono felicissimo della scelta fatta.

 

Per me non c'è un capitano, devono essercene 25 sennò non vinciamo. Il gruppo fa la differenza alla lunga. Abbiamo tanti giocatori importanti e tante alternative. Vorrei, e loro lo sanno, che quest'anno il nostro ragionare sia per il "noi" e non per l'"io". Ci sarà bisogno di tutti per vincere.

 

Kragl in certe partite può giocare anche esterno basso, io e la società abbiamo le nostre idee. Non dobbiamo avere fretta, in quel ruolo c'è anche Rillo che sta facendo bene. Non vedo tutta questa necessità di prendere per prendere, se capita sul mercato qualcosa che ci migliora la società non sarà impreparata».

 

La conferenza stampa si è poi conclusa con un brindisi collettivo offerto da mister Inzaghi ai presenti per il suo 46° compleanno, festeggiato ieri. 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - 
Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com