La scienza: perché i gatti hanno striature e macchie sul mantello?

La scienza: perché i gatti hanno striature e macchie sul mantello?

Gli scienziati rivelano che una teoria di 70 anni che spiega i modelli trovati in natura è valida per capire perché ci sono macchie o strisce sul pelo di un gatto. La cosa curiosa è che anche se la teoria esistesse, la causa è rimasta a lungo un mistero.

Sebbene i biologi abbiano identificato le cellule del follicolo in cui i capelli crescono come fonte dei pigmenti neri, marroni, gialli e rossi che macchiano il pelo del gatto, non sapevano “quando e dove si è verificato il processo di formazione del modello di colore”. , È stato annunciato Gregory Barch, Genetista presso l’Hudson-Alpha Institute for Biotechnology, Alabama, USA, per la rivista Science.

Tuttavia, quest’ultimo aveva alcuni indizi. Il pioniere dell’informatica Alan Turing ha suggerito nel 1952 che le molecole che si inibiscono e si attivano a vicenda potrebbero creare schemi ciclici in natura se si diffondono attraverso i tessuti a velocità diverse. Spiega anche Elizabeth Pennisi in Science.

Trent’anni dopo, altri scienziati hanno applicato la loro teoria per sviluppare un’ipotesi su come ciò sia accaduto Modelli di colore Durante l’evoluzione in natura. Hanno scoperto che le molecole attivatrici danno colore alla cellula, ma producono anche inibitori, che si diffondono più velocemente degli steroidi e possono fermare la produzione di pigmento. Pennisi sottolinea che nel 2019 questa idea si è rivelata corretta in Flora Dracula Simia, Chiamato anche Monkey Orchid.

Nonostante i progressi, gli scienziati dovevano ancora scoprire la chiave e non sapevano come si è evoluto il colore della pelliccia nei mammiferi, fino a quando nel 2020 il team di Parch ha trovato la risposta in due proteine ​​note: le molecole Wnt e DKK4. .

Il team ha scoperto che nei gatti le molecole Wnt e DKK4 agiscono rispettivamente come stimolante e inibitore. Su carnagioni scure, si trovano in quantità approssimativamente uguali. Secondo Pennisi, nelle regioni opache, la proteina DKK4 in rapido movimento spegne probabilmente Wnt, interrompendo la produzione di pigmenti e quindi la generazione di strisce, come previsto dalla teoria di Turing.

Semplici interazioni tra le molecole possono spiegare la diversità dei modelli di colore del mantello nei mammiferi: “È un esempio dell’economia della natura. Si suggerisce che le stesse particelle e percorsi possono essere riutilizzati per progettare strutture molto diverse ea diversi livelli per formare elementi complessi dell’anatomia dei vertebrati”. Denise Headon, Biologo dello sviluppo presso il Roslin Institute, Scozia.

READ  Sharad trova depositi di ghiaccio nell'emisfero meridionale di Marte

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega