Come lavoriamo e cosa significano i numeri oggi

Come lavoriamo e cosa significano i numeri oggi

Varesenews pubblica quotidianamente dati sulla diffusione del contagio in Lombardia e in provincia di Varese. Questo articolo, che è uno degli articoli più letti e commentati della giornata, suscita sempre un acceso dibattito, a volte interessante ea volte poco costruttivo. L’articolo sulla nostra pagina Facebook in particolare riceve una grande quantità di commenti e note, e in molti casi è posto in colori eccessivamente accesi, il che solleva molte domande: dove troviamo i dati per questo post? Perché non dire quanti tamponi fanno a Varese? Perché non stiamo parlando del numero di persone senza sintomi? Perché “facciamo terrore”?

In questo articolo, abbiamo raccolto alcune delle domande più comuni a cui proviamo a rispondere. Lo terremo aggiornato aggiungendo gradualmente più commenti ricevuti.


Da dove vengono i dati nell’articolo serale sull’infezione?

Quasi tutti i dati trasferiti quotidianamente provengono da Prospetto emesso dalla Regione Lombardia Che a sua volta ha fatto parte del flusso di dati che è stato fornito ogni giorno da allora Cruscotto della protezione civile Lo raccoglie e lo organizza a livello nazionale. Nella lettera del Bollettino della Regione Lombardia gli unici dati diffusi sulla situazione nella provincia di Varese sono stati quelli relativi al numero di nuovi casi positivi emersi dal trattamento quotidiano dei tamponi. È un numero che non fornisce dettagli sulla diffusione del contagio nella provincia di Varese, Lo abbiamo pubblicamente condannato In molte occasioni, rimane un indicatore importante della diffusione del virus.
Ai dati inviati ogni giorno aggiungiamo una serie di dettagli grafici che servono a chiarirne l’andamento nel tempo.

Quanti ce ne sono attualmente in provincia di Varese? Quanti tamponi vengono prodotti? Perché non lo dici?

Nella trasmissione dei dati sulla diffusione del contagio, continuiamo a registrare quello che riteniamo essere un grave gap in termini di dati locali. Lo abbiamo spiegato e denunciato più volte, consultandoci con le ASL di ATS Insubria e rappresentanti delle istituzioni della regione Lombardia. Purtroppo non abbiamo ricevuto risposte esaurienti. Questi dati saranno essenziali per analizzare e comprendere i segni di crescita dell’infezione in modo tempestivo e per fare previsioni sulla sua direzione futura. Questa è una posizione in movimento molto veloce, quindi è consigliabile essere in grado di raggiungere costantemente questi numeri. Oggi questo non è possibile per noi.

READ  Gli astronomi scoprono finalmente una stella di neutroni nei resti di una famosa supernova | Astronomia

Come ricevete i dati sui ricoveri ospedalieri nel governatorato?

Finora non c’è flusso di dati aggiornati e puntualità sul numero di ricoveri ospedalieri nella provincia. Nel bollettino giornaliero della Regione Lombardia vengono aggiornati quotidianamente i dati relativi esclusivamente ai ricoveri ospedalieri, isolamento e terapia intensiva a livello regionale. A livello locale, quando siamo in grado di fornire informazioni sui ricoveri ospedalieri individuali, è perché ci consultiamo direttamente con gli ospedali ma non è facile ripetere quotidianamente questo aggiornamento.

Perché non pubblicare più i dati sul contagio in tutti i comuni?

I dati sull’infezione nei singoli comuni non erano affatto disponibili a livello distrettuale. Per molto tempo siamo stati in grado di estrapolare queste informazioni da un rapporto ufficiale disponibile nella regione. Oggi questo rapporto non è più disponibile. Gli unici che hanno i dati locali sono i sindaci, ciascuno per il suo comune. Poiché questi dati cambiano costantemente, è difficile creare una panoramica aggiornata della contea, da comune a comune.
Attualmente è possibile reperire dati di contagio nei dieci comuni più colpiti da A. Dashboard Regione Lombardia.

Perché ci sono più infezioni rispetto a marzo?

Il numero di infezioni è molto più alto rispetto a marzo perché sono cambiati i metodi e la quantità di tamponi somministrati. A marzo sono stati eseguiti tamponi quasi esclusivamente su soggetti che avevano già sviluppato sintomi evidenti, anche molto gravi della malattia. Ciò ha impedito a tutti coloro che erano stati infettati dal virus di essere intercettati senza che i sintomi venissero intercettati.
Nella seconda fase della pandemia, il test del tampone è stato esteso anche alle persone che non presentavano sintomi: nell’ambito dei test condotti sui rimpatriati dall’estero, per coloro che avrebbero potuto essere a contatto con un test positivo o in corso di esame sierologico. L’effetto è che oggi ci sono sempre più persone infettate dal virus ma che non mostrano sintomi. Sfortunatamente, questo non significa che non ci siano pazienti. In effetti, questo aumento del numero sta creando uno stress pericoloso per il sistema sanitario.

READ  Ricordo di Lucianetti, fisico sognante, Life for Light: Stars, Lasers and Faith

Positivo non significa malattia, perché non lo dici?

Positivo non significa malattia, l’abbiamo ripetuto tante volte. Un positivo è una persona che produce in questo modo in un test del tampone che rileva la presenza del virus SarsCov2. Le persone infette possono non mostrare alcun sintomo positivo o possono sviluppare gli effetti di una malattia chiamata Covid19. Inoltre, tra coloro che sviluppano la malattia, c’è chi la sviluppa in modo da consentire il trattamento a casa e chi invece presenta complicazioni che richiedono cure ospedaliere. Questo numero crescente crea seri problemi al sistema sanitario. Inoltre, positivo non significa malattia ma è comunque contagioso.

Perché non dici che la maggior parte di loro sono asintomatiche?

Per quanto riguarda la provincia di Varese, non sono state diffuse informazioni sulle circostanze di coloro che sono risultati positivi al test del tampone. Tuttavia, questi dati dovrebbero essere monitorati nel tempo in quanto possono essere positivi per il virus e i sintomi compaiono in un secondo momento. A livello nazionale, questa contabilità è tenuta dall’Istituto Superiore di Sanità. in un Rapporto continuamente aggiornato Spiega come asintomaticamente asintomaticamente oscilli tra il 55% e il 60% e che dipenda molto dalle fasce d’età.
Il punto debole della lettura che spesso guarda ai dati asintomatici è che non tiene conto che indipendentemente dal numero di chi non presenta sintomi, il numero di persone che ne soffrono e che necessitano di cure in ospedale sta crescendo in modo esponenziale. Ansia giorno dopo giorno con il rischio di esposizione a pressioni insostenibili sugli ospedali del Sistema Sanitario Nazionale.

READ  Un metodo di accoppiamento speciale che non richiede un maschio

Contano positivamente anche le nuove salviette per coloro che erano già positivi?

Il numero giornaliero di nuovi casi non è costituito solo da persone che risultano positive per la prima volta

Dove si verifica questa infezione? Scuole, rsa, luoghi pubblici?

A livello locale, le informazioni che ci permettono di comprenderle non vengono pubblicate, ma quando il numero dei contagi diventa molto alto, le stesse persone responsabili della ricostruzione dei contatti non sono più in grado di ricostruire con precisione la catena e le sedi dell’infezione.

Quando sono stati consegnati i tamponi giornalieri dei nuovi positivi?

Il contatto con i tamponi si verifica durante l’elaborazione del risultato del test. Poiché è stata prodotta una grande quantità di tamponi, non tutti i tamponi potevano essere elaborati e refertati durante il giorno. Per questo motivo, il numero di salviette erogate al giorno non solo indica le salviettine prese nelle ultime 24 ore, ma contiene anche salviette che potrebbero essere state eseguite anche nella settimana precedente.

Perché i numeri positivi crescono in modo diverso di giorno in giorno?

A causa delle difficoltà nell’elaborazione di molte salviette e nel numero di salviette eseguite, che differiscono ogni giorno e storicamente sono state inferiori nel fine settimana, la distribuzione del numero di positivi consegnati nei giorni feriali non è sempre la stessa. Ricostruendo la stagionalità di questi collegamenti, sappiamo che nella prima parte della settimana i numeri giornalieri rimangono più bassi e aumentano nel weekend e nel fine settimana.

Perché fai solo terrore?

Non facciamo terrore. Lo sviluppo della diffusione dell’infezione è molto rapido e deve essere monitorato continuamente per comprendere e anticipare i fenomeni di sofferenza. Capire come si trasmette l’infezione aiuta anche a valutare l’efficacia o l’inefficacia delle misure restrittive messe in atto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega