Sostenitori di Trump che hanno violentato il Campidoglio degli Stati Uniti: ‘Non era Antifa’

Sostenitori di Trump che hanno violentato il Campidoglio degli Stati Uniti: ‘Non era Antifa’

Quasi una dozzina di sostenitori di Trump accusati in relazione alla rivolta del Campidoglio degli Stati Uniti hanno affermato che Antifa e altri gruppi di sinistra non sono stati coinvolti nell’attacco, sfatando una teoria del complotto false flag che sta guadagnando popolarità nell’orbita pro-Trump.

Il reclamo infondato che gli infiltrati di sinistra fossero responsabili del violento attacco è stato promosso dall’ex presidente Donald Gli avvocati di impeachment di Trump, parecchi Legislatori del GOP e almeno un altoparlante venerdì mattina alla Conservative Political Action Conference.

Anche molti dei presunti rivoltosi accusati hanno abbracciato questo complotto. Ma secondo una revisione della CNN dei documenti del tribunale, quasi una dozzina di imputati si sono espressamente respinti, dicendo che loro e altri sostenitori di Trump meritano il merito di aver preso d’assalto Campidoglio, non Antifa.

“Ci sono molti meme e messaggi in giro che dicono che le persone che hanno combattuto la notte scorsa erano tutti provocatori antifa, ecc.”, L’accusato Jose Padilla avrebbe postato su Facebook il giorno dopo l’attacco del 6 gennaio. “Voglio solo dire che come osservatore di prima mano di ogni punto di ieri sera, non è stato Antifa. Sono stati i patrioti che cercavano di restaurare la Repubblica”.

Un altro sospetto ribelle di Capitol Hill, Jonathan Mellis, ha scritto: “Non cercare di dirmi che la gente dà la colpa all’antifa e al BLM. Ci assumiamo con orgoglio la responsabilità di aver preso d’assalto il castello”. Ha anche usato un termine volgare per indicare che i gruppi di sinistra erano troppo codardi per effettuare un attacco.

Padilla e Mellis sono tra gli imputati accusati di aver aggredito agenti di polizia oltre che di aver trasgredito. I pubblici ministeri affermano che Mellis ha colpito gli agenti con un grosso bastone e che Padilla ha usato un grande cartello di metallo Trump come ariete contro la linea di polizia.

READ  Trump e RNC si scontrano per aver usato il suo nome nella raccolta fondi

Nessuno di questi uomini ha supplicato e nessun avvocato è stato iscritto nel registro del tribunale.

I loro commenti minano la cospirazione infondata che sposta la responsabilità dai più ardenti sostenitori di Trump agli oppositori di Trump. Anche alcuni repubblicani di spicco hanno rinnegato la teoria della falsa bandiera, ma la narrativa lo è sano e salvo in alcuni circoli del GOP.

Almeno un oratore al CPAC questa settimana ha promosso la menzogna, sebbene abbia ammesso che alcuni sostenitori di Trump hanno partecipato all’assalto a Capitol Hill. Il conduttore radiofonico conservatore Wayne Dupree ha detto: “Antifa era lì, BLM era lì, le persone al MAGA erano lì, tutti erano lì”.

In un’udienza al Senato martedì sui fallimenti della sicurezza, il senatore repubblicano Ron Johnson del Wisconsin ha promosso sfacciatamente false affermazioni che la folla era piena di “falsi manifestanti Trump” e “agenti provocatori”. La maggior parte dei repubblicani sul pannello non ha abbracciato queste cospirazioni.

Una rivolta del Campidoglio accusata ha invitato i legislatori del GOP per incolpare Antifa. Thomas Robertson, a Rocky Mount, Virginia, agente di polizia pubblicizzava i suoi legami con le forze dell’ordine e gruppi conservatori. Da allora è stato licenziato dal dipartimento di polizia, secondo un comunicato stampa.

“Ero nel Campidoglio 2 giorni fa”, ha detto Robertson su Facebook, secondo i documenti del tribunale. “Sono un (membro del gruppo pro-armi Virginia Citizens Defense League), un membro della NRA e un soldato e un ufficiale di polizia in servizio. DC Republican Damage Control sta cercando di dire che era ANTIFA. Questo non era il caso. Forse alcuni dicevano “Certo. Questo l’ha causato ?? No.”

READ  È lo stesso giorno in Bielorussia per 100 giorni

È stato accusato insieme a Jacob Fracker, un altro ufficiale di polizia di Rocky Mount che è stato anche licenziato. Il Pentagono afferma che Robertson era precedentemente nella Riserva dell’esercito degli Stati Uniti e dispiegato in Iraq durante la guerra, e che Fracker è attualmente un caporale della Guardia nazionale della Virginia.

I due uomini si sono dichiarati non colpevoli giovedì in un’udienza presso un tribunale federale virtuale a Washington, DC

I pubblici ministeri hanno detto di aver recuperato il video dal telefono di uno dei famigerati “ragazzi con cravatte” che è stato raffigurato nella Camera del Senato con manette di plastica.

Nel video, l’uomo sarebbe stato sentito dire: “Non rompere la merda … niente vandalismo … non siamo una puttana di Antifa”.

Un altro imputato ha persino implorato i suoi compagni rivoltosi di essere orgogliosi delle loro azioni quel giorno.

“Sii imbarazzato e nasconditi se è necessario, ma io ero lì. Non era Antifa a Capitol Hill. Erano patrioti amanti della libertà che desideravano disperatamente lottare per l’ultima speranza della nostra Repubblica.”, Ha twittato Brandon Straka, che ha parlato a una manifestazione “Stop the Steal” alla vigilia dell’insurrezione.

Alcuni dei commenti dei presunti rivoltosi su Antifa sono già stati evidenziati da l’Huffington Post e il Washington Post. Almeno 265 persone devono affrontare accuse relative all’attacco al Campidoglio, sebbene i pubblici ministeri affermino che più casi sono sotto sigillo o sono pendenti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega