L’eroe dell'”hotel Rwanda” condannato a 25 anni di carcere in un caso di “terrorismo” | Ruanda Notizie

L’eroe dell'”hotel Rwanda” condannato a 25 anni di carcere in un caso di “terrorismo” |  Ruanda Notizie

Paul Rusesabagina – un ex direttore d’albergo ritratto come un eroe in un film di Hollywood sul genocidio nazionale del 1994 – è stato condannato per essere parte di un gruppo responsabile di attacchi “terroristici” e condannato a 25 anni di carcere da un tribunale ruandese.

Rusesabagina ha boicottato il verdetto di lunedì dopo aver affermato di non aspettarsi giustizia in un processo che ha definito una “farsa”.

Il caso è stato di alto profilo da quando Rusesabagina, 67 anni, è stato arrestato nell’agosto 2020 dopo quello che ha descritto come un rapimento a Dubai da parte delle autorità ruandesi.

È stato accusato di sostenere un braccio armato della sua piattaforma politica di opposizione, il Movimento ruandese per il cambiamento democratico. Il gruppo ha rivendicato parte degli attentati del 2018 e del 2019 nel sud del Paese in cui sono morti nove ruandesi.

“Ha fondato un’organizzazione terroristica che ha attaccato il Ruanda, ha contribuito finanziariamente alle attività terroristiche”, ha detto il giudice Beatrice Mukamurenzi di Rusesabagina.

La procura ruandese aveva chiesto l’ergastolo per l’ex albergatore, accreditato di aver salvato più di 1.200 vite nel genocidio del 1994. Ma Mukamurenzi ha detto che la condanna “dovrebbe essere ridotta a 25 anni” perché era la sua prima condanna.

‘Mostra saggio’

Da quando è stato interpretato dall’attore Don Cheadle come l’eroe di il film del 2004 Hotel Rwanda, Rusesabagina – con sede negli Stati Uniti – è diventato un importante critico del presidente Paul Kagame.

Parlando con Al Jazeera a Bruxelles, la figlia di Rusesabagina, Carine Kanimba, ha detto che suo padre dovrebbe essere rilasciato e dovrebbe tornare a casa.

READ  Coquihalla riapre dopo l'incidente mortale del semirimorchio

“Questo verdetto non significa nulla per noi. Nostro padre è stato rapito “, ha detto Kanimba. “È stato trascinato oltre i confini internazionali in violazione del diritto internazionale. “

“Mio padre sa che i suoi diritti sono stati violati… ecco perché ha deciso di ritirarsi dal processo, e questo è tutto politico”, ha detto, aggiungendo che suo padre era “un prigioniero politico”. “Le accuse sono completamente inventate”.

Cittadino belga e residente negli Stati Uniti, Rusesabagina ha ricevuto la Medaglia presidenziale americana della libertà per i suoi sforzi durante il genocidio [File: Simon Wohlfahrt/AFP]

La ragazza ha detto che la sua famiglia era “molto preoccupata” per la salute di Resesabagina e temeva che sarebbe morto in prigione.

“Ogni venerdì abbiamo una telefonata di cinque minuti con mio padre… non sembra a suo agio. Sembra che le autorità carcerarie gli stiano facendo pressione, impedendogli di dire quello che vuole dire e impedendo a noi di dirgli davvero quello che vogliamo dirgli. E la chiamata è davvero breve. Mio padre è emotivamente forte, è molto forte emotivamente. Fisicamente siamo molto, molto preoccupati.

L’autrice Michela Wrong, che ha recentemente pubblicato un libro sul Ruanda, ha detto ad Al Jazeera che il verdetto era chiaramente un messaggio all’opposizione.

“Sembra un processo farsa, che riguarda davvero il mettere a tacere il dissenso, assicurandosi che chiunque si alzi, critichi e sfidi Kagame non sia autorizzato a farlo”, ha detto.

“Il verdetto chiarisce alle persone della diaspora e critica Kagame che il governo può portarli ovunque si trovino”.

Rusesabagina è stata presa di mira per anni per aver sfidato il governo di Kagame, ha detto Wrong.

Cittadino belga e residente negli Stati Uniti, Rusesabagina ha ricevuto la Medaglia presidenziale americana della libertà per i suoi sforzi durante il genocidio.

READ  Gli Stati Uniti accelerano la deportazione dei migranti haitiani al confine con il Messico

Rusesabagina ha negato tutte le accuse contro di lui, mentre i suoi sostenitori hanno descritto il processo come prova del trattamento spietato di Kagame nei confronti degli avversari politici.

Il governo ruandese aveva detto che Rusesabagina avrebbe ottenuto un processo equo, ma questo ha sollevato preoccupazione nella comunità internazionale. A dicembre, 36 senatori statunitensi hanno scritto a Kagame esortandolo a rilasciare Rusesabagina.

“Questo è stato un processo farsa, piuttosto che un’indagine giudiziaria equa”, ha affermato Geoffrey Robertson QC, esperto di TrialWatch della Clooney Foundation for Justice sul caso.

“Le prove contro di lui sono state divulgate ma non contestate. Data l’età e le cattive condizioni di salute del signor Rusesabagina, è probabile che questa dura condanna sia una condanna a morte.

“Sparizione forzata”

I pubblici ministeri avevano chiesto l’ergastolo per nove capi di imputazione, tra cui “terrorismo”, incendio doloso, presa di ostaggi e formazione di un gruppo ribelle armato da lui guidato dall’estero.

Rusesabagina è diventato una celebrità globale dopo il film di Hollywood, che lo ha raffigurato rischiare la vita per ospitare centinaia di persone come gestore di un hotel di lusso nella capitale del Ruanda, Kigali, durante il genocidio di 100 giorni quando il gruppo etnico hutu ha ucciso oltre 800.000 persone, per lo più dalla minoranza tutsi.

Cheadle è stato nominato per un Oscar per il ruolo. Rusesabagina ha usato la sua notorietà per evidenziare quelle che ha descritto come violazioni dei diritti da parte del governo di Kagame, un comandante ribelle tutsi che ha preso il potere dopo che le sue forze hanno preso Kigali e posto fine al genocidio.

READ  I nomi dei cardinali che rischiano il crollo del Vaticano - Libero Quotidiano

Il processo a Rusesabagina è iniziato a febbraio, sei mesi dopo il suo arrivo a Kigali con un volo proveniente da Dubai.

I suoi sostenitori dicono che è stato rapito. Il governo ruandese ha lasciato intendere che fosse stato fatto salire a bordo di un aereo privato.

Human Rights Watch ha dichiarato all’epoca che il suo arresto equivaleva a “sparizione forzata”, che ha caratterizzato come una grave violazione del diritto internazionale.

Rusesabagina ha detto di essere stato imbavagliato e torturato prima di essere incarcerato, ma le autorità ruandesi hanno negato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega