Ecco i nascondigli preferiti del virus

Ecco i nascondigli preferiti del virus
Covid, cellulari, asciugamani e banconote: ecco i nostri nascondigli preferiti dal virus

Se lo è SARS 2 Ruota, allarga e si muove grazie ai gesti più semplici che chiunque compie ogni giorno. La trasmissione, infatti, avviene principalmente attraverso goccioline, cioè gocce che vengono smaltite quando si parla, si respira, si tossisce e si starnutisce. A causa delle sue piccole dimensioni, viaggia nell’aria a una distanza non superiore a 1 metro. Tuttavia, potrebbe accadere che atterrino su oggetti o superfici vicine. Tuttavia, a questo punto, il problema è con la persona infelice che li tocca: se non si lava subito le mani, finirà per portare a spasso il virus. “Le mani, come abbiamo sempre detto, dobbiamo lavarle molto – ripete Carlo Signorelli, docente di igiene all’Università Vita Salute San Rafael di Milano – se ce le mettiamo in bocca, infatti, è chiaramente il fattore di rischio numero uno”. Poiché è un oggetto di condivisione.

COVID: telefoni cellulari, bancomat e accendini possono accelerare l’infezione. Ecco le regole da seguire

“Lo scambio telefonico è sicuramente un altro comportamento da evitare, perché quando una persona parla, se è infetta, è chiaro che la quantità di goccioline cariche di virus emesse è maggiore di quando si respira solo”. Pertanto, non utilizzare mai lo stesso telefono, nemmeno un telefono fisso a casa. “Dovresti evitare di sostituire tazze, posate e bottiglie. Queste abitudini sono particolarmente comuni tra i giovani. Dovresti seguire le stesse precauzioni a casa per gli asciugamani da bagno. ” Per fermare la trasmissione indiretta, evita semplicemente di introdurre il virus nel nostro corpo. In effetti, se Sars Cov 2 fosse posizionato su uno smartphone, sarebbe ancora lì. “Le mani intervengono tra l’apparato e le mucose – conferma Patrizia Llorente, docente di igiene all’Università Cattolica di Roma – che il virus non si trasmette alla bocca o al naso”.

READ  Lo script aggiornato di Microsoft verifica la presenza di vulnerabilità di Exchange

Detergente
Se sei distratto, è comunque una buona idea “disinfettare i dispositivi, ma lavarsi le mani” è meglio. Lo stesso trucco per le banconote. “L’uso della moneta elettronica è più sicuro, e meglio che no, perché il bancomat tocca solo il proprietario, ed è posizionato sul lettore, e quindi è una manovra sicura”. Quindi dobbiamo sempre ricordare che le cose di uso comune, come le maniglie delle porte, interruttori e pulsanti sui dispositivi citofonici o anche ascensori, possono essere contaminati. Se non puoi usare le scale, spiega Laurenti, “è bene tenere presente che anche gli ascensori hanno bisogno di almeno un metro di spazio. Quindi, se sono affollati, è meglio aspettare la tappa successiva”.

Autonomia
Diversi studi dimostrano che Sars Cov 2 ha un’indipendenza particolarmente buona in alcuni materiali. Secondo il Ministero della Salute, particelle virali infettive sono state trovate per un massimo di 7 giorni sul lato esterno delle maschere chirurgiche e fino a 4 sul lato interno. Su plastica e acciaio inossidabile fino a 4 giorni. Fino a due giorni, invece, sono su vetro e banconote. Un giorno solo su tela e legno e fino a 30 minuti su fotocopiatrice e carta velina. E se il virus preferisce l’umidità o il freddo, gli scienziati ancora non lo sanno. Per ora, dice Laurenti, “non credo che Sars Cov 2 sia in alcun modo un virus sensibile alle condizioni climatiche locali”. Per evitare di trasportare il virus, è comunque una buona idea disinfettare spesso. Secondo le linee guida emesse dai Centri europeo e americano e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il controllo e la prevenzione delle malattie, “la pulizia con acqua e normali detergenti neutri associati all’uso di comuni disinfettanti è sufficiente per disinfettare le superfici”.
È stato anche dimostrato che i disinfettanti a base di alcol o l’ipoclorito di sodio riducono il numero di virus. Dopodiché, però, va prestata la massima attenzione alle cose usate per la pulizia: stracci, spugna, carta, guanti usa e getta, maschere, come raccomandato dal ministero, “preferibilmente dato nel gruppo indifferenziato”. In ogni caso i rifiuti vanno posti in “sacchi di adeguato spessore, magari utilizzandone due, uno dentro l’altro, ed evitando di schiacciare il sacco durante l’imballaggio per espellere l’aria”. È inoltre necessario “lavarsi accuratamente le mani alla fine della pulizia e dei rifiuti di imballaggio”, anche se si indossano i guanti.

video

Ultimo aggiornamento: 13:25


© Riproduzione riservata

READ  L'agenzia spaziale si prepara a perforare la superficie di Marte

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega