La scienza commette errori, quindi accettiamo i suoi limiti. Conversazione con Carlo Rovelli

La scienza commette errori, quindi accettiamo i suoi limiti.  Conversazione con Carlo Rovelli

Roberto Serra – Iguana Press tramite Getty Images

“Pensare che la scienza debba sapere tutto non ha senso. È sciocco non accettare i limiti della conoscenza”: così Carlo Rovelli, Il grande ricercatore italiano di fisica teorica, commenta HuffPost sull’accumulo quotidiano di dati, studi e ricerche. Chiudi Sì, chiudi No, il vaccino ci salverà, il vaccino non è la risposta: questi sono solo alcuni dei messaggi contraddittori a cui ci esponiamo ogni giorno che in qualche modo confondono l’immagine della scienza, che è invece un esperimento, un atto implacabile. “Come sosteneva Galileo, la scienza avanza per tentativi ed errori. Non dobbiamo confondere la” scienza “con la faccia di alcuni studiosi che vanno in televisione o vengono intervistati per esprimere opinioni che sono, in realtà, opinioni politiche su temi scottanti – aggiunge Rovelli – la scienza lavora attraverso la discussione e la costruzione del consenso. Attraverso la discussione. “

Chi pratica la scienza non ha le risposte in tasca. Tuttavia, sulla base delle molte posizioni che i partecipanti alla scienza hanno assunto sul Covid-19, sembra il contrario. Per Rovelli la conoscenza del virus si ferma ad un certo punto: “In caso di pandemia ci sono istituzioni internazionali, in particolareOrganizzazione mondiale della sanità, Chi ha ottenuto l’attuale consenso scientifico su ciò che sappiamo dell’epidemia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata affidabile e chiara nel dire ciò che sappiamo e ciò che non sappiamo sull’epidemia “. Nel caso volessimo sapere fino a che punto la conoscenza scientifica dell’epidemia, secondo Rovelli, dovremmo ascoltare l’ultimo bollettino dell’Organizzazione mondiale della sanità, e” non c’è scienziato ” Uno ha le sue parole in TV in un talk show o in un’intervista da un giornale “.

READ  Covid, la mutazione potrebbe aver reso il virus Corona più contagioso

Il fisico dà una chiara definizione di “scienza”: “È la conoscenza che abbiamo”. Punto. Non ha niente a che fare con le opinioni politiche. Sfortunatamente, c’è ancora molta confusione tra le due aree. Come nel caso Chiusura completa. “La scienza ci dice, ad esempio, che alla luce delle attuali conoscenze che abbiamo, aprire scuole, tenere aperti pub, o non fare chiusure, porterà con questa possibilità e tale e con incertezza tale e tale numero di morti in più – afferma Rovelli – di. D’altra parte, sappiamo anche che non aprire scuole, chiudere barriere, chiudere porte, implica perdere ricchezza per alcune persone, causare danni ai bambini, ecc. Quindi la decisione di dare più importanza ai morti o alla ricchezza è una decisione politica, non scientifica “.

Lo scienziato, in quanto tale, deve rimanere assertivo sui dati empirici che ha e non essere prevenuto per dare la sua visione: “Fare o non chiudere una decisione è molto difficile che ci divide chiaramente, perché abbiamo interessi particolari e differenti scale di valori sono differenti. Dicono “dopotutto, è una malattia come le altre”, e anche altri che dicono “la situazione è molto pericolosa”. Non parlano di scienza: parlano della misura dei loro valori, o si concentrano sugli interessi dell’uno o dell’altro: per alcuni, le morti aggiuntive non lo sono Troppo pericoloso, per altri … Per alcuni, se una persona diventa un po ‘povera, non è così pericoloso, e per altri lo è. ”

Riconoscere che la scienza ha bisogno del suo tempo e che le più grandi scoperte della storia non sono avvenute dall’oggi al domani, sarebbe un grande passo avanti. Rovelli, che ha dedicato la sua vita alla scienza, sa di cosa è fatta. “Se sapessimo tutto – dice – allora sapremmo se pioverà o no la prossima settimana. Non lo sappiamo. È sciocco non accettare i limiti della conoscenza, o pensare che è colpa di chi sa (e quindi del mondo), se non sa tutto”. . Eppure la fiducia delle persone nell’accordo invisibile con la conoscenza non deve mai venir meno: “È sciocco – conclude – non dare credito a chi sa, solo perché non sa tutto”.

READ  Mappa degli antichi fiumi di Marte

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega