Un’aspra disputa sulla ricchezza familiare si intensifica nei tribunali britannici

Un’aspra disputa sulla ricchezza familiare si intensifica nei tribunali britannici

La battaglia: la principessa Camila Cruciani, principessa borbonica delle Due Sicilie

Il gigante bancario francese BNP Paribas è stato bloccato in una controversia ereditaria estremamente complessa con una dinastia imprenditoriale italiana per oltre un decennio. La principessa Camila Croceiani de Bourbon de Cecilis – figlia dell’industriale Camilo Crocciani – spera ora di porre fine alla disputa su un fondo fiduciario di 250 milioni di euro con un nuovo round di scontri legali nel Regno Unito e nel Jersey.

Afferma che BNP Paribas ha gestito male il fondo fiduciario della famiglia Jersey e sta perseguendo cause legali per chiedere alla banca di restituire 135 milioni di sterline al fondo e chiedere un risarcimento di almeno 60 milioni di sterline.

Nell’ultimo sviluppo della battaglia decennale, la principessa Camilla martedì lancerà un appello alla Corte reale di Jersey per ribaltare una sentenza che nascondeva i beni di sua madre, tra cui un dipinto da 50 milioni di sterline di Paul Gauguin.

Separatamente, le sue due figlie, Kiara, 16 anni, e Carolina, 17, si stanno preparando a intraprendere un’azione legale presso il Privy Council di Londra per riconfigurare il trust e recuperare i 135 milioni di sterline che sostengono siano dovuti.

L’udienza, prevista per lo scorso anno, dovrebbe ora svolgersi nella seconda metà del 2021. Nel frattempo, la principessa Camilla e sua madre hanno intentato una causa penale contro BNP a Monaco, chiedendo un minimo di 60 milioni di sterline. Sterling come risarcimento.

Parlando dalla sua casa nel sud della Francia, la principessa Camilla – che è sposata con il principe Carlo, duca di Castro – ha detto a The Mail Sunday: “ Tutto è iniziato da un tradimento di fiducia di un tutore professionista, e sfortunatamente ne è derivato. Per più di un decennio di contenzioso. Quest’anno siamo determinati a continuare il processo contenzioso e ripristinare la fiducia originaria. Vogliamo che BNP accetti la loro colpevolezza e paghi un risarcimento.

READ  Fiscale, Conto Economico Superbonus 2021 e altre notizie

La fiducia al centro della controversia, chiamata Grand Trust, è stata fondata nel 1987 dalla madre della principessa Camilla Edoarda Crociani, un’attrice italiana che si è esibita sotto il nome d’arte Edy Vessel.

I fondi erano destinati a beneficiare Camilla e sua sorella minore Christiana – e infine i loro nipoti – dopo la morte nel 1980 del padre Camilo, che fondò un gruppo di ingegneria chiamato Vitrociset SpA più una miriade di milioni di sterline di multe. arte.

La famiglia ha nominato il ramo di gestione patrimoniale di BNP Paribas nel Jersey come trustee per la gestione dei fondi detenuti in Svizzera. Nel 2010, il Grand Trust si è sciolto ei fondi sono stati trasferiti in un nuovo trust.

Dopo la ristrutturazione, nel 2013, la sorella della principessa Camilla Christiana Delrio ha intentato una causa contro i tre tesorieri, guidati dalla BNP Paribas Jersey Trust Corporation, per non aver accettato il trasferimento dei fondi.

Christiana ha vinto la causa nel 2017 dopo che un tribunale del Jersey ha riscontrato che BNP gestiva male il trust e lo ristrutturava illegalmente. I documenti del tribunale di un processo di tre mesi mostrano che Miles Lou Corneau, che gestiva l’attività di gestione patrimoniale per BNB nel Jersey, ha ammesso di aver proposto l’idea di spostare i beni dal Grand Trust a un altro trust.

Affari di famiglia: la principessa Camilla con il marito Carlo e le figlie Kiara, a sinistra, e Carolina

Affari di famiglia: la principessa Camilla con il marito Carlo e le figlie Kiara, a sinistra, e Carolina

Con la decisione, agli amministratori è stato ordinato di riconfigurare completamente il Grand Trust, che originariamente valeva circa 250 milioni di euro, inclusi contanti, azioni e dipinti come Gauguin Hina Maruru. È stato anche ordinato loro di risarcire Christiana, che è stata pagata $ 115 milioni da BNP per la sua partecipazione nel trust.

READ  L'operaio del fondo eccedentario merita le ferie?

BNP ha quindi citato in giudizio Edward, la madre della principessa Camilla, che, come fiduciario, era responsabile del recupero del denaro dovuto.

Come parte del caso, nel 2018 hanno chiesto alla principessa Camilla di rivelare i dettagli della fortuna di sua madre. Ha firmato sette affidavit scritti che rivelano tutti i dettagli dei beni di sua madre al meglio delle sue conoscenze.

Ma la Corte reale del Jersey ha ritenuto false queste affermazioni e nel 2019 ha stabilito che aveva violato il tribunale perché sapeva dove si trovavano i beni di sua madre.

Foto del conflitto: dipinto da 50 milioni di sterline di Gauguin

Foto del conflitto: dipinto da 50 milioni di sterline di Gauguin

In una sentenza del mese scorso, il tribunale del Jersey ha affermato che la principessa Camilla era coinvolta nel trasporto dei dipinti di sua madre da Singapore alla Svizzera e, infine, in un magazzino sotterraneo a Miami. La corte ha rilevato che i dipinti erano di proprietà di un nuovo fondo chiamato Apollo, che sembra aver beneficiato la principessa Camilla e le sue figlie. La sentenza del mese scorso ha confermato il precedente disprezzo della corte e ha condannato la principessa Camilla a una multa di 2 milioni di sterline.

L’avvocato della principessa Camilla ha detto di aver presentato ricorso perché non era in grado di rispondere alle domande sulle origini di sua madre perché non sapeva dove fosse. La multa verrà sospesa se il suo ricorso questa settimana avrà esito positivo.

Alla principessa Camilla era stato precedentemente negato il permesso di fare appello al Consiglio privato per recuperare la sua quota nel fondo. Ha detto che le sue figlie sono state “private” dell’eredità a causa di polemiche sulla fiducia, aggiungendo: “Come possono i beneficiari che dipendono dalla fiducia e da un’istituzione improvvisamente trovarsi completamente privati ​​del piano di successione della nonna?”

READ  Enel Upright in Payments: The Birth of Enel X Pay, un conto corrente digitale con app e carta

“La principessa Camilla … condanna tutte le azioni fuorvianti e destabilizzanti del gruppo Bnp Paribas, condannato per aver tradito la fiducia della famiglia Croociani”, afferma un comunicato diffuso da un portavoce.

Ha aggiunto: “Il Gruppo BNP … moltiplica tutti i tipi di procedure legali per screditare i suoi ex clienti e la sua famiglia”.

BNP Paribas ha rifiutato di rispondere a una richiesta di commento.

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere link di affiliazione. Se ci clicchi sopra, potremmo guadagnare una piccola commissione. Questo ci aiuta a finanziare This Is Money e lo rende gratuito. Non scriviamo articoli che promuovono prodotti. Non permettiamo ad alcun rapporto commerciale di influire sulla nostra indipendenza editoriale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega