Coronavirus in Germania, Koch Institute: “i vaccini non sono per tutti”. Record di infortuni a Berlino

Coronavirus in Germania, Koch Institute: “i vaccini non sono per tutti”.  Record di infortuni a Berlino
Berlino – Berlino ha registrato oggi più casi di qualsiasi altro giorno dell’anno: 706 casi in sole 24 ore, più dei mesi più bui dell’epidemia. Va notato che alcuni di loro potrebbero essere il risultato del “buco” di domenica, quando molti uffici sanitari sono rimasti chiusi e il numero di nuovi contagi è stato segnalato alla fine dell’inizio della settimana. Ma c’è un altro dato che indica che la capitale tedesca è diventata uno dei punti caldi più pericolosi della Germania: da domenica scorsa, altri dieci pazienti sono stati ricoverati in terapia intensiva. I casi gravi hanno raggiunto un nuovo picco di 49, il più alto dal 27 maggio, quando i reparti di terapia intensiva della capitale hanno trattato 56 casi gravi di COVID-19.

In uno dei quartieri più colpiti dal virus, Newcomen, la polizia ha trovato dei volantini inquietanti e denunciati da un gruppo di medici dell’informazione che avvertivano di “imminenti impegni di vaccinazione”. Il governo Merkel, in un Paese colpito dal fenomeno della non vaccinazione, che negli ultimi mesi è sceso in piazza insieme a vari neonazisti e teorici del complotto, più di una volta ha indicato che non ci sarebbe un impegno assoluto per il vaccino contro il Coronavirus. .

Ma per quel probabile segmento di cittadini che aspettano solo la possibilità di proteggersi dalla pandemia con un vaccino, è tempo di una doccia fredda. L’Istituto Rki, l’agenzia governativa focalizzata sui dati del coronavirus, ha deluso coloro che speravano non in inverno, ma almeno nella primavera meno rigida. Ha detto che i vaccini anti-virus attesi dal 2021 saranno distribuiti inizialmente agli anziani e ai gruppi ad alto rischio, e quindi non saranno distribuiti a tutta la popolazione. Il documento strategico di Rki è un invito ai cittadini a non illudersi con un rapido ritorno alla normalità.

READ  Finisce male - Libero Quotidiano

Il responsabile del Koch Institute, Lothar Wheeler, ha commentato: “Nella cura del Coronavirus, abbiamo bisogno di misure di contenimento regionali e limitate nel tempo che si adattino ai rischi”, rilevando che la priorità, nei prossimi giorni, dovrà essere quella di evitare un surplus del sistema sanitario. Angela Merkel si incontrerà domani con i governanti della Terra nel tentativo di trovare una piazza nel giullare delle regole che ora segnano il paese a causa delle decisioni fondiarie indipendenti sulle regole di viaggio, residenza e distanza.

Nel frattempo, i nuovi contagi giornalieri in Germania sono ancora sopra i 4.000; È raddoppiato in una sola settimana. Martedì erano 4.122, poco sotto il picco di sabato, quando ne sono comparse più di 4.700. Il numero totale di morti dall’inizio dell’epidemia è arrivato a 9.634, e 329.453 sono stati contagiati.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega