Inzaghi: «Partita complicata in un ambiente caldo. Le partite dipendono da noi e dal nostro atteggiamento»

03.10.2019

 

Si è da poco conclusa la conferenza stampa del mister giallorosso Inzaghi alla vigilia della partenza per raggiungere la Liguria in vista del match contro lo Spezia, in programma sabato 5 ottobre, ed affidato al sig. Marini della Sez. di Roma, coadiuvato dai sigg. Affatato e Annaloro - quarto ufficiale il sig. Amabile -.

Il tecnico, rispondendo alle domande dei giornalisti presenti nella sala stampa del "Vigorito", ha introdotto il match che attende il suo Benevento«Sulla condizione fisica della squadra non ci sono segreti. Sau ci sarà da dopo la sosta, inutile rischiarlo ora. Le assenze non pesano con una squadra del genere. Il bello del Benevento è quello di avere un gruppo affiatato e di qualità. Sarà comunque una partita complicata».

Sull’avversario: «Ho visto tutte le prime partite dello Spezia. Ha una rosa di qualità ed un allenatore che rispetto; la classifica non è affatto veritiera. Si preannuncia una partita complicata in un ambiente caldo, ma le partite dipendono da noi e dal nostro atteggiamento. Lo Spezia è in un momento difficile solo dal punto di vista dei risultati e non per le prestazioni».

Chi può giocare in attacco: «Armenteros, quando Sau era in panchina a Pordenone, ha giocato, quindi le mie scelte sono chiare. Insigne ha giocato una partita splendida contro l’Entella. I dubbi comunque restano fino a sabato».

Cosa migliorerebbe: «Una squadra deve sempre migliorare, non deve mai sentire di essere arrivata al massimo. Io sono il primo a bacchettarli per crescere. Siamo la miglior difesa e per la mole di gioco dovevamo vincerne di più. Schiattarella è una pedina importante, ma si può giocare anche con un centrocampo a tre. Abbiamo raggiunto un equilibrio in questo periodo. La squadra sta bene dal punto di vista fisico. Giocheranno i migliori ma chi va in panchina è pronto a entrare in campo. La sosta arriva nel momento giusto e con il recupero di tutti i giocatori proveremo anche altre soluzioni».

Qualche parola su Kragl: «È un calciatore che può giocare ovunque, è un jolly. Quando mi ha dimostrato che stava bene ha giocato, volevo farlo crescere».

Contro lo Spezia, che Benevento ci dobbiamo aspettare: «Si tratta di un altro esame per noi. Dobbiamo giocare con la giusta mentalità e cattiveria. Quando perderemo dovremo accettarlo perché gli altri sono stati più bravi di noi. L’imbattibilità non deve essere un peso, ma un motivo di orgoglio».

 

(Foto: Vastese Calcio)

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Copyright © 2018 Pianeta Strega - created by Alberto VALLETTA

Testata giornalistica - aut. Tribunale di Benevento numero 1/2018 del 21 febbraio 2018 | Direttore Responsabile: Mario COLALILLO.
Pianeta Strega è un portale di informazione sportiva sul Benevento Calcio - 
Disegno ufficiale del logo creato da Pierluigi MASTROBUONI.

redazionepianetastrega@gmail.com