Plasma iperimmune per pazienti Covid-positivi. BASI (Unità Malattie Infettive): Anche a Ravenna partiranno le sperimentazioni

Plasma iperimmune per pazienti Covid-positivi.  BASI (Unità Malattie Infettive): Anche a Ravenna partiranno le sperimentazioni

Oggi, 5 novembre, parteciperà anche Ravenna Programma di iperemia immunitaria, Un’esperienza che può essere registrata Un importante passo avanti nella lotta contro la SARS-CoV-2. Annuncialo Paolo Bassi, Responsabile del Reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale “Santa Maria delle Croce” di Ravenna. Gli specialisti in malattie infettive del Dipartimento di malattie infettive e i responsabili delle trasfusioni di sangue nel Centro trasfusionale saranno registrati nel Registro Nazionale Aderirai al protocollo Che comporta l’uso di plasma iperimmune, o Siero immunitario iperimmuneUna sperimentazione finalizzata all’utilizzo degli anticorpi presenti in pazienti già guariti dal Coronavirus. Si trova a circa un Trattamento alternativo Che potrebbe essere di grande importanza nel trattamento positivo del Coronavirus.

“Entro una settimana dobbiamo essere pronti e possiamo anche iniziare qui a Ravenna con un esperimento: ai pazienti con COVID-19 può essere somministrato plasma ricco di anticorpi, prelevato da precedenti pazienti positivi – Spiega Passy -. Si tratta di un programma sperimentale che, solo su base volontaria, è già attivo in una ventina di centri sul territorio nazionale, con protocolli che garantiscono il massimo controllo del plasma, per escludere che possa essere vettore di altre malattie “.

“Nel reparto malattie infettive, siamo sempre pieni – Passy continua-. Attualmente abbiamo 16 pazienti Covid che sono sintomatici e necessitano di cure ospedaliere. Non è così grave da richiedere l’intubazione, ma richiede una ventilazione moderata. Il trattamento a cui ci sottoponiamo per i pazienti COVID-1 dipende Eparina, cortisone e remdesivir a basso peso molecolare, Un farmaco anticoide che, pur essendo oggetto di discussione, è l’unico efficace contro il virus “.

Sulla situazione del “contagio” nelle nostre terre, Bassi ha dichiarato di non essere particolarmente preoccupato: “Penso che il sistema sanitario regionale sia molto efficace. Tra i medici principali e l’amministrazione sanitaria, ho notato una grande unità di intenti, che è una premessa necessaria per poter affrontare qualsiasi sfida. L’inizio è difficile e lo sarà nei prossimi mesi “.

READ  Un paziente COVID-19 critico nel supporto ventilatorio: pronazione

Bassi spiega che rispetto alla primavera 2020 lo è adesso Migliorare la capacità di diagnosticare Grazie all’utilizzo di test rapidi. “Dobbiamo essere in grado di capire quanto è diffusa l’infezione nella popolazione e quante persone hanno sviluppato gli anticorpi, cioè la percentuale Popolazione protetta. Questo è il motivo per cui i test rapidi sono così importanti “.

Rispetto alla gestione Controlli rapidi presso cliniche di medici di famiglia e pediatriBassi capisce il suo vantaggio “importantissimo” ma non nega che in questo momento i medici chiedano molto: “Sono sicuramente la prima linea di intervento contro il Covid, ma oltre alla normale attività ambulatoriale di cui si occupano ora e anche al vaccino antinfluenzale, la situazione non è facile”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega