Il fratello gemello di Mario Andretti, Aldo, è venuto a mancare all’età di 80 anni

Il fratello gemello di Mario Andretti, Aldo, è venuto a mancare all’età di 80 anni

Il quattro volte campione di Indy Car e campione del mondo di F1 del 1978 ha inviato un messaggio tramite Twitter:

“Aldo Andretti, il mio amorevole fratello gemello, il mio complice e il mio fedele amico ogni giorno della mia vita, è stato chiamato in paradiso ieri sera. La metà di me è andata con lui. Non c’è eloquenza. Ero scosso dal profondo.”

Dopo che la famiglia si trasferì da Montona, in Italia (ora Motovon, Croazia) in America nel giugno del 1955, Aldo e Mario portarono con sé i loro ricordi forti di aver visto il miglio della Miglia e la gara italiana a Monza: questo sarebbe stato il loro sogno di entrare nel motorsport.

La coppia era entusiasta di scoprire un mezzo miglio ellittico sterrato in città mentre i loro genitori scelsero di stabilirsi a Nazareth, in Pennsylvania.

Dopo che Aldo e Mario hanno ottenuto voti A in inglese e matematica, hanno lavorato part-time in una stazione di servizio locale e hanno risparmiato i loro guadagni da spendere per ricostruire la Hudson di 10 anni in una macchina da corsa e condividere i compiti di guida.

Quasi subito hanno iniziato a vincere sulla strada per Nazareth nonostante la mancanza di punti della stagione precedente che li ha costretti a partire dal fondo del campo. Opportunamente incoraggiati, iniziarono a rintracciare Hudson più lontano – Flemington, NJ e Hatfield, PA – tutti sconosciuti al loro padre Gigi.

Poi Aldo ha avuto un terribile incidente ad Hatfield mentre era terzo in una gara di freestyle. La ruota anteriore destra ha preso un battito nel recinto “di sicurezza”, facendo ribaltare l’auto in aria e mentre il tetto scendeva e il roll bar deviava. Il casco di Aldo si è rotto nell’incidente ed è stato portato in ospedale ed è caduto in coma.

READ  Gran Premio d'Italia: Daniel Ricciardo "non ha mai perso la fiducia" nonostante la dura stagione della McLaren

Mario, che era tenuto sveglio al suo capezzale, alla fine dovette fare i conti con suo padre sulle attività di corsa. Quando Aldo è arrivato circa 10 giorni dopo, ha scoperto che la sua commozione cerebrale era così grave che ha dovuto imparare di nuovo a camminare.

Infatti, per tutto il 1960, Mario fu l’unico pilota della nuova (vecchia!) Macchina da corsa mentre Aldo continuava a riprendersi. Alla fine, a fine anno, Aldo si sentiva pronto a provare di nuovo alla velocità della competizione, ma su Nazareth Motorcycle Way, alla sua seconda uscita dall’incidente, ha avuto un altro grave incidente sul retro. Anche se questa volta non ha sofferto di peggio per un dito rotto, la carriera agonistica di Aldo era finita.

Aldo rimase un grande appassionato di corse, dopodiché partecipò regolarmente alle gare, sostenendo le attività del fratello. Non sorprende che due dei suoi cinque figli, Adam e John, siano corsi via. Adam ha recentemente gareggiato allo Stadium Super Trucks e Trans-Am, mentre John ha avuto una carriera di successo in Indy Cars, IMSA e NASCAR. John è morto di cancro al colon nel gennaio di quest’anno.

Anche dopo il pensionamento di John, Aldo era un regolare all’Indianapolis Motor Speedway, sostenendo suo nipote Michael e il figlio di Michael, Marco. Ultimo tweet:

Rip zio Aldo. Uno degli uomini più difficili che abbia mai incontrato. Non l’ho mai sentito lamentarsi, che è un tratto che ha trasmesso a John. È sempre positivo, ottimista e fa una grande squadra nella famiglia Andretti “.

Andretti Autosport ha rilasciato una dichiarazione: “Con le nostre più sentite condoglianze condividiamo che Aldo Andretti ha lasciato questa vita mercoledì sera a Indianapolis, Indiana. Aldo è nato il 28 febbraio 1940 ed è morto pacificamente con un cuore pieno di amore e di spirito.

READ  Middleton sta ancora guardando il titolo GT Enduro nella sua prima stagione

Nato a Montona, in Italia, Aldo e la sua famiglia sono emigrati negli Stati Uniti nel 1955, e lui e suo fratello gemello Mario sono diventati l’inizio della più grande dinastia di corse della storia.

Sebbene la vita di Aldo abbia preso una direzione diversa da quella di suo fratello Mario, Aldo Forever condivideva la passione per le corse ed era un vero appassionato di automobili e imprenditore. Spesso si può ancora trovare sul circuito da corsa a sostenere e seguire le carriere della famiglia.

Niente conta di più per Aldo della famiglia, e questo lo ha portato grande orgoglio nel condividere la sua vita con sua moglie e il suo amore alla Corky High School e ai loro cinque figli Caroline, Mark, John, Mary Jo e Adam.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega