La Cina imprigiona 10 attivisti di Hong Kong, ma sono tornati due minori di 18 anni | Notizie sulle proteste di Hong Kong

La Cina imprigiona 10 attivisti di Hong Kong, ma sono tornati due minori di 18 anni |  Notizie sulle proteste di Hong Kong

Mercoledì un tribunale cinese ha condannato 10 attivisti di Hong Kong che erano stati arrestati dopo essere fuggiti dal territorio in barca a tra sette mesi e tre anni di carcere per aver attraversato illegalmente il confine, in un caso che aveva sollevato preoccupazioni internazionali.

I due che hanno organizzato la gita in barca sono stati condannati rispettivamente a tre anni e due anni, mentre gli altri hanno ricevuto pene di sette mesi, ha detto il tribunale di Shenzhen.

Anche tutti e 10 sono stati multati, ha aggiunto. Gli altri due – di soli 16 e 17 anni – sono stati rimpatriati sotto la custodia della polizia di Hong Kong.

I dieci, che secondo i funzionari di Hong Kong avrebbero dovuto affrontare le accuse a seguito delle proteste a favore della democrazia dello scorso anno, sono stati processati lunedì dopo essere stati detenuti dal 23 agosto senza avere accesso a un avvocato. o la loro famiglia. Armati di avvocati nominati dal governo anziché dei propri, si sono tutti dichiarati colpevoli in procedimenti che sono durati meno di un giorno.

In una dichiarazione, le loro famiglie hanno detto che il procedimento equivaleva a un “processo segreto de facto” del gruppo detenuto dalla Guardia Costiera cinese.

“I diritti fondamentali delle 12 persone di Hong Kong sono già stati privati ​​delle autorità cinesi”, hanno detto. “Il processo legale ingiusto è la prova di una persecuzione politica evidente e draconiana”.

Il caso del gruppo ha generato un interesse diffuso nell’Unione Europea, rilasciando una dichiarazione martedì in cui si chiede il rilascio del gruppo, facendo eco alle precedenti chiamate degli Stati Uniti.

READ  Dal grande nord al Mediterraneo, tesori nascosti, in attesa di ripartire - Corriere.it

“Queste condanne emesse al termine di un processo ingiusto espongono i pericoli che corrono chiunque si trovi sotto processo ai sensi del sistema di giustizia penale cinese”, ha detto in una nota il direttore regionale di Amnesty International per l’Asia-Pacifico Yamini Mishra. comunicato stampa, in cui si rileva che gli osservatori stranieri erano stati esclusi dal procedimento.

Uno dei due attivisti di Hong Kong arrestati dalla guardia costiera cinese ad agosto e consegnato mercoledì alla polizia di Hong Kong [Tyrone Siu/Reuters]

“Le autorità cinesi hanno dimostrato ancora una volta al mondo che gli attivisti politici non avranno un processo equo. Ai giovani di Hong Kong è stato negato il diritto di difendersi attraverso la rappresentanza legale di loro scelta. Diversi avvocati del continente hanno tentato di rappresentarli su richiesta delle famiglie, ma sono stati minacciati dalle autorità cinesi per costringerli ad archiviare i casi.

Secondo Adrian Brown di Al Jazeera a Hong Kong, il caso del gruppo ha suscitato anche preoccupazione tra i residenti del territorio e un po ‘di simpatia.

“Agli occhi di molti, questa è una misura di quanto fossero disperati di lasciare Hong Kong”, ha detto Brown, notando che il governo di Hong Kong li ha etichettati come fuggitivi dalla giustizia.

‘Tolleranza zero’

A Hong Kong furono promesse libertà politiche sconosciute sulla terraferma quando tornò al potere cinese nel 1997, ma la repressione da parte del campo pro-democrazia ha subito un’accelerazione dalle proteste di massa e dall’imposizione dello scorso anno dalla Cina il 30 giugno di una nuova legge sulla sicurezza nazionale.

Mentre alcuni attivisti di spicco, tra cui Nathan Law, sono andati in esilio, altri sono stati accusati in tribunale e alcuni incarcerati.

La Cina aveva detto che i due adolescenti sarebbero stati processati separatamente, ma mercoledì mattina i media statali hanno riferito che sarebbero stati invece rimandati a Hong Kong.

READ  Prima che pulisca la città, ora la guida - Corriere.it

Gli adolescenti, ciascuno con indosso un passamontagna, sono stati consegnati al confine tra Cina e Hong Kong nel porto della baia di Shenzhen.

La polizia di Hong Kong ha parlato ai media dopo che due adolescenti sono tornati dalla Cina che erano tra le 12 persone arrestate dalla Guardia costiera cinese ad agosto mentre cercavano di raggiungere Taiwan [Peter Parks/AFP]

La polizia di Hong Kong ha detto che ora potrebbe affrontare ulteriori accuse per aver presumibilmente tentato di scappare, ma avrebbe dovuto prima trascorrere due settimane in quarantena.

“L’azienda adotterà un approccio di tolleranza zero nei confronti di chiunque cerchi di scappare”, ha detto Cheng Lai-kei, direttore generale dell’ufficio crimine commerciale, citato dall’emittente pubblica RTHK.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega