La linguista Cecilia Robustelli: “Le parole discriminano le donne, ma non sono colpa dell’italiano”.

La linguista Cecilia Robustelli: “Le parole discriminano le donne, ma non sono colpa dell’italiano”.

“È come un caleidoscopio, che ruota e l’immagine cambia. Ma l’essenza è sempre la stessa.” benvenuto? “Tutti si sentono in diritto di parlare di tutto, specialmente su Internet. Basta prendere alcuni frammenti di interviste o articoli accademici e in un batter d’occhio viene preparata un’opinione. In generale non conosciamo completamente l’argomento, abbiamo a che fare con qualcos’altro, ma chi se ne frega. Sembra buono.” E lavorando nelle discussioni De Nanterre. Si discute di tutto: la medicina è grande, la medicina naturale vince su tutto, ma in primo piano ci sono anche le regole: chi si considera linguista solo perché ha la capacità di parlare. “Cecilia Robostelli è docente di linguistica italiana all’Università di Modena e Reggio Emilia. È stata recentemente protagonista del romanzo in Una meravigliosa lezione sulla sessualità femminile nella lingua italiana oggi (per # Maestri, Ray Play). Un argomento che recentemente è stato al centro dell’attenzione. La nostra conversazione inizia qui: “Sono confuso”.

Professore perché?

Perché ho incontrato, soprattutto su Internet, molte persone desiderose di esprimere la loro opinione sull’italiano ma non disposte a metterlo in discussione. Ma hanno dimenticato che la lingua è uno strumento di comunicazione con regole precise, che devono essere rispettate affinché la comunicazione funzioni. Invece, tutti credono di poter usare la lingua a loro piacimento. Prendiamo un argomento caldo come l’uso di termini femminili per denotare ruoli o professioni di alto profilo che denotano donne. Ci sono frasi rave: parole non giuste, non esistono, non le uso perché non mi piacciono, preferisco il maschile perché sono neutre, le voglio usare Iscriviti e Pediatra E così via. Ma gran parte di ciò è errato o realizzabile.

Perché?

Quando parliamo, di solito usiamo il genere femminile per riferirci alle donne e il genere maschile per gli uomini, e questo uso riflette esattamente la regola grammaticale che abbiamo imparato alla scuola elementare. Se leggiamo che il “CEO Bianchi” ha firmato una circolare o che il “governatore russo” parteciperà alla cerimonia, l’immagine mentale che si forma nella nostra mente è quella dell’uomo. Se invece leggessimo le parole “CEO Bianchi” e “Il governatore è russo” sarebbe l’immagine di una donna. Le donne oggi occupano professioni e svolgono ruoli che prima erano solo maschili, quindi molte forme femminili italiane sono entrate o sono state riprese. Ma su Internet ci sono accese controversie sull’uso di Ingegnere un AvvocatoMentre molte nuove parole sono entrate in italiano senza disturbare nessuno.

Per esempio?

Le parole “computer” o “caregiver” sono entrate nel nostro vocabolario come fulmini e non hanno creato problemi. “Fattore ambientale / trice / a” e “scuola collaboratrice / trice / a” hanno sostituito il garzone e il portiere / a, e non ci sono state proteste. Ma le forme femminili di ruoli e carriere prestigiose sono ancora in gran parte rifiutate, anche se non sono dannose. invece di!.

READ  La luna, Giove e Saturno si incontrano

Ci stai dicendo che inserire parole come “medico” o “architetto” non crea problemi di linguaggio?

Certamente no, sono parole che ti permettono di attribuire alle donne il ruolo che svolgono, sono grammaticalmente corrette ed evitano la vaghezza tra il genere maschile e quello femminile che impedisce la comprensione, e quindi la comunicazione. Ed è già in uso: io stesso sono stato consigliere del movimento Giotto, l’organizzazione italiana dei giovani medici di base, che ora si divide in medici e dottori, e Rebel Architette, un gruppo di professionisti che è riuscito ad ottenere il Sigillo dell’Ordine della Donna.

Tuttavia, c’è chi dice che “sembra brutto”.

In italiano abbiamo parole come “zuzzurellone”, di cui hanno riso intere generazioni di studenti, o “loquace”. Sapevi che a Zanichelli esiste anche la “supercazzola”? Prova a leggere le nuove convenzioni che entrano nei dizionari ogni anno, avrai delle sorprese. Dopo di che usiamo la parola “pasticceria” ma ci rifiutiamo di dire “ingegnere”? Abbiamo laghi d’inchiostro in cui periodicamente cerca di rovinare un termine, soprattutto “architetto” perché la domenica i linguisti lo dividevano in “archi” e intendono “Tate”, il secondo come “emesso”. Pazzo ma qualcuno la pensa così!

Pertanto, in questo caso, i cambiamenti sociali non determinano cambiamenti linguistici. Non è la “cattiva intenzione” degli italiani.

Supponiamo che il linguaggio ci offra, come sempre, tutte le possibilità di comunicare l’esistenza delle donne come soggetti attivi nella società, come titolari di ruoli che prima non erano in grado di svolgere, ma che vengono lentamente accettati. Davvero esitante e talvolta persino rifiutando. Certo, qualcosa si spiega pensando che la tradizione linguistica sia di vecchia data, ma i motivi sono in gran parte linguistici, attribuiti alle fortissime tradizioni patriarcali che permeano la cultura del nostro Paese e vedono l’uomo al centro di tutto, la donna ai margini. . Così, nell’uso del linguaggio, il genere grammaticale maschile si estende fino a comprendere la rappresentazione delle donne: ancora oggi usiamo la parola “uomo” per riferirci a uomini e donne, non possiamo usare la parola “umano”. D’altra parte, il genere femminile rimane confinato ai mestieri e alle professioni, più lontano dai centri di potere e più sensibile ai ruoli tradizionali di moglie e madre. O la cosa sessuale. Vi è una mancanza di consapevolezza della portata della discriminazione linguistica contro le donne.

READ  Quanto tempo ci vorrà per bruciare lo spazio indesiderato? Ecco un diagramma utile

Gli uomini difendono il loro potere. Ma perché le donne stesse spesso si oppongono all’uso di questi termini?

Perché per molti il ​​modello culturale di prestigio associato, ad esempio, alla professione forense è ancora l’uomo, in quanto è un uomo elegante, solido e sicuro di sé, e il capo della giuria gli appare in faccia, come nei film americani. Per essere buoni ed essere forti, è necessario essere come un uomo. Ed essere chiamati con lo stesso titolo significa ottenere lo stesso successo. Diciamo anche che gli uomini tendono a non riconoscere pienamente l’abilità delle donne nelle carriere che si sentono ancora come mascoline.

Allora come si fa?

Impariamo il ruolo che la lingua gioca nella costruzione e nel mantenimento delle relazioni sociali. Di quanto il linguaggio nasconda pregiudizi e stereotipi al suo interno, che siamo abituati a non notare nemmeno. Sulla necessità di usare un linguaggio che rifletta un lungo viaggio Potenziamento Eseguito da donne. Leggiamo e studiamo su Internet molte prove di un serio lavoro scientifico che affronta la questione da diverse prospettive.

Può una donna aiutare?

Chi gioca un ruolo importante deve essere leader del cambiamento, e alcuni lo hanno fatto: penso per le istituzioni qui. Laura Boldrini, al ministro Fideli, per condannare Paola de Nicola. La presenza di donne in posizioni di autorità consente una diversa gestione dello stesso potere. Prendiamo l’epidemia di coronavirus: abbiamo visto una combinazione di Dpcm, un trionfo di colori regionali, in misure a breve termine. Se ci fossero state più donne nelle diverse sale di controllo, avremmo avuto una visione più ampia della situazione.

L’epidemia ha avuto un duplice effetto sulle donne: da un lato, molte di loro sono rimaste disoccupate; D’altra parte, è stato riscoperto il valore del “lavoro di cura”, che è un diritto specifico del sesso femminile.

Covid serviva per capire l’importanza delle donne … se da questo periodo fosse emersa una visione diversa della società, i lavori tradizionalmente considerati una minoranza avrebbero assunto un nuovo significato, così come i personaggi che rappresentavano. Ma temo che le ferite del virus si chiudano in modo purulento: non stiamo imparando nulla. Tuttavia, le donne oggi sono sensibilmente più organizzate e mobili. Noi Retti Don, associazione femminile impegnata da dieci anni a garantire il principio di uguaglianza e pari rappresentanza in tutte le sedi decisionali, ha scritto al Presidente della Commissione Europea e al Presidente del Parlamento affinché le risorse della prossima generazione dell’Unione Europea siano investite tenendo conto delle differenze di genere. Una buona testimonianza dell’impegno delle donne a livello politico internazionale, impensabile fino a pochi anni fa.

READ  Spiegazione: lo scongelamento del permafrost potrebbe causare un'altra pandemia?

Nel raccontare omicidi di donne, anche la categoria dei giornalisti ha gravi responsabilità. Se la vittima era una donna, allora stiamo parlando solo di lei, e forse di quel “brav’uomo” che l’ha uccisa. Al contrario, l’assassino viene informato solo quando una donna uccide il suo partner.

Le due forme di violenza sono spesso combinate. Ma non è così. La violenza “di genere” è sistematica e si basa sul fatto che le donne sono ancora considerate proprietà degli uomini. Quindi “se lo chiedono”, se si vestono in un certo modo, se tradiscono; Finisce con la giustificazione dell’uomo. È un modello molto pericoloso ma è ancora vivo, a volte anche in chi si trova costretto a pronunciarsi in aula. Viviamo in un clima misogino. La prima cosa da fare è esserne consapevoli e in questo interesse per il linguaggio può aiutarci.

Venire?

Prestando attenzione a ciò che sentiamo o anche a ciò che diciamo. Cominciamo a notare che una forma comune di esclamazione volgare è tutta femminile, Santo cielo… battute e commenti pesanti che sono considerati apprezzare una donna di solito implicano considerazioni di natura sessuale. Anche i testi, da Pugno in pugno Possono anche essere estremamente sessisti. Quindi usa il nome corretto, signorina o signora per i colleghi al posto del loro titolo. Si interrompe da un uomo quando una donna parla per spiegare il suo pensiero (si chiama Amministrazione dell’uomo). Usa il maschile, non il femminile. È chiaro che il contenuto del messaggio può essere offensivo, riduttivo, dispregiativo e discriminatorio, persino vero discorso di odio e violenza. La lingua è il test principale per il sessismo e la discriminazione. Quindi fai attenzione a respingere la questione dell’uso di termini femminili con posizioni caritatevoli, che è solo un esempio di linguaggio sessista: dietro queste parole c’è dell’altro. Esiste una visione del mondo che riconosce il percorso sociale e culturale delle donne e contraddice le tradizioni patriarcali. La parola femminile è la dichiarazione di riconoscimento del ruolo di una donna e della sua capacità di agire.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega