Scontri tra Azerbaijan e Armenia, morti e feriti

Scontri tra Azerbaijan e Armenia, morti e feriti
L’Azerbaigian ha annunciato di aver lanciato un importante “contrattacco” contro i separatisti armeni nella regione del Nagorno-Karabakh, che a loro volta affermano di aver causato “perdite” all’esercito azero.

Il ministero della Difesa azero ha dichiarato in una dichiarazione di aver lanciato un “contrattacco globale in prima linea” al fine di “porre fine alle attività militari delle forze armate armene e garantire la sicurezza della popolazione civile”. Sottolinea che uno dei suoi elicotteri è stato abbattuto, ma il suo equipaggio sta bene. Afferma inoltre di aver distrutto 12 batterie antiaeree.

Ripeti / conta

“Stamattina presto, la parte azera lungo la linea del fronte è bombardata. Stanno anche bombardando Stepanakert (la capitale) e chiediamo asilo ai residenti”, ha detto il portavoce della presidenza separatista sulla sua pagina Facebook.

E il ministero della Difesa della regione ha dichiarato: “Le forze armate in Karabakh hanno finora sconfitto i piani (azeri) e inflitto pesanti perdite all’avversario.

Il ministero della Difesa armeno, che sostiene le forze separatiste, ha detto che due elicotteri azerbaigiani sono stati abbattuti con un drone.

Presidente del Nagorno-Karabakh, Arik HarutyunyanIn una riunione di emergenza del parlamento della regione separatista azera, sostenuta dall’Armenia, ha dichiarato la legge marziale e dichiarato piena mobilitazione militare dopo aspri scontri di confine con l’esercito azero. Sia il governo di Baku che le autorità armene a Yerevan hanno riferito che gli scontri hanno provocato anche vittime civili.

Mosca chiede un cessate il fuoco immediato

Ministero degli Esteri russo Sergey Lavrov Le due parti in conflitto hanno chiesto un “cessate il fuoco immediato”. Mosca ha anche chiesto “colloqui per stabilizzare la situazione”.

READ  Koala salvato dopo aver causato un accumulo di 5 auto sull'autostrada australiana

La Turchia condanna l ‘”attacco” armeno

La Turchia condanna fermamente l’attacco armeno all’Azerbaijan, che ha causato vittime civili, descrivendolo come una “chiara violazione del diritto internazionale” e “affermando il suo pieno sostegno” a Baku: ha scritto l’agenzia di stampa turca Anatolia Su Twitter, citando il ministero degli Esteri di Ankara. L ‘Anatolia Citazioni anche dal presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, Che afferma che “l’Azerbaigian difende la sua terra” perché “il Karabakh è suo” promette “vendetta per il sangue dei martiri”.

La regione è al centro del conflitto

Il Nagorno-Karabakh è una regione separatista dell’Azerbaigian, abitata principalmente da armeni e sostenuta dall’Armenia. È stato teatro di una guerra nei primi anni ’90 che ha ucciso 30.000 persone e da allora le autorità azere hanno tentato di riprendere il controllo con la forza, se necessario. I colloqui di pace sono rimasti bloccati per anni.

L’Azerbaigian insiste per ripristinare la sua integrità territoriale, mentre l’Armenia difende unilateralmente gli interessi dichiarati della repubblica.

Il conflitto ha visto un’escalation di violenza nell’aprile 2016 e, nonostante l’accordo su un nuovo cessate il fuoco, si registrano ancora scontri sporadici nella regione di confine. Ilham Aliyev Venerdì ha minacciato di vendetta l’Armenia per il suo “comportamento aggressivo”, riferendosi agli scontri di luglio, e lo ha accusato. Yerevan Al “fallimento volontario” dei negoziati di pace del Karabakh. Ha anche affermato che l’Armenia stava preparando “decine di migliaia di uomini, con un unico obiettivo, ad attaccare l’Azerbaigian”.

Baku ha utilizzato le sue vaste riserve di petrolio per acquistare armi. D’altra parte, l’Armenia, che è molto più povera, è più vicina alla Russia che avere una base militare lì.

READ  Detective del Kentucky nel caso Breonna Taylor a rischio di licenziamento

Erevan fa anche parte di un’alleanza politico-militare guidata da Mosca, l’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva. Il Cremlino, che funge da mediatore nella regione, fornisce armi a entrambi i paesi. Per quasi 30 anni era riuscito a evitare la guerra aperta.

Per spingere per una soluzione negoziata al conflitto, nel 1994 è stato istituito il cosiddetto Gruppo di Minsk, copresieduto da Stati Uniti, Russia e Francia. Il gruppo comprende anche Germania, Bielorussia, Finlandia, Italia, Svezia e Turchia, oltre ad Armenia e Azerbaigian, e la “troika” dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, paesi che rappresentano le presidenze attuali, passate e future.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega