“Biden ha saputo del figlio.” Il rivelatore a sorpresa che ha scosso il voto degli Stati Uniti e fatto sorridere Trump – Il Tempo

“Biden ha saputo del figlio.”  Il rivelatore a sorpresa che ha scosso il voto degli Stati Uniti e fatto sorridere Trump – Il Tempo

Un’altra “sorpresa di ottobre” potrebbe riflettere l’esito del voto

Le “sorprese di ottobre” delle elezioni presidenziali americane potrebbero non finire. Dopo che Donald Trump è positivo sul virus Corona, infatti, questa volta è Joe Biden a tremare. La custodia del laptop Hunter Biden “non fa parte di alcune campagne di disinformazione russe”. L’affermazione, che contrasta con quanto affermano i Democratici, arriva dal direttore dell’intelligence nazionale, John Ratcliffe, numero uno nella “comunità dell’intelligence” statunitense, e non mancherà di generare polemiche.

In un’intervista con Fox Business, Ratcliffe ha effettivamente negato ciò che il presidente democratico della Commissione per i servizi segreti della Camera, Adam Schiff, ha detto ieri, è che l’intera storia delle e-mail del figlio dell’ex vicepresidente, che secondo gli stessi repubblicani, era coinvolto negli affari esteri di suo figlio, e loro Più che un trucco di Mosca per interferire nelle elezioni presidenziali. “È buffo che coloro che si lamentano di più della politicizzazione dell’intelligence siano quelli che politicizzano l’intelligence”, ha detto Ratcliffe. Sfortunatamente, è stato Adam Schiff a dire che i servizi di intelligence credevano che il laptop e le e-mail di Hunter Biden facessero parte della campagna di disinformazione della Russia. Voglio essere chiaro – e ha aggiunto – che i servizi di intelligence non credono a questa questione perché non ci sono informazioni di intelligence a supporto. Non abbiamo condiviso alcuna informazione con Adam Schiff o con nessun altro membro del Congresso.

Parole pesanti Le parole di Ratcliffe, proprio per l’importanza di chi le pronunciava, dopo il tentativo democratico di risolvere in fretta la questione, come la manovra del “Cremlino”, che i repubblicani stavano sfruttando a fini elettorali, ha sottolineato Schiff. Una specie di seconda puntata da Russiagate, che è ancora troppo presto per dire se avrà un peso nelle urne, da qui al 3 novembre.

READ  Nuove accuse in preparazione contro la donna per presunto furto del computer di Nancy Pelosi, dice il pubblico ministero

La storia è esplosa dopo che il New York Post ha pubblicato un articolo in cui si afferma che le e-mail del computer indicavano che Joe Biden era a conoscenza, se non direttamente coinvolto, nell’attività che suo figlio Hunter stava conducendo all’estero. In alcune lettere, ci sono prove che Hunter Biden ha presentato l’uomo d’affari ucraino Vadim Pozharsky a suo padre, Joe. I materiali sono stati consegnati al New York Post, ex sindaco di New York City e avvocato personale del presidente Donald Trump, Rudolph Giuliani. Ratcliffe ha sottolineato che il laptop è ora nelle mani dell’FBI, che in pratica non ha né confermato né smentito l’esistenza di un’indagine. Tuttavia, il direttore dell’intelligence nazionale ha chiarito che i servizi segreti non erano coinvolti in alcuna procedura relativa a questo problema. Pozharskyi è consulente del consiglio di amministrazione di Burisma, la compagnia energetica ucraina al centro di tutti i presunti e controversi legami tra la famiglia Biden e Kiev. “Caro Hunter, grazie per avermi invitato a DC e per avermi dato l’opportunità di incontrare tuo padre e trascorrere del tempo insieme. È un onore e una felicità”, si legge nell’e-mail che Pozharsky avrebbe inviato a Hunter Biden il 17 aprile 2015.

All’epoca, Hunter Biden era un membro del consiglio di amministrazione di Burisma e suo padre, Joe, era alla Casa Bianca, come vice di Barack Obama. Per il New York Post, questa sarebbe la prova che Biden stava interferendo nella politica ucraina per aiutare gli affari di suo figlio.

Da allora, Twitter e Facebook hanno effettivamente censurato i post che hanno rilanciato il popolare articolo del quotidiano di New York, spingendo il presidente Trump ei repubblicani a gridare a gran voce per la censura. Inoltre, la storia ha lati controversi. L’e-mail presumibilmente “inchiodata” a Biden su un laptop che è stato portato in riparazione in un negozio nel Delaware, lo stato della famiglia Biden. Non si sa chi abbia preso il computer per ripararlo e, come scrive il New York Post, nessuno è tornato a riprenderlo. Il negoziante avrebbe trovato le email e i video hackerati sul portatile, e lo stesso negoziante, dopo aver contattato l’FBI, aveva fatto una copia del disco rigido e l’aveva consegnata a Robert Costello, l’avvocato di Giuliani.

READ  Arizona, elezioni USA: "Biden ha vinto qui"

Lo stesso Giuliani ammette che i materiali nel disco rigido del laptop sono controversi, con il sito Web conservatore che dice a The Epoch Times che ci sono volute tre settimane con i suoi consiglieri per autenticare i documenti. Giuliani dice di essere sicuro che i materiali siano autentici, ma non esclude la possibilità che “il negoziante stesse mentendo”, o che il computer sia stato portato nel negozio o fosse di proprietà di qualcuno diverso da Hunter Biden. In un secondo articolo, il New York Post ha pubblicato ulteriori e-mail che mostrano che Hunter Biden ha tentato accordi milionari con una compagnia petrolifera cinese con legami con l’esercito di Pechino. Altri materiali controversi, a quanto pare, hanno innescato la campagna elettorale, sebbene i principali media statunitensi abbiano ignorato la storia, sostenendo che potrebbe essere una campagna di disinformazione di Mosca per influenzare il voto del 3 novembre.

Tuttavia, come ha denunciato in un tweet lo stratega della campagna di Trump Jason Miller, il Comitato dei dibattiti presidenziali ha deciso, senza fornire una spiegazione, di non consentire al candidato democratico di essere interrogato sulla politica nel prossimo e finale dibattito tra Trump e Biden. Straniero, “così Joe Biden non deve rispondere che è in conflitto con il Partito comunista cinese”. Quel che è certo è che Trump stesso solleverà la questione quando affronterà di petto l’ex vicepresidente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PIANETASTREGA.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Pianeta Strega