Il tribunale italiano assolve Eni e Shell nel caso di corruzione in Nigeria

Il tribunale italiano assolve Eni e Shell nel caso di corruzione in Nigeria

Mercoledì un tribunale italiano ha autorizzato i colossi dell’energia Eni e Shell dalle accuse di corruzione di 1,1 miliardi di dollari (920 milioni di euro) legate a un importante accordo di esplorazione petrolifera in Nigeria.

I giudici milanesi hanno assolto l’italiana Eni, la società anglo-olandese Shell e 13 imputati, tra cui l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi e il suo predecessore Paolo Scaroni.

“Dopo quasi tre anni di processo, la sentenza del tribunale ha finalmente stabilito che l’azienda, l’amministratore delegato Claudio Descalzi e il management coinvolto nel procedimento si sono comportati tutti in modo legale e corretto”, ha detto in un comunicato Eni.

Nel 2011 Eni e Shell hanno pagato 1,3 miliardi di dollari per una licenza su OPL 245, un gigantesco giacimento petrolifero offshore nigeriano stimato in nove miliardi di barili di greggio.

Il denaro è andato al governo nigeriano, ma i pubblici ministeri italiani stimano che 1,1 miliardi di dollari siano finiti nelle tasche dei politici e degli intermediari nigeriani, tra cui l’ex ministro del petrolio Dan Etete.

Il ministro aveva rivendicazioni personali sul giacimento petrolifero e i pubblici ministeri hanno sostenuto che Eni e Shell sapevano che la maggior parte dei loro soldi sarebbero stati utilizzati per rimborsare Etete e altri, ma le società hanno negato con forza.

Ben van Beurden, amministratore delegato di Royal Dutch Shell, ha accolto con favore la mossa, dicendo: “Abbiamo sempre sostenuto che l’accordo del 2011 era legale, progettato per risolvere una controversia legale di dieci anni e sbloccare lo sviluppo del blocco OPL 245”.

“Allo stesso tempo, è stata un’esperienza di apprendimento difficile per noi. Shell è un’azienda che opera con integrità e lavoriamo duramente ogni giorno per garantire che le nostre azioni non solo soddisfino la lettera e lo spirito della legge, ma anche le più ampie aspettative della società nei nostri confronti. “

READ  Datori di lavoro del centro Italia arrestati per sfruttamento di migranti

All’inizio di questa settimana, Eni ha detto che le due società energetiche avrebbero finito per perdere l’accordo OPL 245, dal momento che il governo nigeriano non ha mai dato loro i diritti di produzione per iniziare l’estrazione.

“I profitti non si sono mai concretizzati, Eni e Shell hanno investito 2,5 miliardi di dollari e la loro licenza scadrà a maggio. Quindi la verità è che le due società sono le parti lese in questo caso”, ha detto AFP ad AFP un portavoce di Eni.

– “Non l’ultima parola” –

Il processo italiano contro Eni e Shell è iniziato nel 2018, cinque anni dopo che tre Ong anti-corruzione hanno presentato una denuncia alla Procura di Milano.

Una delle Ong, Global Witness, ha definito il verdetto una “delusione” ma ha insistito sul fatto che “non segnerà l’ultima parola in questo scandalo per Shell ed Eni”.

La Procura di Milano può presentare ricorso contro le assoluzioni.

Nelle loro dichiarazioni finali dello scorso anno, hanno chiesto una condanna a otto anni di reclusione per Descalzi, così come per Scaroni, che ora è presidente del Milan.

Hanno anche chiesto un mandato di sette anni e quattro mesi per Malcolm Brinded, l’ex capo dell’esplorazione e produzione di Shell, e 10 anni per Etete, che è in fuga.

Inoltre, i pubblici ministeri hanno chiesto al tribunale di infliggere una multa di 900.000 euro ciascuno a Eni e Shell e di confiscare 1,1 miliardi di dollari, l’importo della presunta tangente, a tutti gli imputati.

Global Witness ha ricordato che due intermediari dell’accordo OPL 245 – un nigeriano e un italiano – erano stati processati separatamente dai tribunali italiani e ritenuti colpevoli nel 2018.

READ  30 Migliori Butt Anale Plug Testato e Qualificato

L’organizzazione ha anche notato che le filiali di Shell ed Eni sono sotto processo in Nigeria e che i Paesi Bassi hanno avviato indagini penali sul ruolo di Shell nell’accordo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega