Un esopianeta “Super puff” è grande quanto Giove ma 10 volte più leggero, il che confonde gli astronomi

Un esopianeta “Super puff” è grande quanto Giove ma 10 volte più leggero, il che confonde gli astronomi

A circa 212 anni luce dalla Terra, un pianeta gigante gassoso abbastanza leggero da essere chiamato “Super Puff” o “Spinning Girl” orbita molto vicino alla sua stella ospite. Il Pianeta extrasolare È così leggero che ha lasciato gli astronomi a chiedersi tutto ciò che sapevamo in precedenza su come si sono formati i giganti gassosi.

È super sbuffo Pianeta extrasolareConosciuto K. WASP-107bHa all’incirca le stesse dimensioni di Giove, ma solo circa un decimo della massa, ovvero circa 30 volte la massa della Terra. Secondo un nuovo studio pubblicato lunedì in The Astronomical Journal, La sua massa fondamentale è molto più piccola di quanto gli astronomi pensavano fosse necessario per creare giganti gassosi come Giove e Saturno.

La scoperta fatta dal Dr. La studentessa Caroline Biaulet, sotto la direzione del professor Bjorn Pinicki dell’Università di Montreal, osserva che i giganti gassosi si formano molto più facilmente di quanto si pensasse in precedenza.

“Questo studio spinge i confini della nostra comprensione teorica di come si formano i pianeti giganti. WASP-107b è uno dei pianeti più sporgenti là fuori e abbiamo bisogno di una soluzione innovativa per spiegare come questi minuscoli nuclei possono costruire rivestimenti di gas così massicci”, ha detto il coautore Yves Lee in A. dichiarazione.

WASP-107b non è una scoperta completamente nuova: gli astronomi l’hanno scoperta per la prima volta nella costellazione della Vergine nel 2017. Il pianeta è molto vicino alla sua stella, più di 16 volte dalla Terra al Sole, e completa un’orbita ogni 5,7 giorni.

WASP-107b è uno degli esopianeti meno densi che gli scienziati abbiano mai scoperto. Hanno chiamato tipi simili di pianeti: giganti gassosi capelli delle ragazze – Sbuffi soprannaturali.

READ  Burioni: "Il vaccino Pfizer? Il più grande progetto nella storia della scienza"
csm-20210118-exo-planete-d9b8a041b4.jpg
Rappresentazione artistica di un esopianeta WASP-107b e della sua stella WASP-107. Parte della luce della stella scorre attraverso lo strato di gas su un esopianeta.

ESA / HUBBLE, NASA, M. KORNMESSER


Per trovare l’improvvisa massa del pianeta, gli astronomi hanno studiato le osservazioni ottenute all’Osservatorio Keck alle Hawaii. Hanno usato una tecnica chiamata metodo della velocità radiale, che studia il movimento oscillatorio della stella di un pianeta causato dall’attrazione gravitazionale del pianeta, al fine di calcolare la massa.

Gli scienziati sono rimasti scioccati quando hanno concluso che il nucleo solido di WASP-107b ha una massa non più di quattro volte la massa della Terra, il che significa che più dell’85% della sua massa proviene dallo spesso strato gassoso che circonda il nucleo. Questo è un collasso completamente diverso da Nettuno, che ha una massa simile ma ne mantiene solo il 5-15% all’interno del suo strato di gas.

Sulla base della loro conoscenza di Giove e Saturno, gli scienziati in precedenza credevano che fosse necessario un nucleo solido almeno 10 volte la massa della Terra per ottenere abbastanza gas per formare un pianeta gigante gassoso. Il WASP-107b sfida questa teoria.

“Questo lavoro si occupa delle basi che spiegano come si formano e crescono i pianeti giganti”, dice Benicki Egli ha detto. “Fornisce prove concrete che il massiccio accumulo del mantello di gas può verificarsi in nuclei molto meno densi di quanto si pensasse in precedenza”.

Lee ipotizza: “Lo scenario più plausibile è che il pianeta si sia formato lontano dalla stella, con il gas nel disco sufficientemente freddo da consentire l’accumulo di gas molto rapidamente. Il pianeta è stato in seguito in grado di spostarsi nella sua posizione attuale, tramite interazioni con il disco o Con altri pianeti nel sistema. “

Durante lo studio del pianeta, il team ha trovato un altro pianeta nello stesso sistema, WASP-107c. La sua massa è circa un terzo della massa di Giove e ci vogliono tre anni per orbitare una volta intorno alla sua stella ospite.

L’orbita ellittica del pianeta indica che la nuova ipotesi degli astronomi è sulla buona strada.

“Il WASP-107c, in qualche modo, ha conservato un ricordo di ciò che è accaduto nel suo sistema”, ha detto Biaolit. “La sua ampia aberrazione indica un passato un po ‘caotico, con interazioni interplanetarie che altrimenti avrebbero provocato grandi spostamenti, come quelli sospettati in WASP-107b”.

Il team spera di continuare a studiare il pianeta alieno con il lancio Telescopio spaziale James Webb quest’anno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega