Tim Cook affronta improvvise interruzioni dei dipendenti in Apple

Tim Cook affronta improvvise interruzioni dei dipendenti in Apple

SAN FRANCISCO — Apple, nota tra i suoi colleghi della Silicon Valley per una cultura aziendale riservata in cui ci si aspetta che i lavoratori siano in stretto contatto con il management, si trova improvvisamente ad affrontare un problema che sarebbe stato inimmaginabile fino a pochi anni fa: i disordini dei dipendenti.

Venerdì, il CEO di Apple Tim Cook ha risposto alle domande dei lavoratori in una riunione di tutti i dipendenti per la prima volta da quando le preoccupazioni dei dipendenti sono emerse su argomenti che vanno dall’equità retributiva all’opportunità che l’azienda debba affermarsi di più su questioni politiche come il Texas. Legge sull’aborto limitato.

Secondo una registrazione ottenuta dal New York Times, il signor Cook ha risposto solo a due di quelle che il personale dell’attivista ha affermato essere una serie di domande che volevano porre a un incontro trasmesso ai dipendenti di tutto il mondo. Ma la sua risposta è stata un notevole riconoscimento del fatto che il posto di lavoro e le questioni sociali che hanno afflitto la Silicon Valley per diversi anni erano radicate in Apple.

Nell’ultimo mese, più di 500 persone che hanno affermato di essere attuali ed ex dipendenti Apple hanno fornito testimonianze di abusi verbali, molestie sessuali, ritorsioni e discriminazione sul lavoro, tra le altre cose, gruppo di attivisti dei dipendenti chi si fa chiamare #AppleTooHanno detto Cher Scarlett e Janic Parrish, due dipendenti Apple che aiutano a guidare il gruppo.

Il gruppo è iniziato Pubblica alcune storie anonime online Ha incoraggiato i colleghi a contattare i funzionari federali e statali del lavoro in merito alle loro lamentele. I loro casi variano, così come quelli di otto dipendenti attuali ed ex che hanno parlato con The Times; Tra questi ci sono le condizioni di lavoro, le disparità salariali e le pratiche commerciali dell’azienda.

Un tema comune è che la segretezza di Apple ha creato una cultura che scoraggia i dipendenti dal parlare delle loro preoccupazioni sul posto di lavoro, non con i colleghi, non con la stampa e non sui social media. I reclami su manager o colleghi problematici vengono spesso respinti e i lavoratori temono critiche su come l’azienda fa affari, hanno detto i dipendenti che hanno parlato con The Times.

“Apple ha questa cultura della segretezza ed è tossica”, ha detto Kristen DeHoss, che ha lavorato in Apple per cinque anni e se n’è andata ad agosto. “Da un lato, sì, capisco che il segreto è importante per la sicurezza del prodotto, per sorprendere e deliziare i clienti. Ma sanguina in altre aree della cultura dove è tabù e distruttivo”.

READ  Red Pot Ice Cream che ospita showroom a Beaumaris, Menai Bridge, Pristatin e Langevni svela ambiziosi piani di espansione

Il signor Cook e Deirdre O’Brien, capo delle risorse umane di Apple, hanno affermato venerdì in risposta a una domanda sull’equità retributiva che Apple esamina regolarmente le sue pratiche retributive per garantire che paghi i dipendenti in modo equo.

“Quando troviamo delle lacune, che a volte troviamo, le chiudiamo”, ha detto la signora O’Brien.

Alla domanda su cosa stia facendo Apple per proteggere i suoi dipendenti dalle restrizioni all’aborto in Texas, Cook ha affermato che la società sta valutando se può aiutare nella lotta legale contro la nuova legge e che la sua assicurazione medica aiuterà a pagare i lavoratori Apple in Texas se bisogno di viaggiare in altri paesi per un aborto.

La signora Parish ha affermato che i commenti di Cook hanno ricevuto un’accoglienza mista dai dipendenti Apple su Slack, la bacheca del posto di lavoro. Alcuni membri del personale hanno acclamato il signor Cook, mentre altri, inclusa lei, sono rimasti delusi.

La Parrish ha affermato di aver sollevato una domanda sui passi concreti che Apple ha intrapreso per garantire che i divari retributivi siano risolti e che più donne e persone di colore siano promosse a posizioni di leadership. “Con le risposte che Tim ha dato oggi, non stavamo ascoltando”, ha detto.

Apple ha circa 160.000 dipendenti in tutto il mondo e non era chiaro se i nuovi reclami pubblici riflettessero problemi sistemici o problemi isolati che si verificano in molte grandi aziende.

“Siamo profondamente impegnati, e rimaniamo sempre, a creare e mantenere un ambiente di lavoro positivo e inclusivo”, ha affermato la società in una nota. “Prendiamo tutte le preoccupazioni molto seriamente e indaghiamo a fondo ogni volta che vengono sollevate preoccupazioni e, per rispetto della privacy delle persone coinvolte, non discutiamo di questioni specifiche del personale”.

Mentre la trasmissione di problemi sul posto di lavoro in Apple è ottima per molte persone che hanno seguito l’azienda nel corso degli anni, l’attivismo dei dipendenti è diventato un evento comune nella Silicon Valley.

Tre anni fa, i dipendenti di Google hanno marciato dai loro uffici in tutto il mondo per protestare contro le politiche sulle molestie sessuali. L’anno scorso, i dipendenti di Facebook hanno protestato contro la gestione da parte della loro azienda dei post del presidente Donald J. Trump. Alcune aziende hanno esplicitamente vietato le discussioni non lavorative.

Ma in Apple, fino a poco tempo fa, i dipendenti e i filer sembravano fare il loro lavoro con poco clamore. La segretezza era una caratteristica che il defunto co-fondatore dell’azienda, Steve Jobs, che era ossessionato dalla prevenzione delle fughe di notizie sui nuovi prodotti Apple, ha spinto ad aggiungere alla sorpresa del pubblico quando li ha rivelati sul palco. I dipendenti che hanno parlato con The Times hanno affermato che questa cultura si è diffusa nel tempo nel più ampio luogo di lavoro.

READ  A Santa Monica apre un ristorante del Sud Italia, LA Puglia

“Non ho mai incontrato persone che hanno più paura di parlare contro un datore di lavoro”, ha detto la signora Scarlett, che è entrata in Apple come ingegnere del software ad aprile e ha lavorato per altre otto aziende.

Un portavoce di Apple ha sottolineato a politica aziendale Ha detto che i dipendenti possono “parlare liberamente del tuo stipendio, delle ore o delle condizioni di lavoro”.

Slack era un Il principale strumento organizzativo per i lavoratoriDiversi dipendenti attuali ed ex hanno detto al Times. Preserva la cultura solitaria di Apple Diverse squadre di dipendenti separati l’uno dall’altro, un altro risultato degli sforzi per prevenire le perdite. Non esisteva una bacheca interna diffusa e comune per consentire ai dipendenti di comunicare tra loro, fino a quando Apple ha iniziato a utilizzare Slack nel 2019.

Quando ai dipendenti è stato chiesto di lavorare da casa all’inizio della pandemia, Slack è diventato particolarmente popolare. “Per molti di noi, questa è stata la nostra prima opportunità di interagire con persone al di fuori del nostro silo”, ha affermato la signora Parrish. In precedenza, “nessuno di noi sapeva che qualcun altro stava attraversando questo”.

I reclami sembrano avere un effetto. Quando Apple quest’anno ha assunto l’ex CEO di Facebook Antonio Garcia Martinez, più di 2.000 dipendenti Firma una lettera di protesta alla direzione A causa di quelle che hanno chiamato “osservazioni razziste e sessualmente esplicite” in un libro che ha scritto, basato in parte sul suo tempo su Facebook. In pochi giorni, Apple lo ha cacciato. Il signor Garcia Martinez ha rifiutato di commentare i dettagli del suo caso.

A maggio, centinaia di dipendenti hanno firmato una lettera esortando Apple a sostenere pubblicamente i palestinesi durante il recente conflitto con Israele. E il canale Slack aziendale creato per orchestrare gli sforzi per spingere Apple a essere più flessibile sugli accordi di lavoro a distanza una volta finita la pandemia, ora conta circa 7.500 dipendenti.

Oltre all’attività di squadra, Apple si occupa di battaglie uno contro uno che scivolano alla vista del pubblico.

READ  Volkswagen Caddy: annunciati i prezzi

Ashley Jovik, ex responsabile del programma di ingegneria presso Apple per sei anni, ha dichiarato: Si era lamentata con Apple Per mesi su quelli che pensava fossero test impropri per sostanze chimiche tossiche nel suo ufficio, così come commenti di genere da parte di uno dei manager.

Dopo che le sue lamentele sono state rese pubbliche quest’anno, la signora Jovik è stata messa in congedo e poi licenziato. Lei disse Apple le ha detto Che è stata licenziata per aver divulgato informazioni sul prodotto e non aver collaborato con l’inchiesta. Ha detto di aver presentato denunce al National Labor Relations Board, all’Occupational Safety and Health Administration, alla Equal Employment Opportunity Commission e al Dipartimento di Giustizia.

Apple ha rifiutato di commentare casi specifici dei dipendenti.

La signora DeHos, che ha lavorato in Apple per mitigare l’impatto dell’estrazione di metalli preziosi nelle aree di conflitto, ha affermato di aver lasciato Apple dopo aver trascorso diversi anni a combattere la decisione di riassegnarla a un ruolo che, secondo lei, implicava più lavoro per meno. Ha detto che Apple ha iniziato a provare a ripristinarlo dopo essersi lamentata del fatto che il lavoro dell’azienda nei metalli non stava, in alcuni casi, portando cambiamenti tangibili in alcuni paesi devastati dalla guerra.

Richard Dahan, che è sordo, ha detto di aver lottato per sei anni nel suo precedente lavoro in un Apple Store nel Maryland perché il suo manager si è rifiutato di fornirgli un interprete della lingua dei segni per comunicare con i clienti, cosa richiesta dalla legge federale in alcune circostanze. Ha detto che comunicava con i clienti digitando su un iPad e che di conseguenza alcuni clienti si rifiutavano di lavorare con lui. Ha detto che quando l’ha detto al suo manager, ha detto che era un diritto dei clienti.

“Andrebbe bene se dicessero che non vogliono lavorare con qualcuno di colore?” ha chiesto il signor Dahan in un’intervista tramite un interprete di lingua dei segni.

Alla fine gli fu assegnato un interprete. Ma, ha detto, a quel punto, il senior management lo considerava un brontolone e si rifiutava di promuoverlo.

“La loro cultura è: bevi Kool-Aid, compra quello che ti diciamo e ti promuoveremo”, ha detto. “Ma se chiedi qualcosa o fai rumore, non lo faranno.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega