Tamara sfida la storia e gli alpinisti: “Scalerò il K2 in inverno, credo nei sogni”

Tamara sfida la storia e gli alpinisti: “Scalerò il K2 in inverno, credo nei sogni”

W.Gert Bonati, uno dei più grandi alpinisti di tutti i tempi, ha affermato che la realtà rappresenta il cinque per cento della nostra vita e che per salvarsi una persona ha una sola possibilità: continuare a sognare. Tamara Longer, 34 anni, altoatesina con una lunga storia di escursioni in montagna, ha deciso che il suo sogno era una chiazza di neve e ghiaccio di 8.611 metri al confine tra Pakistan e Cina. K2 Summit, l’ultimo grande tabù dell’alpinismo nel mondo. Perché in inverno sulla seconda montagna più alta della terra (dopo l’Everest, che ha un’altezza di 8.848 metri) nessun uomo o donna è riuscito a mettere piede. Molti ci hanno provato, ma il K2 è ancora l’unico dei quattordici 8.000 alpinisti che hanno scalato solo in estate. Lunger l’ha conquistata per la prima volta nel 2014 e da allora non c’è stato giorno senza che quella chiamata interna tornasse. “Amo questa montagna, ha un’energia unica e la sento dentro di me – dice mentre iniziano i preparativi in ​​Pakistan -. È una sensazione profonda, intima, difficile da spiegare. Ci penso da sei anni, e spesso ho avuto la percezione che fosse il momento giusto per provare ad arrampicare”. Inverno, poi finalmente ho deciso, è arrivato il momento.

Inutile sottolineare i pericoli, le difficoltà e tutte le incognite che caratterizzano una spedizione su questa colossale montagna che per un secolo e mezzo ha fatto da sfondo a progetti leggendari, come l’apertura della prima strada da parte dell’italiano Luigi Amedeo, Duca d’Abruzzo. 1909, ma anche drammi orribili, vedono la morte della 33enne Alison Hargreaves, una delle più potenti alpiniste della storia e madre di Tom Ballard, l’uomo che perse la vita con Daniele Nardi a Nanja Parbat nel 2019.

Tra le grandi vette che tracciano l’Himalaya, il Karakorum e il Kashmir, il K2 è considerato da tutti gli esperti la più difficile da scalare e non è un caso che tra le tante persone che hanno cercato di domare quelle piste, il tasso di insuccessi e abbandoni delle vittime è purtroppo molto alto. Le statistiche mostrano che per ogni tre o quattro alpinisti che raggiungono la vetta (in estate) almeno uno muore. “Non ho paura di partire perché mi sento in armonia con il mio corpo e con tutto ciò che mi circonda – prosegue -. Il mio soggiorno qui è esattamente quello che volevo. Mi sento molto felice e grato per l’esperienza che sto vivendo. Se dovessi trovare una metafora, mi sentirei come un bambino che aspetta il Natale “. Non vede l’ora che inizi l’avventura, ma dietro al suo spontaneo entusiasmo c’è un’ossessata predisposizione matematica e logistica. Tamara non pone restrizioni alle ambizioni anche se in passato doveva imporle a se stessa. Nel 2016, durante l’ascesa del Nanga Parbat (gli ultimi 8.000 personaggi famosi) ha deciso di abbandonare la conquista della vetta quando era a soli 70 metri (su un totale di 8.126). Il progetto è praticamente terminato, ma esaurito e tornato. A distanza di anni si può affermare con certezza che questa scelta l’ha salvata Lei e i suoi compagni di spedizione. “So quando è il momento di smettere. Con il passare del tempo ho imparato ad apprezzare tutto quello che la vita mi regala. Anche gli ostacoli e le difficoltà perché tutto contribuisce ad un’esperienza unica e memorabile”.

L’avvicinamento alla vetta durerà settimane, perché bisognerà stabilire dei campi intermedi da cui parte la vera salita. Nel frattempo bisognerà curare l’acclimatazione e preparare i punti di fissaggio delle corde. Tutto va curato nei minimi dettagli perché la “montagna selvaggia” non ammette distrazioni. Qui le temperature variano tra -20 ° C e -40 ° C e molto dipende dalle condizioni meteorologiche. Alpinisti che sono passati attraverso questa uguaglianzaTi conoscono bene. Agli italiani piace Achille I Compagnoni e Lino Lacedelli che erano qui, il 31 luglio 1954, furono i primi a conquistare la vetta del monte. Ora, sulla scia di questo progetto, Tamara vuole riscrivere la storia. Per le donne, il risultato sarà il doppio del risultato. “Vuoi anche che io sia un messaggio per l’universo femminile. Dobbiamo sognare in grande, lottare per i nostri obiettivi e non arrenderci. Adesso tocca a me. “Ma la speranza è che tutte le persone trovino il coraggio di affrontare il K2 in inverno”.

READ  La Corte dell'Unione Europea respinge la raccolta indiscriminata di dati personali - Ultima Ora

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega