ROBIN SHORT: ricordi d’oro dell’Italia e del più grande successo sportivo di Terranova e del Labrador | Sport regionali | Gli sport

ROBIN SHORT: ricordi d’oro dell’Italia e del più grande successo sportivo di Terranova e del Labrador |  Sport regionali |  Gli sport

ST. JOHN’S, NL –

Ero arrivato abbastanza presto, dopo un altro turno di autobus e treni. Era diventato un vecchio cappello dopo più di due settimane a Torino, in Italia.

A cinque o dieci minuti di schivata per strada dal mio villaggio dei media, in una frazione chiamata Grugliasco, alla prima fermata dell’autobus.

A 10 minuti di auto da Torino, presso un deposito di autobus improvvisato tra la stazione di Torino Lingotto ei principali centri mediatici e internazionali di trasmissione delle Olimpiadi invernali 2006.

I media center erano ospitati in un’ex fabbrica di automobili Fiat, lo stesso edificio che aveva una pista da corsa sul tetto ed è stato utilizzato per le riprese della versione originale di “The Italian Job”, con Michael Caine.

Ma la maggior parte delle mattine a Torino non sarebbe necessario andare al media center, tranne forse per un caffè o qualcosa del genere.

Piuttosto, era una passeggiata al vicino Lingotto, per un viaggio in treno di 15 o 20 minuti fino a Pinerolo, l’antica cittadina italiana con le sue chiese cattoliche risalenti a centinaia e centinaia di anni.

E dove si è svolto il curling olimpico.

E dove ho saputo dell’esistenza di Kyodo News.


15 anni fa questa settimana, Brad Gushue ha fatto saltare in aria il Canada, rappresentato dalla sua pista di pattinaggio a St. John's, per vincere la finale della medaglia d'oro nel curling maschile ai Giochi Olimpici Invernali del 2006. - Comitato Olimpico canadese / olympic.ca
15 anni fa questa settimana, Brad Gushue ha fatto saltare in aria il Canada, rappresentato dalla sua pista di pattinaggio a St. John’s, per vincere la finale per la medaglia d’oro nel curling maschile ai Giochi Olimpici Invernali del 2006. – Comitato Olimpico canadese / olympic.ca

Durante la gara di curling ero seduto nello stesso posto del Palaghiaccio, la nuova arena mozzafiato costruita per le Olimpiadi.

In questo giorno – esattamente 15 anni fa da questo mercoledì – non sarebbe diverso. Ho preso lo stesso posto, che era proprio dietro la calotta di ghiaccio che Brad Gushue e la sua squadra di St. John’s avrebbero presto giocato per l’oro olimpico.

Quindi immagina la sorpresa di vedere un grossolano cartello di Kyodo News bloccato, con un po ‘di nastro, sulla mia scrivania non ufficiale.

Si scopre che Kyodo News era e rimane la principale agenzia di stampa in Giappone, e il suo giornalista – quello che ha requisito il quartier generale – ha cercato di convincermi a trasferirmi altrove.

Ero seduto lì da due settimane. Ora, una squadra di Terranova, che rappresenta il Canada, si sta preparando presto per l’oro olimpico. E devo trovare un posto da qualche parte nell’armadio delle scope, perché l’area stampa si stava riempiendo velocemente?

Non arrivare.

Sono un po ‘sicuro che il giornalista giapponese non avesse idea della maggior parte di quello che stavo dicendo, ma penso che avesse capito gli aggettivi usati.

Ho mantenuto il mio posto e il mio grande punto di osservazione e ho visto Gushue e la sua pista canadese vincere la medaglia d’oro.

READ  Fine linguistica per pasticceria italiana - Video

Quindici anni fa, ieri, ho assistito al più grande successo sportivo di Terranova e Labrador in Italia. Quindici. Inimmaginabile.

Gushue ei suoi compagni di squadra Mark Nichols, Mike Adam e Jamie Korab si sono qualificati per le prove olimpiche di curling del 2005 vincendo la Coppa del Canada. Gushue ha poi fatto notizia prima delle prove ad Halifax, aggiungendo il futuro Hall of Famer Russ Howard al roster come secondo classificato, lasciando Adam come sostituto della squadra.



Alcuni hanno soprannominato la decisione “The Clever of Turin”.

Gushue and Co. non si è presentato solo ai provini pronti per essere uno zerbino per i team canadesi più affermati come Randy Ferbey, Kevin Martin e Jeff Stoughton.

Stoughton, un campione del mondo, è arrivato al punto di dire che la (per lo più) giovane squadra di Terranova “non aveva alcuna possibilità” di vincere le prove.

Gushue ha superato il round robin 8-1, poi ha battuto Stoughton, ironia della sorte, in finale per assicurarsi il suo biglietto per l’Italia. Non ci sarebbe alcun riferimento a Gushue come “l’uomo distrutto su un molo ad Halifax”.

I media del continente se ne sono accorti, ma non tutti nel modo più positivo. Uno scrittore di Toronto ha descritto la vittoria come “la cosa più importante accaduta in The Land Cod Forgot dall’invenzione dell’assegno pogey”.

Quasi quanto la colonna Globe and Mail di Margaret Wente del 2005 che descrive Terranova. tra le altre cose, come un ghetto del benessere. (Il che ha scatenato un divertente discorso sulla stampa un giorno a Torino su esattamente come i Terranova si sentivano per Wente.)

Si potrebbe sostenere che Gushue non avrebbe vinto le Prove senza Howard, che era stato intorno al curling block, conosceva il gioco come il palmo della sua mano ed era esattamente ciò che il dottore aveva ordinato a una giovane squadra inesperta.

Tuttavia, il Torino si è rivelato ancora più difficile. Ci siamo lamentati costantemente del ghiaccio del Palaghiaccio e soprattutto delle rocce utilizzate.

Nichols all’epoca disse: “Non era la stessa atmosfera rilassata che avevamo ad Halifax.

READ  Crolla Pirlo in casa, riscatto di Prandelli


I bigodini non erano così forti come in pratica, ma i Newfoundlanders hanno giocato abbastanza bene presto per sedersi 4-1 e pareggiare per primo con la Gran Bretagna.

Ciò includeva una vittoria per 6-5 contro il norvegese Pal Trulsen, la medaglia d’oro in carica ai Giochi del 2002 a Salt Lake City.

La propensione di Trulsen a godersi un tuffo ha spinto l’arguto editorialista del Toronto Star Dave Perkins a ipotizzare ai giornalisti canadesi: “Ora sappiamo cosa spinge queste pietre a scegliere.

Gushue ha poi rinunciato all’8-7 al finlandese Markku Uusipaavalniemi, lasciando il Canada sul 4-2 e pareggiato secondo con i finlandesi e l’americano Pete Fenson, il pizzaiolo del Minnesota.

Sarebbe la prima delle due perdite di punti consecutivi per Gushue e Co.

Potrebbe non essere stato il 1980 a Lake Placid, New York, ma l’Italia ha avuto il suo piccolo momento Miracle on Ice 26 anni dopo, quando la nazione ospitante ha scioccato il Canada 7-6 nel curling.

“Fantastico”, ha gridato un volontario dopo il pareggio vincente della partita del capitano italiano Joel Retornaz, diventato un po ‘una rockstar di casa, con i suoi occhiali firmati, pantaloni stretti e scarpe bianche.


Quindici anni fa, ieri, ho assistito al più grande successo sportivo di Terranova e Labrador in Italia. Quindici. Inimmaginabile.


Nonostante le due sconfitte, con l’avvicinarsi dei playoff, Gushue and Co. stava vedendo buoni segnali. Prima di tutto, Nichols sembrava ritrovare la sua forma mondiale dopo un gioco marginale all’inizio.

Durante una sessione di prove libere sulla pista di pattinaggio adiacente al Palaghiaccio, Nichols ha lanciato runback dopo runback – circa otto di fila, ha detto Gushue – tutto in denaro.

“Quando tira in quel modo, vinceremo molte partite”, ha commentato il capitano.

E hanno vinto.

I canadesi hanno concluso il girone all’italiana battendo la Nuova Zelanda, poi Fenson e gli americani. Hanno quindi ripreso la vittoria sugli Stati Uniti in semifinale, preparandosi per la finale della medaglia d’oro contro la Finlandia.

Il 24 febbraio 2006, il premier di Terranova e Labrador Danny Williams ha chiuso le scuole per i bambini per assistere allo svolgersi di un potenziale momento storico.

Centinaia (migliaia?) In più si sono presi un giorno libero per assistere a quello che poteva essere un momento di Paul Henderson al Palaghiaccio, che era, come si dice a Terranova, “bloccato” per la partita di campionato maschile.

READ  Juve, Agnelli: “Lo scudetto non è scontato. La sicurezza del conto è una priorità, l'equilibrio economico è rallentato ”| Prima pagina

Poco prima di ricevere la medaglia d'oro, Mike Adam (da sinistra a destra), Jamie Korab, Russ Howard, Mark Nichols e Brad Gushue hanno ricevuto dei fiori, una tradizione olimpica.  - Foto della Canadian Olympic Association
Poco prima di ricevere la medaglia d’oro, Mike Adam (da sinistra a destra), Jamie Korab, Russ Howard, Mark Nichols e Brad Gushue hanno ricevuto dei fiori, una tradizione olimpica. – Foto della Canadian Olympic Association

Mentre il Canada guadagnava terreno, la Finlandia aveva sei vittorie consecutive. E tenendo il martello nel primo finale, Uusipaavalniemi, l’alfabeto finlandese, ha preso un vantaggio per 2-0.

Ma Gushue ha risposto con due dei suoi nel secondo, poi ha rubato i singoli nel terzo e quarto finale.

Dopo che la Finlandia ha ottenuto un punto nel quinto posto, i canadesi hanno messo a segno un mostruoso sesto finale, guidati da Nichols, che finirebbe per chiudere il 97% nel gioco.

Dopo una perfetta doppia ripresa dalla lunga distanza di Nichols, Uusipaavalniemi è stato distrutto dalle guardie sui suoi due colpi. Ciò ha lasciato Gushue, con l’ultimo colpo, a fissare sei delle sue pietre gialle mentre contava.

“Il mio cuore ha assolutamente iniziato a battere”, ha detto Gushue in quel momento. “Mi sono guardato intorno e ho fatto i conti. Siamo uno (4-3) e otteniamo sei, e ora siamo sette e non c’è modo di perdere.

A parte un brusio nell’arena, la pista era sorprendentemente silenziosa, come se i fan stessero cercando di capire se quello che stavano vedendo era reale o immaginato.

Gushue era pesante sul suo pareggio per sette (quando è stata l’ultima volta che è stato ascoltato alle Olimpiadi?). Ma non importa.

In linea con la stampa, ho chiesto a Perkins, seduto accanto a me: “Vedi sei pietre laggiù?”

Confermato.

Giocarono altre due partite, ma Gushue aveva ragione: il gioco era già deciso.



Gushue piangeva dopo la partita al telefono con sua madre, che era tornata a St. John’s.

“Spero che la gente non mi chiami troppo male quando torno a casa”, dice.

Howard, sempre buono per una citazione, stava corteggiando i media. Nichols, nel solito modo di Nichols, era moderato, ma non trascurato dai suoi compagni di squadra.

“È un gioco che lo mette sulla mappa”, ha detto Korab.

“All’inizio della settimana”, ha detto Nichols, “ero proprio come,” Aspettate ragazzi. Inizierò a scattare. Ho avuto la possibilità di farlo nei due giochi più importanti della nostra vita. “

Robin Short è lo scrittore sportivo di Telegram.


RELAZIONATO:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega