10 ex capi del Pentagono avvertono Trump di non usare l’esercito per alterare i risultati delle elezioni

10 ex capi del Pentagono avvertono Trump di non usare l’esercito per alterare i risultati delle elezioni

WASHINGTON – In uno straordinario rimprovero del presidente Donald Trump, domenica i 10 ex segretari alla difesa in vita hanno messo in guardia contro qualsiasi mossa volta a coinvolgere i militari nel perseguire le accuse di frode elettorale, sostenendo che avrebbe trascinato il paese verso il basso in un “territorio pericoloso, illegale e incostituzionale”.

I 10 uomini, Democratici e Repubblicani, hanno firmato un articolo d’opinione pubblicato sul Washington Post che metteva in dubbio implicitamente la volontà di Trump di sostenere il suo dovere costituzionale di rinunciare pacificamente al potere il 20 gennaio. Dopo le elezioni del 3 novembre e i successivi riconteggi in alcuni stati, nonché le sfide giudiziarie infruttuose, il risultato è chiaro, hanno scritto, senza specificare Trump nell’articolo.

“Il tempo per mettere in discussione i risultati è passato; è arrivato il tempo per il conteggio formale dei voti del collegio elettorale, come prescritto dalla Costituzione e dallo statuto”, hanno scritto.

Gli ex capi del Pentagono hanno messo in guardia contro l’uso dell’esercito in qualsiasi tentativo di cambiare il risultato.

“Gli sforzi per coinvolgere le forze armate statunitensi nella risoluzione delle controversie elettorali ci porterebbero in un territorio pericoloso, illegale e incostituzionale”, hanno scritto. “I funzionari civili e militari che dirigono o eseguono tali misure sarebbero responsabili, anche potenzialmente soggetti a sanzioni penali, delle gravi conseguenze delle loro azioni sulla nostra repubblica.

Un certo numero di alti ufficiali, tra cui il generale Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, hanno dichiarato pubblicamente nelle ultime settimane che i militari non hanno alcun ruolo nel determinare l’esito delle elezioni statunitensi e che la loro lealtà è alla Costituzione e non a un singolo leader o partito politico.

READ  La Germania accusa il segretario del campo nazista di complicità nell'omicidio di 10.000 persone

I 10 ex leader del Pentagono hanno anche messo in guardia nel loro articolo del Post sui pericoli di impedire una transizione completa e regolare al Dipartimento della Difesa prima del giorno dell’inaugurazione come parte di un trasferimento al potere negli Stati Uniti. Presidente eletto Joe Biden. Biden si è lamentato degli sforzi dei funzionari del Pentagono nominati da Trump per impedire la transizione.

Senza menzionare un esempio specifico, ex segretari alla Difesa hanno scritto che i trasferimenti di potere “spesso avvengono in tempi di incertezza internazionale sulla politica e sulla posizione di sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, aggiungendo: “Possono essere un tempo in cui la nazione è vulnerabile alle azioni degli avversari che cercano di trarre vantaggio dalla situazione “.

Le tensioni con l’Iran rappresentano un momento del genere. La domenica ha segnato un anno dall’assassinio americano di Qassem Soleimani, il massimo generale iraniano; L’Iran ha promesso di vendicare l’omicidio e nei giorni scorsi funzionari statunitensi hanno affermato di essere in maggiore allerta per un potenziale attacco iraniano alle forze o agli interessi statunitensi in Medio Oriente.

In un altro segno di tensione tra Stati Uniti e Iran, domenica sera il segretario alla Difesa ad interim Christopher Milller ha annunciato di aver cambiato idea sul licenziamento della portaerei della Marina, USS Nimitz, al paesi del Medio Oriente e che invece avrebbe tenuto la nave. in servizio. Miller ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe mandato a casa i Nimitz, una mossa contraria agli alti ufficiali.

Annullando, Miller ha citato “le recenti minacce dei leader iraniani contro il presidente Trump e altri funzionari del governo degli Stati Uniti”. Non ha elaborato e il Pentagono non ha risposto alle domande.

READ  Arrestata in California una donna che ha aggredito un'adolescente nera a Manhattan

Il pezzo di opinione sul Post è stato firmato da Dick Cheney, William Perry, Donald Rumsfeld, William Cohen, Robert Gates, Leon Panetta, Chuck Hagel, Ash Carter, James Mattis e Mark Esper. Mattis è stato il primo segretario alla difesa di Trump; si è dimesso nel 2018 ed è stato sostituito da Esper, che è stato licenziato pochi giorni dopo le elezioni del 3 novembre.

Il Post ha riferito che l’idea di scrivere l’articolo è iniziata con una conversazione tra Cheney ed Eric Edelman, un ambasciatore in pensione ed ex alto funzionario del Pentagono, su come Trump potrebbe cercare di usare il esercito nei prossimi giorni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega